Prova su strada

Honda GoldWing F6B

Tu vuò fa' l'americana
- Siamo volati in California per provare la F6B, carismatica variazione sul tema GoldWing della Casa di Tokyo. 24.200 euro il prezzo di una sei cilindri bagger esagerata: dinamica ed elegante, capace di conquistare per guida e comfort
Honda GoldWing F6B

 

La prova della nuova Honda GoldWing F6B

La Honda GoldWing non evoca nell'immaginario collettivo dei motociclisti immagini giovani o sportive. Allo stesso tempo, chiunque conosca un proprietario della Supertourer a sei cilindri della Casa di Tokyo probabilmente lo avrà sentito decantare doti dinamiche insospettabili. Doti dinamiche che, al di là delle esagerazioni dei fan, nascono da un motore ricchissimo di coppia e di una ciclistica studiata attorno a masse tutte concentrate verso il basso - niente che possa impensierire una Fireblade o anche una CB1000R su un passo di montagna, s'intende, ma credeteci sulla parola quando vi diciamo che una GoldWing sa divertire nella guida molto più di quanto possiate immaginare. E del resto, non bastano certo le virtù di semplice granturismo per vendere 660.000 esemplari - dal 1975 ad oggi - di moto dal prezzo non certo popolare.

E' per questo che all'epoca della presentazione della F6B - interpretazione bagger (ovvero, passateci la semplificazione, una custom bassa e lunga nonché dotata di valige integrate) dell'incrociatore da turismo per eccellenza - noi come molti altri siamo rimasti profondamente incuriositi dalla novità Honda. Curiosità che la Casa di Tokyo ci ha permesso di soddisfare invitandoci nell'ambiente più consono ad una prova significativa di una moto del genere. Lo stato più motociclistico di tutti gli USA: la California.

 

La linea di una cruiser…

…la personalità di una custom, la comodità di una tourer. Questi gli obiettivi che Honda si è posta quando ha definito la F6B, una moto che si propone il preciso obiettivo di attirare una generazione di motociclisti più giovani verso il mondo della sua ammiraglia a sei cilindri. Una moto che dunque nasce più leggera ed agile per adattarsi meglio all'uso cittadino (con strade delle dimensioni dei boulevards statunitensi, s'intende), stampare sulla faccia del suo pilota un bel sorriso sul misto extraurbano, coccolarlo in autostrada e gratificalo con un'immagine più giovane, personale e carismatica quando passeggia per locali e lungomari. Una moto che, pur costosa, risulta comunque più accessibile della GoldWing tradizionale con un prezzo di 24.200€. Non sono noccioline, certo, ma siamo anche lontani dai 32mila e passa richiesti per la cugina completamente carenata.

 

Lunga e bassa, la F6B vanta un baricentro praticamente rasoterra
Lunga e bassa, la F6B vanta un baricentro praticamente rasoterra

Siamo sicuri che avrete quasi tutti alzato un sopracciglio al sentir parlare di misto. Ripensate però al discorso di cui sopra e aggiungeteci questo: Honda ha tolto ben 28kg, passando dai 413kg della Goldwing ai 385 della F6B, eliminandoli quasi tutti dalla parte alta della moto e dunque abbassando ulteriormente il baricentro già rasoterra della GW "standard". Sono infatti spariti il top box (-20kg), il parabrezza alto ma anche diversi altri dettagli a livello di finiture, oltre al pesante (ma comodissimo) sistema di retromarcia comandato dal motorino elettrico. La riduzione della sezione frontale dovuta all'eliminazione del parabrezza ha inoltre l'effetto di migliorare la maneggevolezza grazie alla minor resistenza aerodinamica nei cambi di direzione.

La sella contribuisce all'abbassamento del baricentro del gruppo moto/pilota passando dai 740mm della Goldwing standard ai 725 della F6B, mentre la capienza complessiva resta eccellente con i 51 litri delle due valigie e i 2,8 dei tre vani divisi fra carenatura e serbatoio. La linea a noi piace: lunga e bassa grazie alle già citate modifiche (a cui va aggiunto l'impiego di un'antenna radio più corta ed uno scarico dall'andamento allungato) determina flussi aerodinamici più fluidi e dinamici. E in total black, vista dal vivo, la F6B è davvero bella.

