eicma 2010

Al Salone di Milano arriva l'attesa MV Agusta F3

- Una nuova MV. Un'inedita 600 che arriva per strabiliare nel segmento delle supersportive di media cilindrata
Al Salone di Milano arriva l'attesa MV Agusta F3


Al Salone di Milano arriva l'attesa MV Agusta F3.
Se la F4, la moto che dalla sua presentazione è considerata la più bella del mondo, ha definito nuovi parametri estetici e prestazionali per i modelli sportivi, la nuova MV Agusta F3 va oltre, delineando un nuovo paradigma di due ruote. Leggerezza, potenza ed elettronica.

Compatta come nessun’altra, la F3 sposta in avanti i confini della categoria supersport. Il progetto è inedito, frutto della maestria di CRC, il centro ricerche che ha ideato le moto che fanno sognare tutti gli appassionati.

Le linee sono inconfondibilmente MV Agusta, proprio come quelle della sorella maggiore F4, ma la F3 è unica, si riconosce tra mille. La nuova “media” MV riprende i concetti da sempre espressi su tutte le MV Agusta, aggiungendo un design mai così affilato e sportivo, e una cura dei dettagli attenta e scrupolosa. Lo scarico con tripla uscita laterale è un esempio di come forma e funzione possano coincidere. Non c’è dubbio, la F3 è una vera MV Agusta!

IL MOTORE

L’inedito motore tre cilindri in linea da 675 cc è un omaggio alla storia del marchio più vittorioso al mondo. Con questa motorizzazione MV ha corso e vinto innumerevoli gare. Il tre cilindri torna su una supersportiva all’avanguardia per prestazioni e soluzioni tecniche in virtù della precisa scelta di Claudio Castiglioni, che ritiene questo schema motoristico la migliore architettura per una media sportiva.
Il propulsore ipercompatto è stretto, ma anche corto come nessun altro in questa categoria. Non è al vertice soltanto per potenza massima, ma anche perché contribuisce a raggiungere il miglior bilanciamento dinamico possibile in ogni situazione di guida, grazie ad esempio all’albero motore controrotante, una soluzione innovativa su una moto di serie.

L’ ELETTRONICA

L’elettronica di gestione più avanzata è l’ideale complemento alle prestazioni del nuovo tre cilindri. Per la prima volta su una MV (e su una sportiva di questa categoria) debutta il Ride By Wire multi mappa, per ottimizzare le prestazioni del propulsore in base a esigenze e desideri del pilota. Il controllo di trazione TC MV Agusta segna anch’esso un nuovo parametro di performance per la gestione dinamica della nuova F3.

LA CICLISTICA

La nuova F3 conferma la sua appartenenza alla nobile stirpe MV con una ciclistica di pregio. Come da tradizione MV, un telaio a traliccio di tubi in acciaio e piastre laterali in alluminio “veste” il compattissimo motore, offrendo al pilota una moto snella e raccolta. Le ridotte dimensioni del motore hanno reso possibile la realizzazione di una ciclistica moderna, con il perno forcellone avanzatissimo e un monobraccio molto lungo, per assicurare trazione e feeling. La componentistica è di altissimo livello. La forcella Marzocchi è pluriregolabile, così come il monoammortizzatore Sachs. L’impianto frenante anteriore si compone di una pompa radiale Nissin con pinze freno radiali e dischi freno Brembo.

TRE CILINDRI UNA STORIA ITALIANA

La storia di MV Agusta è legata a doppio filo a quella del suo motore più vincente. Dei 37 mondiali conquistati dalle moto di Cascina Costa, ben 10 sono stati infatti ottenuti da modelli equipaggiati con propulsore a tre cilindri in linea. MV Agusta è stata la prima Casa costruttrice al mondo a credere in una soluzione tecnica ardita per i tempi, ma alla prova dei fatti capace di raggiungere risultati straordinari. Sono nate così le 350 e 500 bialbero tre cilindri, moto potenti ma più maneggevoli, leggere e aerodinamiche delle 4 cilindri.
I progetti ispirati e sostenuti dal Conte Agusta, sviluppati in pista da Giacomo Agostini e portati in gara dai più grandi campioni dell’epoca, si dimostrarono subito vincenti. La 350 bialbero prima e la 500 bialbero poi stabilirono riferimenti prestazionali insuperabili per l’epoca, tanto da dominare letteralmente le competizioni: insieme hanno vinto, oltre a 10 campionati del mondo, 9 titoli italiani e ben 215 gare. Le MV 3 cilindri sono state inarrivabili per la concorrenza, grazie alla tecnologia che anticipava il futuro della meccanica ad alte prestazioni.
Ancora oggi le tre cilindri MV Agusta del passato sono uno straordinario esempio di razionalità
tecnica ed eleganza stilistica, che ritroviamo nelle MV del terzo millennio. Dovendo scegliere una motorizzazione per la nuova MV Agusta di media cilindrata, Claudio Castiglioni ha infatti deciso per la soluzione più logica ed efficace, quella del motore tre cilindri, con il risultato di guardare al domani sulla base dei grandi successi del passato. Oggi come allora, la F3 sfrutta i vantaggi di un motore stretto, corto e potente.

  • LM46, Sarre (AO)

    Chiariamo un po...

    Ci tenevo ad aggiornare un po la situazione:
    dopo numerosi test in pista e su strada sono stati rilevati quasi 140 cavalli a quasi 15mila giri, non male per un 3 cilindri direi...altro che motore della daytona...
    Uscirà in ottobre, prezzo 11900 euro per la versione standard, si perchè uscirà anche la versione Serie Oro in 200 esemplari, davvero di una bellezza fuori dal pianeta.
    Uscirà inseguito la versione depotenziata, per adesso di questa si sa ancora poco in termini di dati e prestazioni e se sarà ripotenziabile e in che modo.
    Altro che giapponesi, altro che prezzo esorbitante, altro che un comune "seicentino".
  • mauro.m3769, Monteroni di Lecce (LE)

    magnifica

    semplicemente magnifica stupenda !! è una moto che sogno da 12 anni già la f4 ora che ci sarà la f3 madoooooo la comprerò a 20 anni appena avrò i soldi sperando che costi un pò di meno della f4 però
Inserisci il tuo commento