eicma 2014

Sondaggio Moto.it: La Scrambler Ducati è la più votata fra le novità 2015

- La new-classic Ducati è stata premiata dal sondaggio fra i lettori di Moto.it tra le novità presentate a Eicma. Era già successo dopo Intermot. Al secondo posto la nuova Yamaha R1 e al terzo la Aprilia Tuono V4 1100. Hanno preceduto le stelle Honda True Adventure e RC213V-S
Sondaggio Moto.it: La Scrambler Ducati è la più votata fra le novità 2015


Una riconferma, quella della neoclassica Ducati, premiata nuovamente dopo il nostro sondaggio su Intermot di inizio ottobre. La Scrambler aveva allora svettato sulla ventina di novità selezionate fra quelle lanciate a Colonia. Con ben il 25% delle preferenze, un voto su quattro, aveva preceduto la Kawasaki H2R (16% dei voti) e l'Aprilia Caponord Rally che aveva ottenuto l'8%. Naturalmente pochissimi dei nostri lettori avevano avuto la possibilità di vedere da vicino le nuove moto, per cui il giudizio era puramente basato sulle immagini, la reputazione e le notizie pubblicate. Diverso il discorso per il Salone di Milano che ha dato a molti l'opportunità di valutare del vivo il lavoro svolto dai costruttori.
 

La Ducati Scrambler in versione Classic
La Ducati Scrambler in versione Classic


Alla chiusura di Eicma abbiamo proposto ai lettori di Moto.it un nuovo sondaggio, questa volta includendo la trentina di novità 2015 che sono state esposte a Milano e che secondo noi rappresentano le tendenze per il prossimo anno. La domanda posta nel sondaggio è stata: “Qual è la novità moto che ti è piaciuta fra quelle viste a Eicma?”.
Anche questa volta gli oltre settemila voti validi - sono stati esattamente 7.150 (IP unico) in tre giorni, e ricordiamo che si poteva esprimere una sola preferenza - hanno premiato la Scrambler bolognese, risultata ancora la più votata nonostante le molte e interessanti novità moto che hanno debuttato proprio a Eicma.

 

La classifica del sondaggio
La classifica del sondaggio

Un podio variegato

Forte di una curata campagna di lancio, e soprattutto forte di essersi presentata già in veste di “famiglia” con più modelli lasciando ben intendere quali potranno essere le possibilità di personalizzazione, la Ducati Scrambler ha superato modelli dai forti contenuti emozionali e tecnici. Con l'11,43% dei voti il distacco sulle concorrenti e è stato però più ridotto.

Al secondo posto, con il 10,52% delle preferenze, è stata premiata la nuova Yamaha R1, un modello profondamente cambiato rispetto alla versione precedente e che ha giocato con il richiamo alla moto da GP. Al terzo posto si è piazzata la Aprilia Tuono V4 1100, la proposta naked in assoluto più sportiva del panorama. Una moto che continua a godere di numerosi estimatori presso gli appassionati (ha ottenuto il 9,01% dei voti), nonostante non venga poi premiata dai numeri di vendita. Evidentemente se questo accade è per ragioni diverse dalla qualità della proposta.
Questi tre modelli insieme hanno totalizzato il 31% dei voti totali.

 

Top Ten nel segno di sportive e crossover

Risultato importante per Honda, che piazza i suoi due prototipi lanciati a Milano al quarto e quinto posto. Una prestazione che crediamo sarebbe stata migliore se si fosse trattato di votare moto presentate come modelli di produzione (la True Adventure era camuffata con schizzi di fango ad esempio), con tanto di specifiche e prezzo. La True Adventure, che ha l'onore e l'onere di sostituire una pietra miliare quale fu la Africa Twin, ha ottenuto il 6,70% delle preferenze, mentre la replica MotoGP RC213V-S, la sportiva più estrema da molti anni a questa parte, ha conquistato il 6,20% dei voti.

