Video

DopoGP con Nico e Zam: il GP di Thailandia 2018

- Gran duello tra Marquez e Dovizioso e impresa del pilota Honda, risorgono le Yamaha con Vinales sul podio e Rossi quarto. Caldo, gomme dure e solita fisionomia della gara, lenta fino ai giri finali. Cinque italiani sui due podi in Moto2 e Moto3

Tanti sorpassi (leggi la cronaca della gara), e il numero acrobatico di Marquez sul Dovi alla curva 5 è da antologia, poi il pilota Ducati tenta un attacco disperato ma infruttuoso all’ultima curva. Vinales è vicinissimo ma resta a guardare, però tre Yamaha nei primi cinque posti (Zarco quinto) sorprendono tutti. L’ingegner Bernardelle sostiene che a gomme non usurate, nella prima parte della gara, la M1 è probabilmente la miglior moto sulle piste misto/veloci, specie se può impiegare la dura davanti; poi quando calano i pneumatici, e il posteriore in particolare, l’accelerazione peggiora. La Yamaha è la più “Bridgestone oriented”.


Cosa è successo sulla moto di Lorenzo (le dichiarazioni di Lorenzo), intraversata di colpo nelle FP3? Il pilota Ducati non riporta fratture nel durissimo high side, deve disertare la gara ma in Giappone dovrebbe rientrare. La Ducati comunque continua a crescere, la Honda mantiene un vantaggio di agilità, ottima anche la Suzuki con Rins (che chiude a 3”) ma non con Iannone che sbaglia la partenza. Poco brillanti anche Aprilia e KTM nonostante il ritmo della gara sia stato blando. I fratelli Espargaro sono sopravvalutati?


Dei sei posti disponibili sui podi della Moto2 e della Moto3, ben cinque sono stati occupati dagli italiani: Bagnaia e Marini fanno doppietta nella 600, e prima di loro Diggia, Dalla Porta e Foggia monopolizzano la Moto3. Però Bezzecchi è buttato già da una manovra esagerata di Bastianini, e Martin si avvantaggia nettamente in classifica.

 

Scarica l'audio della puntata

Guarda la puntata su YouTube

SONDAGGI

 

 

  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Dell' analisi di Lorenzo su Yamaha nessuno ne parla, non mi sta simpatico ma ha centrato il problema al 100% .....
  • age25239

    ringrazio chi mi ha regalato i dati degli ultimi giri dei primi quattro classificati in particolare di Vale. Mi permetto di fare alcune considerazioni: Vale viene superato da Vignales e perde contatto. Ma poi negli ultimi due giri recupera 6 decimi, che non sono pochi, sul suo compagno di squadra e addirittura tenta il sorpasso all'ultima curva arrivando purtroppo per lui, lungo. Questa situazione di gara mi fa pensare che Vale non avesse molta fiducia su sulla sua moto, specialmente in frenata, e ha perso contatto. Il recupero è solo orgoglio? Aveva timore di cadere se avesse forzato in difesa su Vignales? aveva timore di restare senza gomme negli ultimi giri? ma se come dimostrano i dati aveva la possibilità di andare forte perchè non lo fatto prima nel duello con Vignales arrivando persino a contatto con MMM e Dovi e magari vincere? Il Vale di altri tempi avrebbe vinto la gara. Quanto pesa la sfiducia che ha nella sua moto??
Inserisci il tuo commento