Test SBK

Test SBK. Debutto bagnato per la nuova Honda

- I test SBK di Jerez sono iniziati sotto la pioggia. Occhi puntati sulla nuova Honda Fireblade, che si è finalmente svelata in versione racing

Pioggia e freddo questa mattina a Jerez nella prima delle due giornate di test Superbike, che vede presenti sul circuito andaluso tutti i team della classe maggiore delle derivate dalla serie, fatta eccezione per il Team Pedercini, che però proprio ieri ha annunciato che sarà regolarmente presente ai test di metà febbraio in Australia ed al successivo primo round 2020. Fino ad ora sono stati pochi i piloti che si sono avventurati sulla pista bagnata: il primo ad entrarvi è stato Leandro Tati Mercado, al debutto sulla Ducati Panigale V4 del team Motocorsa Racing. Dopo che l’argentino ha rotto il ghiaccio lo hanno seguito anche Scott Redding, Michael Van der Mark, Sylvain Barrier, Christophe Ponsson con l’Aprilia laboratorio e Toprak Razgatlıoğlu.

Ma ad attirare l’attenzione dei piloti, e soprattutto dei tecnici presenti a Jerez è stata la nuova Honda CBR 1000RR-R che verso le 10,30 è uscita dal box ed è stata subito accerchiata. Molto interesse attorno a questo nuovo gioiello della tecnologia giapponese che sino ad ora non si era mai svelata in versione racing. Piccola e compatta, la nuova Honda è rimasta qualche minuto davanti al box, giusto per scaldare il motore, ed è poi rientrata e nascosta dall’implacabile saracinesca.

A parte i pochi arditi sopra menzionati, tutti gli altri piloti sono al caldo sui loro camion, in attesa che la pioggia smetta di bagnare la pista, anche se purtroppo le previsioni sia per oggi che per la giornata di domani lasciano ben poche speranze.

  • gra61, San Giovanni in Marignano (RN)

    Allarga la foto !
  • ettorino2, Ancona (AN)

    Come è piccola e compatta la CBR (vedere foto 6), credo che vicino alla Kawa possa sembrare la figlia visto che lì tra carene e layout è tutto tendenzialmente ben più generoso.
    Qualcosa mi dice che benchè ancora grezza sarà presto dove Hrc vuole che stia...
Inserisci il tuo commento