Focus

I veri limiti di velocità su strade e autostrade

- Che fine hanno fatto i 150 km/h in autostrada? Sono legge (per ora inapplicata), così come la nuova fascia oltre i 40 e fino ai 60 km/h


Grazie al contributo di ASAPS ( www.asaps.it ), andiamo a scoprire quelle che sono le reali sanzioni in caso di violazione dei limiti di velocità in seguito all'approvazione della Legge nr 160 del 2 ottobre 2007.

I 150 km/h in autostrada
La tabella include il nuovo limite autostradale alzato a 150km/h, previsto per talune fattispecie di strade ma non ancora adottato da alcun gestore.
L'apparato sanzionatorio, soprattutto in questo caso, fa sorgere qualche perplessità.
Chi verrà colto a viaggiare a 200 orari effettivi (ossia rilevati dalle apparecchiature in dotazione alla Polizia Stradale, non il semplice ed ottimistico dato del tachimetro), incapperà in una sanzione pecuniaria di 148 Euro e nella decurtazione di 5 punti della patente.

Poca cosa se pensiamo alla velocità sotto esame.
È forse questa la ragione - insieme al deprecabile stato in cui versano diverse tratte della rete italiana - che ha spinto le società di gestione a non prendere in considerazione il nuovo limite.
L'eventualità di spingere novelli Hamilton all'emulazione non è così remota.

I veri limiti
Dalla tabella risulta che, fermo restando il limite dei 130 orari, le sanzioni sono di  manica larga.
Sino ai 178 km/h si incorre nei già citati 148 Euro,  che abbandonano le nostre tasche accompagnati da 5 punti della patente.

Irrisoria la sanzione che colpisce chi "corre" a 147 km/h rilevati (siamo quindi sui 155 indicati dallo strumento). La patente è salva e si lasciano nelle casse dello Stato solo 36 Euro.

Chi supera il limite di oltre 40 km/h, ma fino a 60km/h, oltre alla sanzione accessoria della sospensione della patente di guida per il periodo che va da 1 a 3 mesi, subisce anche il divieto di mettersi alla guida del veicolo, tra le 22.00 e le 7.00 del mattino, per i tre mesi successivi alla restituzione della patente di guida.
Inoltre, se commette un'ulteriore violazione nel corso del biennio, la sospensione della patente è da 8 a 18 mesi.

La Legge non si è dimenticata di chi ha il piede - o il polso - fuori controllo. Attenti a superare di oltre 60km/h il limite.
In questo caso si perdono 10 punti, 500 Euro e la patente è sospesa per un lasso di tempo che va dai 6 ai 12 mesi.

La tabella riassuntiva
In allegato trovate la tabella
realizzata da ASAPS (scaricabile). Si tratta di un contributo importante, utile a conoscere le reali sanzioni previste dal Legislatore per chi viola il Codice della Strada.


Andrea Perfetti


Foto: Archivio Asaps.it

  • lupo200814, Forlì (FC)

    limiti di velocita

    io credo i limiti dovrebbero essere stabiliti da molti parametri e non generalizati come e consuetudine in italia. ad esempio un auto come bmw serie 7/8 oppure un audi a6 a8 o mercedes s non si possono paragonare a una panda una 600 una matis e cosi via.una vettura cosi in frenata di panico a 130 km/h non lo sa neanche il cielo dove va a finire quindi il limite e gia alto,viceversa per le auto o moto di grossa taglia che se non guardi il tachigrafo non ti rendi conto che il limite lo hai gia oltrepassato e non di poco.quindi come si fa? grazie
  • enzo lo presto, Milano (MI)

    I Comuni non devono intascare i soldi delle multe!

    ma quando la finiremo con questa beffa tutta italiana?
    la polizia municipale fa cassa direttamente per i comuni che intascano i soldi delle multe.
    perchè non si fa come con Carabinieri e Polizia di Stato? I soldi delle multe che ci fanno loro vanno allo Stato, senza che loro abbiano un tornaconto economico!!!
    che il Parlamento si svegli e cambi la legge, uniformando i vigili urbani a polizia e CC.
    così vediamo quali sono le amministrazioni comunali che hanno a cuore la nostra salute, e quali SOLO il ns portafoglio!!!
Inserisci il tuo commento