MXGP 2022. Tony Cairoli racconta il sogno (avverato) americano: "È stato come venir via presto da una bella festa"

MXGP 2022. Tony Cairoli racconta il sogno (avverato) americano: "È stato come venir via presto da una bella festa"
Il campione italiano ha raccontato l'esperienza negli Usa da vari punti di vista, spiegando anche perché, alla fine, ha deciso di non fare il campionato completo: "Il ritmo delle manche è diverso, i cancelletti sono diversi. Ho visto molte bandiere italiane, è stato pazzesco"
7 luglio 2022

Tony Cairoli ha parlato a lungo con l’ufficio stampa di Ktm della sua esperienza nella serie AMA Pro National 2022 negli Stati Uniti. L’intervista è stata pubblicata dai canali di Ktm. Cairoli negli Stati Uniti ha disputato quattro gare, anche se all’inizio dovevano essere solo due. Si è divertito molto e ha sentito l’affetto dei tifosi ma non se l’è sentita di disputare tutto il campionato. Così, dopo le tappe in California, Colorado e Pennsylvania, Tony è tornato a casa per continuare ad essere ambasciatore e tester con Ktm.

Tony, sei andato negli Stati Uniti con un solo mese di preparazione. Non era molto, lo hai sentito?

“Di sicuro, e sapevo che sarebbe stata molto dura gareggiare, ma poi sono rimasto anche un po' sorpreso perché stare tra i primi cinque era possibile, se non fosse stato per qualche errore. Eravamo sempre lì: 7, 8, 5, 6, 4, 4. Alla fine sono stato abbastanza contento del ritmo che ho avuto”

Hai sempre voluto provare a correre nell’AMA...

“È stato davvero bello, tutto nuovo, ho dovuto imparare le piste, lo sterrato, gli avversari e il ritmo delle manche. È stato sicuramente divertente”

Hai corso anche con la KTM 2023 SX-F del 450...

“È stata una grande esperienza guidare la nuova moto. Il motore ha avuto le stesse prestazioni della mia moto ufficiale l'anno scorso, ma non abbiamo avuto molto tempo per lavorare sulle impostazioni delle sospensioni per il nuovo telaio. Dopo due gare ho iniziato a sentirmi molto meglio e sono stato contento di come si è sentita la moto”

Il piano era per una, poi due e infine hai fatto quattro gare. Troppo poco o più di quanto ti aspettassi?

“È stato bello farne quattro. Il piano era di fare le prime due ma poi siamo rimasti per altre due perché vedevo che stavamo migliorando molto. Eravamo già negli States e ci è costato pochissimo restare un altro paio di settimane per altre due gare. Sapevamo di dover prendere una decisione dopo quelle quattro e l’ho presa su come mi sentivo. Stavo migliorando ogni volta, ma fare l'intera stagione è molto difficile per me, dopo così tanti anni di campionato del mondo. Con la preparazione che avevo sarebbe stato uno sforzo molto grande fare tutto il campionato”

È stato come venire via presto da una bella festa?

“Sì! Così. È stata un'ottima esperienza e siamo andati bene fino al quarto round, quando ho avuto qualche problema nella prima manche e sono caduto e ho battuto il ginocchio. Sapevo che era la mia ultima gara, se fossi stato in lotta per il campionato avrei dato qualcosa in più, ma ero fuori dai primi dieci e non volevo rischiare così tanto. Ero lì solo per godermi le gare e non per schiantarmi e farmi male”

Quali aspetti del campionato Ama sono più facili della MXGP?

“Mi è piaciuta la preparazione della pista. La squadra di pista ascolta davvero i piloti e dialoga con i migliori dopo ogni sessione. Mi è piaciuto anche il formato di un giorno. È più intenso e tutti vanno più veloci dall'inizio”

Cosa hai trovato di più difficile?

“Il cancelletto di partenza è diverso e anche il ritmo delle manche è diverso. I primi giri sono velocissimi perché penso che i ragazzi siano abituati dal supercross. I primi due giri sono molto veloci e aggressivi e questo è diverso dalla MXGP dove tutti impostano i primi giri e poi il ritmo si alza. È stato un po' difficile adattarsi al fatto che la parte più pazza della gara è proprio all'inizio. Devi adattarti rapidamente”

Come hai trovato l’accoglienza dei fan statunitensi che volevano vederti correre da molto tempo?

“È stato pazzesco! I fan sono stati davvero di supporto e hanno tifato molto. Ho visto molte bandiere italiane in giro per le piste. È stato davvero bello e non mi aspettavo un'accoglienza così calorosa. È stata un'altra parte davvero piacevole di tutto”

Ultime da Motocross

Da Automoto.it

Caricamento commenti...