Chi è Axell Hodges, l’amico di Valentino Rossi che odia le gare e ama le acrobazie [VIDEO]

Chi è Axell Hodges, l’amico di Valentino Rossi che odia le gare e ama le acrobazie [VIDEO]
  • di René Pierotti
Chiude salti atterrando solo sulla ruota anteriore, oppure in impennata... "Mi piace creare". Voleva essere Jeremy McGrath, il campione di supercross, ma poi ha scoperto di odiare le competizioni. Ha un parco enorme dove costruisce salti "con il mio bulldozer" e recentemente è stato ospite a Tavullia: "Da grande voglio essere come Valentino"
  • di René Pierotti
11 luglio 2022

Voleva essere Jeremy McGrath e invece è diventato Axell Hodges, l’amico di Valentino Rossi che odia le gare e ama le acrobazie

Chi conosce Axell Hodges è consapevole che parlando di lui si parli più di un artista della moto che di un atleta che fa sport. Le sue acrobazie sono opere d’arte effimere, durano pochi secondi.

A inizio carriera Hodges, che è nato nel 1996, voleva diventare crossista e il suo idolo era Jeremy McGrath, il re del Supercross. Axell è nato ad Encinitas, città a 40 km a nord di San Diego, affacciata sull’oceano, in California. Molte delle informazioni che leggerete in questo articolo sono prese da una lunga intervista fatta da Eric Johnson su raxerxonline.

Adesso Hodges è uno dei freestyler più seguiti e apprezzati nel mondo ma è lui stesso a spiegare che all’inizio aveva altre mire: “Quando ero più giovane Jeremy McGrath era tutto: sette volte campione di supercross, viveva proprio in fondo alla mia strada, quindi volevo essere un pilota e volevo essere come Jeremy. Quando ero un ragazzino volevo otto titoli di supercross ed essere il nuovo re”.

Hodges ha rivelato che le gare, da subito, lo hanno annoiato e gli hanno messo paura: “Ho iniziato quando avevo 14 anni e all'inizio stavo andando molto bene e poi, non lo so... Mi sono semplicemente esaurito e ho iniziato a non fare bene. Le gare sono state una sorta di risucchio di tutto il divertimento di guidare le moto da cross. Guido le moto da cross perché è la cosa che preferisco al mondo”.

“Mi sentivo come se fossi costretto a uscire in pista, era come andare là fuori e avere paura ogni giorno quando invece tutto ciò che volevo fare era guidare e divertirmi sulla mia moto da cross. Le corse sono divertimento quando fai bene nella classe dei principianti e vinci, ma non appena sono diventate serie ho iniziato a capire di cosa si trattasse veramente e non volevo più farle”.

Recentemente è stato a Tavullia, a conoscere Valentino Rossi, l'intesa è stata ottima da subito: "È stato così divertente! È il tipo più simpatico di sempre. Valentino si è presentato e la prima cosa che ha fatto è stata andare con la sua macchina a circa 100 miglia orarie. È saltato fuori e mi ha dato un grande abbraccio".

Sul suo freestyle e sul fatto che ricordi McGrath, anche lui grande intrattenitore, ha detto: “Sì, di sicuro. Ho ammirato Jeremy per tutta la vita. Volevo essere come lui. Ho decisamente spinto per essere come lui ma sono diverso. Lui si è divertito a vincere gare di supercross e fare feste con ragazze, era così negli anni '90. Mi piace divertirmi, uscire e fare quello che voglio, guidare quello che voglio guidare e creare quello che voglio creare. A volte ci vuole più tempo delle corse. Devi essere là fuori a pensarci, a giocare, a testare, a tentativi ed errori. Non lo so. È molto più divertente per me poter uscire e imparare qualcosa di nuovo su base regolare invece di provare a uscire e correre ed essere il ragazzo più veloce su una moto da cross ogni giorno”.