Yamaha YZF-R1
Yamaha YZF-R1


Segue un terzetto di crossover molto interessanti e competitive ciascuna a loro modo. La Yamaha MT-09 Tracer, sesta in classifica, ha totalizzato il 5,78% delle preferenze. Hanno influito positivamente, oltre alla bontà del modello in sé, la buona reputazione ottenuta dalla MT-09 e il posizionamento di prezzo aggressivo. Segue il classifica la Ducati Multistrada (con il 4,99%), modello che è stato completamente rinnovato ed equipaggiato con il nuovo motore avente distribuzione a fasatura variabile. La crossover bolognese ha preceduto di poco la rivale diretta, sebbene si tratti di una quattro cilindri in linea, BMW S1000XR (4,90%). La Kawasaki Ninja H2, che in versione R aveva ottenuto nel sondaggio di Intermot la piazza d'onore, stavolta non è andata oltre il nono posto e il 4,45% delle preferenze. Forse nel confronto con modelli freschi di lancio a Milano (R1 e RCV) si è stemperata un po' la novità del motore sovralimentato. Esattamente con lo stesso numero di voti della Kawasaki, al nono posto ex-equo è stata votata la rinnovata e maggiorata Ducati Panigale 1299S, con il 4,45% dei voti.
Le prime dieci moto in classifica (che va osservato sono cinque super sportive, quattro fra crossover ed enduro e una classica) hanno raccolto il 64% dei consensi totali.

 

Un'altra iper sportiva si trova all'undicesimo posto: è la titolata SBK Aprilia RSV4 RR, con il 3,22% dei voti. La moto di Noale precede una turistica dall'anima vivace come la MV Agusta Turismo Veloce che, con il 3,03%, ha fatto meglio della “sorella” MV Stradale 800 (1,55%) piazzatasi al 19esimo post. Rimanendo fra le super sportive risaltano anche i pochi voti raccolti dalla BMW S1000RR (lo 0,55% che le è valso il penultimo posto in classifica), forse perché le novità introdotte sulla versione 2015 non hanno colpito.

Aprilia Tuono V4 1100
Aprilia Tuono V4 1100

 

Le inseguitrici

Va segnalata che la prima custom in classifica (la Moto Guzzi Eldorado) è al tredicesimo posto, seguita a pochissima distanza dall'altra Guzzi sviluppata sempre dalla base California 1400, la Audace. La Aprilia Caponord Rally è passata invece dal terzo posto del sondaggio di Intermot al sedicesimo attuale, subendo l'attacco di molte novità arrivate fra Intermot e Eicma. Ha sofferto la concorrenza delle novità milanesi anche la KTM Adventure 1290, che dal 6% dei suffragi di Colonia è scesa all'1,65% di quelli milanesi. Meglio comunque della new entry Adventure 1050 che, come BMW R1200R, Suzuki GSX-S 1000 e Triumph Tiger 800 ha forse raccolto meno consensi del previsto e con preferenze attorno all'1%. Lo 0,9% ha invece ottenuto la prima moto elettrica di Harley-Davidson, la LiveWire. 
La classifica delle vendite del prossimo anno avrà quasi certamente un ordine assai diverso da questa che abbiamo commentato, come peraltro quasi sempre accade nei sondaggi di questo tipo. Sondaggi che hanno però lo scopo di misurare l'effetto delle nuovo proposte nella "pancia" degli appassionati. Il che è già un bell'obiettivo per chi pensa e costruisce le moto di oggi e di domani.

  • Giuliogiuseppe, Viggiano (PZ)

    bella la classic

    Con la crambler la ducati ci ripropone il vecchio si fa per dire , motore bicilindrico a 2 valvole raffreddato ad aria. Spero duri per sempre. La classic molto bella ottima come seconda moto. Facciamo un appello al governo che una volta tanto si decida a fare una legge giusta proponendo la targa personalizza.
  • lucaberg, Legnago (VR)

    quelli che...

    ...che costa come una Honda Ncx: infatti è vero, ma è una bella moto italiana e non una plasticosa jap con 25 cavalli in meno.
    ...che costa come la Guzzi V7: vero, solo che ha 27 cavalli in più, ciclistica migliore, e una personalità ben più marcata.
    ...che costa come la Versys 650: fra 5-6 anni vedremo se uno sarà più felice di aver preso questa bella Ducati o una onesta ma un po' banale jap con due-tre restyling successivi.
    ...che qualunque cosa faccia Ducati è sbagliato. Manca ancora il commento di jrampa, lo attendo impaziente...:)
Inserisci il tuo commento