tecnica

Le moto a 6 e 8 cilindri che hanno scritto pagine di storia

- La BMW riporta in auge il motore a 6 cilindri in linea. Ma non si tratta di una novità assoluta, altre Case nel passato hanno prodotto motori a 6 (o anche più) cilindri con diverse architetture | Massimo Clarke
Le moto a 6 e 8 cilindri che hanno scritto pagine di storia


Gli altri motori a sei cilindri in linea


Tralasciando alcuni esemplari unici realizzati da un paio di appassionati americani su base Henderson e Indian e addirittura una “special” costruita in Spagna all’inizio degli anni Venti, tutti a sei cilindri in linea longitudinale, i motori con questo frazionamento hanno dovuto attendere la fine degli anni Cinquanta per essere presi in seria considerazione da parte dei tecnici del settore motociclistico.
Come logico i primi ad interessarsene sono stati i costruttori di moto da corsa. La MV Agusta nel 1957-58 realizzò una 500 a sei cilindri in linea frontemarcia, che però non uscì dallo stadio sperimentale, e riprese questa architettura nel 1969 per una 350 che non ebbe seguito a causa dei mutati regolamenti, che limitavano a quattro il massimo numero di cilindri.
Un successo straordinario ebbero invece le 250 a sei cilindri in linea frontemarcia della Honda, progettate dal famoso tecnico Irimajiri, che conquistarono il titolo iridato nel 1966 e 1967 e dalle quali venne ricavata una versione di 297 cm3, essa pure vincitrice di un mondiale, nel 1967.
Per quanto riguarda le moto di serie, la prima sei cilindri in linea è stata la Benelli 750, presentata nel 1972, con distribuzione monoalbero, che disponeva di 71 CV a 8900 giri/min; nel 1978 la sua cilindrata è stata portata a 906 cm3 e la potenza a 80 cavalli. 
Sul finire degli anni Settanta sono apparse la Honda CBX bialbero a quattro valvole per cilindro, la cui prima versione erogava 105 CV a 9000 giri/min, e la Kawasaki Z 1300, bialbero con raffreddamento ad acqua, che disponeva di ben 120 CV.

Architetture diverse


Le moto a sei cilindri in linea, prodotte comunque in numeri modesti, sono uscite di scena durante gli anni Ottanta e fino alla comparsa della BMW K 1600 di motori di questo tipo nel nostro settore non si è più parlato.
Ci sono stati però altri modelli con questo stesso frazionamento ma differente architettura costruttiva che meritano di essere menzionati.
Nella seconda metà degli anni Settanta la Laverda realizzò, su progetto dell’ing. Alfieri, una 1000 a sei cilindri a V di 90°, bialbero con raffreddamento ad acqua, destinata ad impiego agonistico, dalla quale si pensava di ricavare in seguito più di un modello stradale. La moto, accreditata di 143 cavalli a 11000 giri/min, era però pesante e lunga (il motore era disposto longitudinalmente); inoltre, i costi di industrializzazione erano molto elevati. Il programma di sviluppo venne pertanto abbandonato. Nello stesso periodo la Honda aveva pensato a un V 6 (trasversale) per la sua ammiraglia; la moto, denominata CVX 1000 non uscì dallo stadio di prototipo in quanto ad essa venne preferita la CBX, con i cilindri in linea.
Una apprezzabile diffusione ha avuto invece la Honda GL 1500, apparsa nel 1988 e poi evolutasi nella 1800, il cui motore boxer a sei cilindri era estrapolato direttamente dal quadricilindrico della prima Gold Wing, realizzata in versioni di 1000 e successivamente di 1200 cm3. 

Se sei sono pochi…


Nella storia delle moto da competizione un posto di assoluto rilievo spetta alla mitica 500 da Gran Premio realizzata dalla Moto Guzzi nel 1955 su progetto dell’ing. Giulio Cesare Carcano, con motore a otto cilindri a V di 90°. Si trattava di un autentico capolavoro di meccanica la cui messa a punto non potè essere completata a causa del ritiro della Casa dalle competizioni. La potenza nel 1957 era dell’ordine di 72 cavalli a 12000 giri/min. 
 

Honda RC 166
Honda RC 166

Prima di questa splendida 500 c’erano stati solo alcuni esempi sporadici di moto con più di sei cilindri. Ricordiamo la Dufaux del 1905 con motore stellare, rimasta allo stadio di prototipo, la moto da record di Glenn Curtiss con un V8 di ispirazione aeronautica, che nel 1907 toccò i 218 km/ sulla spiaggia di Daytona e la Galbusera con motore V8 a due tempi del 1938, essa pure costruita in un unico prototipo.
Dopo la Guzzi, anche la Benelli pensò a un V8 bialbero per la sua nuova 250 da GP destinata al mondiale 1970. Vennero realizzati vari componenti del motore, ma poi il progetto fu abbandonato a causa delle limitazioni imposte dal nuovo regolamento.
Per realizzare un modello di serie diverso da tutti gli altri, anche il vulcanico Giancarlo Morbidelli, le cui 125 da GP avevano vinto mondiali a ripetizione negli anni Settanta, pensò a un motore V8. La moto, di impostazione granturistica, venne realizzata nel 1997-98. Il motore di 850 cm3 era disposto longitudinalmente e la trasmissione finale era ad albero. La potenza veniva indicata in 120 CV a 11000 giri/min. Questa interessantissima realizzazione non è mai entrata in produzione.


 

  • tioluca, Roseto Valfortore (FG)

    tema bellissimo......le 6-8 cilindri....

    però senza foto e dati tecnici .....
  • baetto, Chiaravalle (AN)

    Prima di tutto saluti a Massimo Clarke e poi che dire di questi capolavori del passato?
    La Honda 6 ho avuto il privilegio di vederla in gara (non in parata storica) con l'immenso Mike "the bike" Hailwood e benche fossi un preadolescente ricordo ancora la musica, nella stessa giornata ha corso anche Ralph Bryans con la 125 cinque cilindri quattro valvole per cilindro!!.......che musica ragazzi! e pensare che avevano l'accensione a magnete e la tecnologia dell'epoca e giravano già a 18000!!!
    La Guzzi non l'ho vista in gara (sono del '55) ma mi fa pensare che se una 500 cc del 1957 ad alimentazione atmosferica tirava fuori quasi un'ottantina di cavalli con la tecnologia di allora, oggi che combinerebbe?
    Aveva l'accensione con 8 gruppi di ruttori (puntine e condensatori) che era quasi impossibile mandare perfettamente daccordo, se ricordo bene era alimentata con 8 carburatori piatti perchè se no non ci stavano con 4 vaschette anch'esse piatte e 2 valvole per cilindro.
    Oggi con i moderni rapporti di alesaggio e corsa, una moderna accensione elettronica con alimentazione ad iniezione ecc, 4 valvole e tutta la tecnologia elettronica possibile dove potrebbe arrivare con la stessa cilindrata?
    Tutto ciò per dire quanto assurdi siano i regolamenti tecnici che a tutt'oggi regolano il motomondiale gestito da personaggi che hanno voluto trasformare il nostro sport in una specie formula 1 (ed hainoi i risultati si vedono, che pena la griglia di partenza e le gare della motoGP) senza tener minimamente conto della sua storia, sono certo che appena smetterà Valentino il giocattolo si romperà nelle loro mani e forse i mercanti usciranno dal tempio, povero motociclismo!
Inserisci il tuo commento