I DIBATTITI DI MOTO.IT

EICMA 2015: Sicurezza motociclisti, le cose devono cambiare

- Diminuiscono gli incidenti e le vittime fra i motociclisti, ma si può e si deve fare di più. Tecnologia, abbigliamento e nuovo Codice della Strada in che maniera possono contribuire? Ne parliamo con Federica Deledda, comandante Polizia Stradale, Cristiano Silei, Ceo Gruppo Dainese, e Giordano Biserni, presidente ASAPS. Modera Nico cereghini

Il tema della sicurezza sta a cuore a tutti noi, per una questione di responsabilità e, prima ancora, perché come motociclisti siamo utenti deboli della strada. Le statistiche dicono che il numero di incidenti, feriti e vittime fra motociclisti e scooteristi sta diminuendo, ma meno rispetto a quanto avviene fra gli automobilisti. I motocicli soffrono in maggior misura le carenze delle infrastrutture per quanto riguarda la cattiva manutenzione delle strade, e soprattutto la presenza di barriere e guard rail pericolosi. Ma altri importanti aiuti possono arrivare dal miglioramento dell'abbigliamento, e lo sviluppo dei sistemi air-bag è in questo senso determinante così come lo è stata la diffusione del paraschiena, mentre la tecnologia può aiutare nell'implementazione dei sistemi di sicurezza sui veicoli, e l'introduzione del nuovo Codice della Strada può attualizzare e regolamentare meglio le norme, e anche gli investimenti, in favore della sicurezza di tutti gli utenti e contro i cattivi comportamenti.

Della situazione attuale, statistiche e casistiche alla mano, e dei miglioramenti che arriveranno e che si possono incrementare ne hanno discusso in questo dibattito Federica Deledda, vice questore aggiunto della Polizia Stradale, Cristiano Silei, amministratore delegato del Gruppo Dainese, e Giordano Biserni, presidente dell'ASAPS, ovvero l'associazione sostenitori e amici della Polizia Stradale. Modera il dibattito Nico Cereghini.

 

  • Tabbe75_1, Medicina (BO)

    ciao , quando nel mio commento iniziale parlavo di corsi , non facevo riferimento a corsi di guida veloce o in pista , la FMI organizza corsi di vari livelli , per la guida sicura su strada , durano 2/3 giorni , solitamente in bellissime strade , costano sui 700 euro compreso vitto e alloggio .
    Servono per dare consapevolezza dei meccanismi dinamici che regolano la guida della moto , posizione delle gambe , del bacino e così via .... Insegnano ad utilizzare traiettorie più sicure , io ne ho fatti diversi , anche se in moto ci vado da 24 anni , però ne ho tratto molto giovamento ......
    Poi capisco che costino , ma fate finta di acquistare un buon casco ! È sempre per la propria sicurezza , e inoltre si fanno un sacco di amicizie
  • TheBerronespolo, Rosignano Monferrato (AL)

    Per esperienza personale posso dire che i pericoli vengono da due cose principalmente: la schifezza assoluta delle strade dove non si è mai sicuri di niente e la mancanza di concentrazione degli automobilisti. Ogni anno che passa mi viene sempre meno voglia di usare la moto da strada, 100 volte meglio una bella endurata o una pistata, ti sfoghi, ti diverti e rischi poco. Almeno non correre per le strade sarebbe già qualcosa, se vedete uno che fa il matto lasciatelo correre e isolatelo.
Inserisci il tuo commento