eicma 2014

Yamaha YZF-R1 e YZF-R1M, video EICMA 2014

- Max Mucchietto (Country manager Yamaha) descrive a Nico Cereghini la nuova supersportiva giapponese. "Ci siamo avvalsi della decennale esperienza in MotoGP e dell'aiuto di Valentino Rossi"

Max Mucchietto (Country manager Yamaha) descrive a Nico Cereghini la nuova supersportiva giapponese. "Ci siamo avvalsi della decennale esperienza in MotoGP e dell'aiuto di Valentino Rossi".

Con la YZF-R1 Yamaha punta a tornare nel gruppo di testa delle supersportive. Telaio Deltabox a doppio trave in alluminio, interasse contenuto e soprattutto il propulsore quadricilindrico in linea da 998 cc con fasaturacrossplane accreditato di ben 200 cavalli. Inferiore a 200 kg il peso in ordine di marcia.


Novità assolute per una moto di grande serie sono invece il telaietto reggisella ed i cerchi in lega di magnesio; altra prima assoluta per l’ammiraglia di Iwata è costituita dalla piattaforma inerziale IMU a sei assi che fornisce al software di gestione le informazioni necessarie per operare controllo di trazione, anti-impennata, launch control e quant’altro.

Per gli amanti della pista più esigenti Yamaha ha creato la versione "M", YZF-R1M: carenatura in fibra di carbonio in livrea Silver Blue Carbon, e nel comparto ammortizzante debutta in prima assoluta il sistema Öhlins Electronic Racing Suspension.

«Abbiamo sfruttato due cose - spiega Max Mucchietto Country manager Yamaha -: la decennale esperienza Yamaha in MotoGP e poi l’uomo che ha pilotato la Moto GP in questi ultimi anni, Valentino Rossi che ha partecipato in maniera molto diretta allo sviluppo di questa moto. La R1, già nella versione standard è dotata di un equipaggiamento che deriva direttamente dall’M1. E’ dotata di un’elettronica che è il copia incolla di quella della MotoGP».

 

  • Andrea 'Artù' Artusi, Dolo (VE)

    #6max-r

    Come detto in svariate occasioni, non ha senso fare un confronto diretto con i prezzi del mercato americano. Negli Stati Uniti la tassazione cambia di stato in stato, è in generale molto più bassa che da noi, i dazi doganali per l'importazione sono diversi e per tutti questi motivi i costruttori, in particolare quelli giapponesi, spesso riportano il listino privo di queste voci cioè al netto delle imposte. E' come se da noi i prezzi delle moto fossero indicati senza IVA e trasporto. Detto ciò la nuova R1 è sicuramente interessante a mio avviso per lo sviluppo fatto sul motore (davvero molto compatto), è aggiornata di elettronica quanto le altre competitor (piattaforma inerziale sui 6 assi come la nuova Panigale, RSV4 e SS1000R) però a vederla, giudizio assolutamente personale, non mi ha fatto rizzare un pelo che fosse uno. Ma le sportive si sa, si giudicano aldilà dell'estetica.
  • Festa85, Murazzano (CN)

    Risposta al comm.2

    La Honda rc213-vs non ha ancora un prezzo definito ma si parla intorno ai 150000 €.
    Non è rapportabile alle altre se non alla desmosedici stradale,che però risale al 2007 mi pare.
    Personalmente dopo aver visto la Honda dal vivo la trovo stupenda.
    Lamps.
Inserisci il tuo commento