Probabilmente fai i salti più spettacolari tra i freestyler (come quello nel video qui sotto, che chiude atterrando solo sulla ruota davanti..., ndr), hai mai paura di fare un salto per la prima volta? Alcuni salti sono estremamente impegnativi e pericolosi. Roba spaventosa!

“Oh sì, è sempre così. È un po' il divertimento di quello che facciamo noi free rider con i grandi salti. Ci piace spaventarci. Questo è ciò che è divertente. È divertente costruire grandi salti e inventare con i miei amici, come Tyler Bereman . Ci spaventiamo a morte.

Una volta hai provato a battere il record mondiale per il salto più lungo, ma alla fine ti sei infortunato. Raccontacelo...

“Voglio dire, il salto del record mondiale... Non è stata una mia decisione andare a farlo. Mi è stato presentato, in un certo senso, e ho accettato, ma non appena ci sono entrato, abbiamo iniziato a raggiungere il traguardo dei 350 piedi (107 metri) ed è allora che la cosa è diventata davvero seria e spaventosa. Ci andavamo tutti i giorni e riuscivamo a malapena a fare colazione. Mi piace molto fare il salto, quindi arrivavo a 350 piedi più e più volte. Lo colpivo 20 volte al giorno solo per farlo cadere. È iniziato a diventare divertente, ma poi ho iniziato a raggiungere i 400 piedi e ho avuto quel brutto momento... Alla fine mi sono rotto la caviglia e mi sono slogata l'altra. Non lo so... Era qualcosa che mi era stato chiesto e non era qualcosa che avevo davvero il desiderio di andare a fare. mi è stato chiesto di farlo, così l'ho fatto e ora che ho avuto l'esperienza ho saltato il record. So che non è ufficiale, ma sono contento di me stesso e so quello che ho fatto. Sono contento di questo. Non credo che lo rifarò, a meno che non valga la pena pagare o rischiare la vita ogni volta che esco. Non ne valeva davvero la pena”

Cosa c'è di diverso sulla tua moto rispetto a una Kawasaki KX450 di serie?

“Ho una sospensione Pro Circuit. Ho anche un impianto di scarico Pro Circuit. Questo è tutto. Il motore, per la maggior parte, è originale. In realtà il motore è completamente di serie. Mi piacerebbe avere più potenza”

Com'è nato lo Slayground? Era proprietà della tua famiglia prima che tu la trasformassi in un enorme parco giochi per il freestyle?

“Sì, possedevano la proprietà. Vivono ancora lì. Slayground, è lì che ho vissuto per 21 anni della mia vita. Sono cresciuto in quella casa. Quello era il mio cortile ed è lì che sono cresciuto e ho imparato a guidare nel corso degli anni. Quel primo video che abbiamo fatto là fuori, è così che sono stato invitato agli X Games. Mio padre diceva: "Fanculo! Stiamo mettendo una rampa quaggiù e un salto in alto". Da lì abbiamo iniziato a eseguirlo. Ho guidato lì per un paio d'anni. Ha dato i suoi frutti nell'esercitare tutte le tecniche. È lì che ho imparato tutte queste cose. Avevo un vialetto con un dosso e avevamo un sacco di aggeggi che facevamo con pallet, rimorchi e cose del genere. È lì che ho imparato tutta la mia tecnica di impennata e cose del genere. A Encinitas, in California”

Parlando di Slayground: da dove viene il tuo soprannome "Slay"?

“Il mio soprannome quando correvo era A-Hodge e poi si è trasformato in Slay Hodge e poi è diventato Slay. Si è evoluto nel corso degli anni dall'andare in moto da cross e con i miei amici”

Tuo fratello Ash è il tuo regista principale, giusto? Com'è il vostro rapporto e gli dà fastidio essere il fratello meno famoso?

“No! Non è mai così con Ash. Siamo fratelli e non facciamo a gara a chi è più cool su Internet. Non lo facciamo per la fama. Ci piace andare in moto da cross e ci divertiamo a farlo”

Tuo padre Phil Hodges, alias PH, ha spesso dei cameo nei tuoi video ed è diventato piuttosto famoso. È più figo e più divertente con cui stare rispetto al papà normale?

