GP della Malesia

MotoGP 2019. Fabio Quartararo in pole a Sepang

- Quinta pole position stagionale per il francese, davanti a Vinales e Morbidelli, per una prima fila tutta Yamaha. Sesto Rossi, ottavo Petrucci (passato dalla Q1), decimo (ancora una volta…) Dovizioso, 12esimo Bagnaia, 17esimo Iannone. Decimo Marquez, caduto

SEPANG - Alla fine è stata pole position per Fabio Quartararo, che ha dovuto lottare soprattuto contro Marc Marquez, che lo aveva scelto come pilota da seguire.

Marquez lo ha fatto con la prima gomma, con la quale aveva ottenuto il quinto tempo, con Quartararo secondo dietro a Maverick Vinales e lo ha fatto di nuovo uscendo dal box con la seconda gomma, come documentato in #diretta sul #live di moto.it.

Quartararo, a quel punto, non aveva grande interesse a tirare, ha proceduto abbastanza lentamente nel giro di lancio, con Marquez sempre attaccato, con il duplice obiettivo (perlomeno secondo me): sfruttarne l’eventuale scia e infastidirlo psicologicamente.

Questa volta, però, la 'trappola' si è rivolta contro il pilota della Honda, che ha fatto raffreddare troppo le gomme; quando Quartaro ha iniziato a tirare, lo ha fatto anche lui: per tenere la scia di Fabio ha dovuto forzare un po’ per superare Petrucci, che sul rettilineo dei box si era interposto tra i due, e nel cambio di direzione tra la uno e la due è volato in aria, ricadendo con grandissima violenza sull’asfalto (sul #live di moto.it tutta la sequenza fotografica presa dalla TV).

L’impatto è stato violento e mentre Marquez veniva riportato con lo scooter ai box, Quartararo volava verso la sua quinta pole position.

Prima fila Yamaha

Una grande prestazione quella di Fabio (poi, nel giro di rallentamento, festeggiando ha aperto la visiera del casco con troppa violenza e si è strappata…), una brutta figura quella di Marc, che, sia ben chiaro, non ha fatto nulla di scorretto. Ma quel modo di fare lì lascia sempre un po’ perplessi.

Così, per la prima volta in questa stagione, Marquez, undicesimo, non è il miglior pilota Honda sullo schieramento, con Cal Crutchlow ottimo quinto dopo essere passato dalla Q1: la sensazione è che Cal sia stato punto nell’orgoglio dalla prestazione di Johann Zarco, che nelle libere aveva conquistato direttamente l’accesso in Q2, per chiudere poi le qualifiche con un più che dignitoso nono posto.

In prima fila, assieme a Quartaro, altre due Yamaha, quella di Vinales e Morbidelli: da cenerentola, la M1 è diventata il punto di riferimento, perlomeno in qualifica. Tutti e tre i piloti hanno un ottimo passo - soprattutto Fabio e Maverick -, ma in gara faticheranno di più a mantenere questa supremazia, perché la differenza in rettilineo rimane grande.

Ma con Marquez (e Dovizioso) così indietro, i piloti Yamaha hanno una grandissima occasione per provare a vincere, stando però attenti ad Alex Rins, settimo, autore di un gran passo nelle FP3 con le gomme usate.

Rossi sesto

In secondo fila, assieme a Crutchlow, Jack Miller e Valentino Rossi: Miller, quarto, è ormai costantemente il miglior pilota Ducati in qualifica; Rossi, sesto, è stato anche in pole per qualche attimo, ottenendo un risultato più che soddisfacente.

Rimane sempre l’incognita della tenuta della gomma alla distanza, ma anche per lui vale il ragionamento fatto per le altre Yamaha: questa è un’occasione da sfruttare.

