video intervista

MXGP 2015, Francia. Cairoli: "Una delle piste più pericolose mai viste"

- Cairoli per nulla soddisfatto del risultato e critico nei confronti degli organizzatori francesi

«Non sono per niente soddisfatto. Il mio errore nella seconda manche è stato in un cancelletto non preparato benissimo, perché dietro al cancelletto era come il cemento e non c‘era modo di prepararlo. C’erano dei cancelletti buoni e altri un po’ così così. Io purtroppo ieri non ho fatto un grandissimo tempo in qualifica, e non avevo una grande possibilità di scelta, quindi mi sono dovuto accontentare».

La prima manche è andata bene, con una bella partenza, la seconda invece sono partito in mezzo al gruppo ed ero 17-18esimo al primo giro. Poi piano piano ho rimontato e sono risalito fino alla settima posizione».

 

Era difficile rimontare?

«La pista è una delle più pericolose che io abbia mai visto in tutta la mia carriera: secca e con grossi canali. Anche in discesa era facilissimo fare degli errori e infortunarsi. Dopo aver tentato di recuperare ho visto che non era il caso di rischiare».

 

La vittoria nella prima manche ha dimostrato che Cairoli c’è.

«Il mio obiettivo è quello di vincere sempre tutte le gare, però c’è qualcuno che ti batte ogni tanto e in questo caso è stato Febvre, che è stato molto forte. Complimenti a lui».

 

La prossima gara è in Italia.

«Speriamo che ci sia tanto pubblico e di superare numericamente quello francese».

  • luciopx, Trento (TN)

    Tony cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno,hai rosicchiato altri 2 punti a nagl...meglio di niente.
  • info.disposito

    Seguo il motocross da una vita ,condivido quanto coraggosamente dichiara Cairoli , alcune piste del mondiale sono maledettamente pericolose, lo dico da spettatore, preferirei qualche triplo in meno, ritornare a una velocita umana sul giro , e magari vedere belle battaglie fra campioni, Che gusto c'e nel vedere la mancanza di tanti protagonsti fuori per infortunio?.
Inserisci il tuo commento