“Oh sì, mio padre è fantastico. È stato il mio sostenitore per tutta la vita. Mi aiuta in tutto. Mi aiuta con gli affari, portandomi in pista e comprandomi delle moto da cross. Mio padre è stato lì dal primo giorno. Mio padre è il papà più figo del mondo”

Hai più di un milione di follower su Instagram (1,4 adesso, ndr). Come gestisci la cosa? È sempre bello avere così tanti fan o a volte può essere fastidioso?

“Quando ero più giovane, mi interessava avere i follower ma man mano che cresci ti rendi conto che niente di tutto ciò ha davvero importanza. In una certa misura è importante avere un lavoro e pagare le bollette, ma a volte vedo le persone che vogliono solo attenzioni così tanto che per me la uccide… è una relazione di odio e amore nel voler mantenere viva la roba del video su base giornaliera. È bello e non bello allo stesso tempo. A volte vuoi solo essere un tipo normale. Vorrei poter andare al supercross senza nessuno che dica il mio nome”

Non sei solo tu una famosa star dei social media, ma anche la tua ragazza Gabriella Abutbol. Beneficiate l'uno dell'importanza dell'altro?

“Oh sì, certo. Ha tutta la sua linea di allenamento dove vende le sue cose e trasforma le sue cose social in un business. Questo è quello che ho fatto con Slayco. Va bene. Lei ha il suo contratto e io ho il mio contratto. Ci aiutiamo a vicenda. Lei è fantastica”

Qual è la parte più bella e più fastidiosa del tuo lavoro?

“La cosa migliore del mio lavoro è che posso andare a fare ciò che amo di più ogni giorno e divertirmi. Probabilmente la cosa peggiore del mio lavoro è affrontare gli infortuni perché guidando una moto da cross ti farai male e non c'è modo di scansarlo. Devi solo affrontarlo. Ho molto calore sui social media e ho molte più attenzione rispetto a un pilota medio”

Di recente sei stato a Tavullia, in Italia, da Valentino Rossi. Che tipo è? Cosa ne pensi dell’uscita in moto con lui?

“Rossi è l'uomo! È stato così divertente! È il tipo più simpatico di sempre. A volte incontri qualcuno così famoso e sono solo una specie di clown. Valentino si è presentato e la prima cosa che ha fatto è stata andare con la sua macchina a circa 100 miglia orarie. È saltato fuori e mi ha dato il più grande abbraccio. Sì, siamo arrivati al tramonto e abbiamo cenato. Ha condiviso tutte le sue cose con noi. Lui è l'uomo. È sicuramente qualcuno che voglio essere quando avrò l'età di Valentino Rossi”

Penso che fare freestyle su una moto da cross e fare salti enormi non sia cosa da fare fino a quando hai 60 anni. Hai già un piano su cosa fare dopo la tua carriera attiva?

“Ehm…. Guiderò la mia moto da cross il più a lungo possibile. Dipende solo da come va la mia carriera e da come affronto gli infortuni e cose del genere. Dopo? Non lo so. Ho appena comprato un bulldozer e mi piace molto costruire salti e creare piste. Potrebbe essere qualcosa del genere. Mi piace girare e fare video. Qualunque cosa sia, sono sicuro che in qualche modo sarò nel settore. Non lo so. Spero di poter essere come Valentino Rossi e avere un posto in cui rilassarmi.

Ok Axell, ultima domanda: cosa ti piace fare nel tempo libero?

“Snowboard, andare in BMX, uscire molto con Pat Casey. È il mio vero amico. Non lo so... mi piace fare tutti gli sport estremi della California del sud. Questo è ciò con cui sono cresciuto. Adoro gli sport estremi”

Ultime da Motocross

Caricamento commenti...

Hot now