MotoGP 2022, GP di Indonesia a Mandalika, Miguel Oliveira: "Ho capito da Jack Miller dove frenare e dove spingere, poi sono andato via"

MotoGP 2022, GP di Indonesia a Mandalika, Miguel Oliveira: "Ho capito da Jack Miller dove frenare e dove spingere, poi sono andato via"
  • di René Pierotti
Il portoghese ha fatto una lucida analisi della sua gara perfetta: "La Ktm ha molto equilibrio e io e Brad la guidiamo come lei vuole, così possiamo sempre puntare al podio"
  • di René Pierotti
20 marzo 2022

Alla partenza è scattato benissimo, nei primi giri ha seguito Miller capendo i limiti della pista, dove frenare e dove osare, poi ha attaccato, è andato in testa e ha preso un vantaggio di secondi. Negli ultimi giri ha amministrato il vantaggio accumulato.

Se c'è una gara consapevole e perfetta è quella di Miguel Oliveira a Mandalika. In condizioni difficilissime per tutti il pilota Ktm è riuscito a rimanere concentrato e molto lucido e a lasciarsi tutti alle spalle. 

"Fortunatamente sono partito bene e sono molto contento di essere tornato sul podio e di aver vinto e sicuramente siamo concentrati per andare forte e fare buone gare".

La lucida analisi di Oliveira

“Una gara sul bagnato è sempre più difficile da gestire - ha detto il portoghese - però abbiamo fatto bene, ero competitivo anche sull’asciutto, ma è stata una giornata strana. La gara è stata scorciata di 7 giri poi, causa pioggia, non si capiva se dovevamo fare un check-in all’hotel perché avremmo corso domani".

“Fortunatamente sono partito bene, poi vedere Jack Miller all’inizio mi ha fatto capire dove fosse il limite e dove poter spingere e quando l'ho passato sono riuscito a fare il gap. Comunque era difficile oggi e molto facile commettere un errore. Poi nell’ultima parte di gara ho amministrato il vantaggio e in qualche settore mi sentivo più libero, meno a rischio. Negli ultimi 6-7 giri ho sentito che Fabio veniva su forte però quando spingevo io il gap si allungava e negli ultimi 3 giri ho cercato di non cadere. È andata bene".

"La Ktm è molto equilibrata"

La Ktm in Qatar è andata sul podio con il compagno Brad Binder, a che punto è questa moto, come è migliorata dall'anno scorso?

“La Ktm non è molto diversa dall’anno scorso ma abbiamo fatto un grande lavoro sull’elettronica e sull’aerodinamica. Sembrano cose semplici a vederle da fuori, ma ti portano a un livello dove hai anche più equilibrio. Io e Brad capiamo la moto e riusciamo a guidarla come lei chiede di essere guidata. Così sfruttiamo tutto il potenziale. Con la moto più equilibrata in tutte le piste noi abbiamo più possibilità di salire sul podio”.

Ultime da MotoGP

Caricamento commenti...