Sei cilindri

Il propulsore resta pressoché invariato rispetto alla GoldWing: un sei cilindri boxer raffreddato a liquido da 1.832cc (87 kW e 167 Nm rispettivamente i valori di potenza e coppia massime) che agisce da membro stressato della ciclistica. Il "pressoché" è relativo all'iniezione elettronica, leggermente rivista per addolcire la risposta dell'acceleratore ai minimi regimi. Curiosità: già nella configurazione attuale, il propulsore della F6B è caratterizzato da un livello di emissioni pari a circa metà del limite previsto dalla normativa Euro 3.
La ciclistica può contare sulla stessa forcella da 45mm con antiaffondamento montata sulla GoldWing e un monoammortizzatore ad azionamento progressivo Pro-Link con registro idraulico del precarico. La frenata combinata con ABS è standard. Il cruscotto è ovviamente completissimo, con un trio di strumenti analogici (contagiri/tachimetro/temperatura motore e livello carburante) nel quadrante principale comprensivo anche delle spie.
Al display LCD vengono demandate le funzionalità di contachilometri (con due parziali), orologio, temperatura aria nonché controlli del sistema audio - uno spettacolare sistema a quattro altoparlanti diffonde la musica proveniente dalla radio oppure da un lettore MP3 collegabile attraverso l'interfaccia USB contenuta all'interno della valigia sinistra o, in alternativa, con il cavetto jack nello scomparto carenatura sinistro.

 

Lo spettacolare ponte di comando della F6B
Lo spettacolare ponte di comando della F6B

 

California Dreaming

Saliamo - anzi, scendiamo - in sella alla GoldWing in una fresca mattina a San Diego. Il nostro percorso si snoderà attraverso la Orange County, con un percorso che ci porterà, fra centri urbani, highways e strade "da moto", a Los Angeles - quasi 350 miglia per testare a fondo le caratteristiche della F6B. Un tocco del pulsante e il sei cilindri Honda prende vita con un minimo alto - 1500 giri - che si assesta poi a motore caldo quasi 700 giri più in basso. In un'era di distaccati comandi ride-by-wire fa piacere ritrovare un acceleratore pastoso e gradevolmente pesante al tocco che fa apprezzare ogni movimento della manopola. La frizione è un filo brusca nell'innesto ma ci si fa rapidamente l'abitudine: un paio di semafori e la si potrebbe gestire in una surplace trialistica.

La guida in città è una piacevole sorpresa: la F6B ci conquista subito per l'ormai stereotipale facilità con cui le Honda si rivelano accessibili fin dai primi metri. L'agilità è notevole per una bestia di questa stazza grazie ad un baricentro davvero bassissimo e una posizione di guida che rende facili tutte le manovre. Usciamo dal centro urbano e puntiamo verso la prima Freeway godendoci l'accelerazione. A qualunque regime un richiamo dell'acceleratore sembra far si che un gigante ci spinga sul fondoschiena con vigorosa dolcezza; il sibilo da turbina del sei cilindri ai bassi regimi si trasforma, valicata la metà del contagiri, in un ringhio cupo e minaccioso mentre l'ago del tachimetro sale con una bella progressione almeno fino a quando il parabrezza - ridotto ai minimi termini - non inizia a faticare nel limitare il carico aerodinamico sulla testa del pilota. In questo quadro idilliaco l'unica, piccola nota stonata consiste in un cambio perfettibile. Lungo nella corsa e un po' lento, sia pure di precisione impeccabile, non è all'altezza del resto della moto. Abbiamo però una buona notizia: il suo uso è del tutto ridondante nella maggior parte dei frangenti. In autostrada la quinta marcia (overdrive, segnalata dall'accensione di una spia sul cruscotto) vi permette di trotterellare con il motore che ronfa sornione e di sorpassare con la sola apertura del gas; sul misto terza o quarta marcia vi consentono di affrontare qualunque situazione, rilassata o brillante che sia.

 

 

Brillante e gustosa

Sul misto, dicevamo, basta innestare terza o quarta e surfare sull'onda di coppia del boxer Honda. Premesso che non ci troviamo in sella ad una sportiva l'agilità non è per nulla male, tanto che nei primi chilometri può capitare di venire presi in contropiede e trovarsi a raddrizzare perché la F6B gira più stretta di quanto non ci si aspetterebbe. Una volta iscritta in traiettoria, la bagger di Tokyo tiene la linea con stabilità esemplare (i chili qui vengono in aiuto) grazie anche a sospensioni che sembrano non trovarsi mai a mal partito: morbide e progressive, non inducono mai ondeggiamenti a patto naturalmente di non andare a cercare una guida sincopata del tutto al di fuori delle corde della F6B.

la F6B ci conquista subito per l'ormai stereotipale facilità con cui le Honda si rivelano accessibili fin dai primi metri

Raccordando le traiettorie ed impostando le curve con dolcezza, al contrario, la F6B ripaga il suo pilota con un gustosissimo equilibrio, e se anche è vero che la luce a terra finisce un po' presto - l'impressione è che la ciclistica saprebbe concedere ben di più - non c'è però la minima traccia di sottosterzo che masse e quote ciclistiche in gioco potrebbero lasciar presagire. I freni sono all'altezza della situazione: il mordente non è da sportiva, ma la progressività è più che buona. Usando leva e pedale (frenata combinata, ricordiamolo) la F6B rallenta con decisione senza mai mandare in crisi il suo pilota.