Sotto tono Dovizioso

Danilo Petrucci, costretto a passare dalla Q1, ha ottenuto un ottavo posto non entusiasmante, ma nemmeno così negativo, per come era iniziata la giornata, mentre è un’altra volta sotto tono la prestazione di Andrea Dovizioso in qualifica, decimo per il terzo GP consecutivo (vado a memoria, potrei sbagliarmi…).

Andrea, come al solito, per la gara è messo molto meglio di quanto dica la griglia di partenza, ma nei 15 minuti cronometrati può e deve fare meglio: è vero che lui scatta sempre molto bene allo spegnersi del semaforo, ma farlo dalla quarta fila compromette comunque in qualche modo la gara e se non riuscirà a limitare i danni nel primo giro, c’è il rischio che le Yamaha possano scappare.

Buona la qualifica di Pecco Bagnaia, 12esimo e con un passo discreto.

Aprilia male, Lorenzo Malissimo

Dopo il grande GP d’Australia, l’Aprilia sapeva di dover faticare a Sepang, ma si sperava in qualcosa di meglio del 14esimo posto di Aleix Espargaro e del 17esimo di Andrea Iannone, rallentato ieri da continui problemi tecnici.

Sarà una gara molto complicata, così come lo sarà per Jorge Lorenzo, sempre più imbarazzante nelle sue prestazioni, nettamente il più lento tra i piloti Honda in pista. E la caduta alla fine delle FP4 alla curva uno, mentre stava andando piano, è davvero significativa della totale mancanza di fiducia di Lorenzo.

Guarda gli Orari TV del GP della Malesia
Tutti i segreti della pista di Sepang

Leggi le statistiche del GP della Malesia
Tutte le notizie in diretta nel nostro LIVE

 

La classifica delle qualifiche

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 325.3 1'58.303  
2 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 325.3 1'58.406 0.103 / 0.103
3 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 324.3 1'58.432 0.129 / 0.026
4 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 330.2 1'58.725 0.422 / 0.293
5 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 326.2 1'58.951 0.648 / 0.226
6 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 327.2 1'59.000 0.697 / 0.049
7 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 325.3 1'59.090 0.787 / 0.090
8 9 Danilo PETRUCCI ITA Ducati Team Ducati 330.2 1'59.097 0.794 / 0.007
9 5 Johann ZARCO FRA LCR Honda IDEMITSU Honda 327.2 1'59.139 0.836 / 0.042
10 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 332.3 1'59.173 0.870 / 0.034
11 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 327.2 1'59.178 0.875 / 0.005
12 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 327.2 1'59.640 1.337 / 0.462
13 36 Joan MIR SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 326.2 1'59.374 0.158 / 0.038
14 41 Aleix ESPARGARO SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 326.2 1'59.435 0.219 / 0.061
15 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 324.3 1'59.812 0.596 / 0.377
16 17 Karel ABRAHAM CZE Reale Avintia Racing Ducati 328.2 2'00.072 0.856 / 0.260
17 29 Andrea IANNONE ITA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia 325.3 2'00.205 0.989 / 0.133
18 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 327.2 2'00.478 1.262 / 0.273
19 82 Mika KALLIO FIN Red Bull KTM Factory Racing KTM 322.3 2'00.644 1.428 / 0.166
20 55 Hafizh SYAHRIN MAL Red Bull KTM Tech 3 KTM 318.5 2'01.045 1.829 / 0.401
Leggi tutti i commenti 141

Commenti

  • nnavaho, Barzago (LC)

    Quindi da un po di gare nessuno puo piu dire che la yamaha non va! Spero che si decidano presto a riprendere lorenzo, sempre che vogliano vincere i mondiali piu che preferire i tifosi gialli
  • bomber271, Carunchio (CH)

    La sorpresa più bella Zarco a 2 decimi del Cal Frizione, se Cecchinello per una volta pagasse di tasca sua un pilota avrebbe una moto a podio tutte le domeniche. Cal la prossima volta stai zitto
Leggi tutti i commenti 141

Commenti

Inserisci il tuo commento