MotoGP 2022. GP del Portogallo, Marc Marquez: "Né la moto né io siamo pronti a lottare per la vittoria"

MotoGP 2022. GP del Portogallo, Marc Marquez: "Né la moto né io siamo pronti a lottare per la vittoria"
  • di Manuel Pecino
Marc ha finito come primo pilota Honda al traguardo, ma non può certo essere soddisfatto: “Il mio obiettivo non è essere il primo con la RC213V, ma arrivare tra i primi al traguardo. Qualcuno dice che questa moto è molto competitiva, ma in realtà c’è tanto lavoro da fare”
  • di Manuel Pecino
24 aprile 2022

Portimao -  “So che tutti si aspettavano di più da me in questa gara, ma ho già detto ieri che non siamo pronti a lottare per la vittoria. Cerco di fare del mio meglio, ma la sensazione nel warm up non era buona. Per la gara ho fatto un piccolo cambiamento sulla moto che mi ha aiutato, ma non abbastanza: fin dal primo giro ero a disagio. Non ho fatto una buona partenza, ma in ogni caso non avevo velocità. Da lì in poi ho cercato di fare del mio meglio, costruire il mio ritmo”.

Al di là della posizione, il distacco è molto elevato.

“Abbiamo finito 16 secondi dietro il vincitore, quindi... Ok, si possono togliere tre o quattro secondi che ho perso nei primi giri, ma il divario rimane grande. Non ho avuto la sensazione di recuperare posizioni, finendo a lottare con Alex, Pol... Ovviamente non è la posizione in cui vogliamo finire ma oggi è stato così. Per fortuna in un paio di giorni saremo a Jerez e cercheremo di fare un passo avanti”

Il limite più grande oggi era la moto o il pilota?

“Non è 100% colpa della moto né 100% mio, è tutto l’insieme. Quando sei nel tuo momento migliore, tutto funziona: ovviamente non è il caso in questo momento. Nonostante questa situazione cerco di prendere il massimo dalla moto che ho, questo mi permette di lottare con le altre Honda. Ma il mio obiettivo non è quello di essere il primo pilota Honda, il mio obiettivo è quello di lottare per le prime posizioni. Questo fine settimana è stato anche particolare, non abbiamo avuto quasi tempo per provare, ma gli altri erano nella nostra stessa situazione. Quindi questa non può essere una scusa. Quando ti senti bene su una moto, quando ti senti a posto con le tue prestazioni, esci e sei veloce fin dal primo momento”

C’è un qualcosa in particolare che ti ha penalizzato?

“Non posso indicare una cosa responsabile della prestazione di oggi. Direi piuttosto che la sensazione generale era di disagio. E lo stesso era successo ieri. In condizioni di umidità normalmente sono veloce, ma non ho la sensazione giusta per spingere”

La RC213V sembrava competitiva: non è così?

“È così dal precampionato. È vero che alcuni piloti Honda hanno detto che la nostra nuova moto era fantastica, ma ho avvertito che dovremmo stare attenti perché nel precampionato i circuiti su cui testiamo finiscono per avere un sacco di gomma a terra. Condizioni che non avremo nei weekend di gara. A parte tutto questo, questo fine settimana non può essere il nostro riferimento, come non può essere il fine settimana di Austin due settimane fa. Dobbiamo vedere come va Jerez la prossima settimana. E lunedì dopo la gara abbiamo un test importante in cui dobbiamo fare alcuni passi importanti per poter lottare per le prime posizioni. Possiamo finire sesto, settimo, quarto e anche fare qualche podio, ma questo non è il modo di lottare per il campionato”

Quanto tempo ci vorrà?

“Non lo so, sto lavorando. Sto spingendo quando sono a casa e qui nei circuiti. Come potete vedere da fuori, sto guidando la moto in un modo molto diverso da quello che facevo prima, ma in questo momento è l'unico modo possibile”

Ultime da MotoGP

Da Automoto.it

Caricamento commenti...

Hot now