MotoGP 2022, GP di Indonesia a Mandalika, Fabio Quartararo: "Che gara sull'acqua! Jack Miller dice che sono stato aggressivo? Non mi interessa"

MotoGP 2022, GP di Indonesia a Mandalika, Fabio Quartararo: "Che gara sull'acqua! Jack Miller dice che sono stato aggressivo? Non mi interessa"
  • di René Pierotti
Il pilota francese è raggiante per il secondo posto: "Il grip sul posteriore è stato incredibile, dobbiamo trovarlo anche su altre piste. Con Jack non ho sbagliato"
  • di René Pierotti
20 marzo 2022

È un Fabio Quartararo felice per diversi motivi quello del post gara di Mandalika: in primis per il podio ottenuto, poi per le condizioni atmosferiche in cui è stato ottenuto e infine per le ottime sensazioni che la sua M1 gli ha dato, specie per quanto riguarda il grip al posteriore.

Ed è un Quartararo che risponde senza giri di discorsi a Jack Miller che si è lamentato dei sorpassi subiti, uno dei quali con un contatto che poi l'ha portato largo: "Non mi interessa - ha detto il campione 2021 - si riguardi la gara, sono stato corretto".

L'unico rammarico del francese è che la gara, se fosse stata asciutta, probabilmente l'avrebbe vinta con distacco. Comunque dopo un inizio difficile la classifica sorride e Quartararo ha 27 punti, terzo dietro a Binder (28) e a Bastianini (30).

"A essere onesti - ha detto - è stata una supergara, sono contento di aver fatto questo risultato in condizioni di bagnato completo. Super felice di questa posizione. Il grip è stato incredibile e spero di ripetere questa gara su altre piste".

Se la pista fosse stata asciutta...

“Alla fine quando aspetti una gara su asciutto dove hai un ottimo passo, puoi vincere e poi piove tanto, dici dobbiamo trovare qualcosa. Con l’acqua mi sono trovato bene, quando ero quinto dietro Rins ho visto che potevo fare bene e ho spinto dando tutto ma non vedevo niente con la pioggia. Dopo ho visto Zarco e Miller che lottavano e ho detto ‘è il momento di spingere’ e provare ad essere secondo o terzo”

“Ho fatto sorpassi abbastanza belli e aggressivi, mi è servito un po’ di tempo per capire che ero veloce, poi ho toccato anche il gomito sull’asfalto sul bagnato. Quando giri a 10 secondi dal tempo fatto sulla pista asciutta vai molto veloce, oggi ero addirittura solo a 8, mi è successo solo al Sachsenring, dove avevano rifatto l’asfalto, il grip era incredibile"

Miller però si è lamentato per i tuoi sorpassi…

“Non mi interessa, sono rimasto nei limiti, è vero ci siamo toccati poi lui è andato largo ma non ho fatto nulla di errato, magari prima di parlare dovrebbe riguardare la gara. Ogni volta che ho sbagliato mi sono scusato ma non è oggi il caso”

Cosa ti aspetti dalle prossime gare?

“L’Argentina sarà la gara più dura dell’anno, alla fine come sempre io darò il massimo e potremo fare qualcosa di bello. Questi 20 punti di oggi sono molto importanti e io non mi sono mai sentito così a mio agio sull’acqua, è la prima volta che posso sfruttare così la moto"

Cosa c'è da migliorare sulla tua Yamaha?

"Sappiamo che in ogni pista a noi manca grip dietro, invece oggi l’avevamo per cui abbiamo fatto un grande salto in avanti. La moto non è cambiata dall’anno scorso sull’acqua, stesso setting. Noi dobbiamo trovare più grip dietro, mai ho visto una pista con questo grip sul dietro. Dobbiamo lavorare per trovarlo anche sulle altre piste”

Ultime da MotoGP

Da Automoto.it

Caricamento commenti...