The sound of music

Il sistema audio mette in mostra una potenza da fare invidia ad impianti casalinghi, e vi permette di ascoltare la vostra musica preferita fino a velocità da statale (anche se il volume diventa un po' antisociale o poco elegante, fate voi) senza grosse distorsioni. L'interfaccia con i sistemi di riproduzione MP3 - con supporto nativo per Apple e riproduttori dotati di funzionalità AD2P - è piacevolmente intuitiva, e pur imponendovi di staccare le mani dal manubrio per l'impiego di molte funzioni non richiede se non un minimo apprendistato per trovare il pulsante o la manopola che si cerca senza staccare lo sguardo dalla strada. Razionale in tutto, la F6B vi impedisce di lasciare aperte le valige: la chiave d'avviamento si può estrarre dalla serratura del codone (che controlla appunto l'apertura delle borse laterali) solo in posizione di bloccaggio. Non lascerete mai le valige aperte, ma per contro dovrete sfilare la chiave dal quadro tutte le volte che vi fermerete, magari solo dopo qualche minuto di strada, e avrete bisogno di tirare fuori qualcosa.

Non si tratta di una moto per tutti - né per prezzo, che pur più contenuto di quello di una GoldWing resta elitario, né per appeal - ma confesseremo che la F6B ci ha conquistato. Elegante e carismatica in nero o sportiva in rosso, non fa passare inosservati senza risultare pacchiana (a meno che non andiate in giro in città con la radio a 110 decibel, ma in quel caso non è colpa della moto) e gratifica il pilota con una guida gustosa sul misto ed un comfort comunque elevato in autostrada. Per gli irriducibili autostradisti, va la pena di segnalarlo, c'è anche un parabrezza rialzato che riduce sensibilmente la pressione aerodinamica ed elimina l'unico vero limite della F6B in questo frangente. I consumi non si sono rivelati contenutissimi (durante il nostro test si sono attestati attorno ai 18km/l tenendo un passo relativamente tranquillo), ma sarebbe fuori luogo pretendere economie da utilitaria da una moto che, in fondo, vanta cilindrata e frazionamento superiori al 99% delle moto presenti sul mercato.

 

Pregi

Motore | Finiture | Comfort

 

Difetti


Prezzo | Cambio lento

 

  • antoniocs, Cosenza (CS)

    per viaggiare...

    ...per i viaggi in coppia con 51 litri complessivi ti porti poco e niente...sicuramente ha il suo fascino...io penso che tutti i "veri"motociclisti si entusiasmano nel vedere qualsiasi mezzo a patto abbia due ruote.....il prezzo è adeguato al segmento nel quale si colloca!
    Però usarla in città che significa! Forse transitare!A volte!
  • Tanketto01, Abbiategrasso (MI)

    x gs2best

    Io anche più di due, ma tutti appartenenti alla stessa "banda" di amabilissimi scapestrati. Comunque io mi riferivo proprio al mio mitico coetaneo Poli.
    Un saluto!
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Honda GL1800 F6B Goldwing Bagger (2012 - 16)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Honda
  • Modello GL 1800
  • Allestimento GL1800 F6B Goldwing Bagger (2012 - 16)
  • Categoria Custom
  • Inizio produzione 2012
  • Fine produzione 2016
  • Prezzo da 24.500 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.605 mm
  • Larghezza 945 mm
  • Altezza 1.455 mm
  • Altezza minima da terra 125 mm
  • Altezza sella da terra MIN 725 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.690 mm
  • Peso a secco 385 Kg
  • Peso in ordine di marcia 392 Kg
  • Cilindrata 1.832 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 6
  • Configurazione cilindri contrapposti
  • Disposizione cilindri longitudinale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 74 mm
  • Corsa 71 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 12
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 118 cv - 87 kw - 5.500 rpm
  • Coppia 17 kgm - 167 nm - 4.000 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 5
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC 15,38 km/l
  • Capacità serbatoio carburante 25 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale albero
  • Telaio Romboidale; a doppio trave in alluminio con tripla sezione scatolata
  • Sospensione anteriore Forcella telescopica da 45 mm con antiaffondamento
  • Escursione anteriore 140 mm
  • Sospensione posteriore Pro-Link, Pro-Arm con regolazione manuale del precarico molla
  • Escursione posteriore 104 mm
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 296 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 316 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote integrali
  • Misura cerchio anteriore 18 pollici
  • Pneumatico anteriore 130/70 R18 (63H)
  • Misura cerchio posteriore 16 pollici
  • Pneumatico posteriore 180/60 R16 (74H)
  • Batteria 12V/20AH
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Honda

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta