SBK 2021. DopoGP di Francia, Toprak il grande [VIDEO]

Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
Razgatlioglu vince tre manche, anche se poi ne perde una per ricorso. Rea soffre su una delle sue piste preferite, passo falso Ducati. Tutto sul GP di Magny Cours con Carlo Baldi ed Edoardo Licciardello
  • Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
6 settembre 2021

Weekend di gare emozionanti e con tanti colpi di scena sul tracciato di Magny-Cours, con un Toprak Razgatlioglu che ha fatto il bello e il cattivo tempo. Veloce, preciso, lucidissimo e soprattutto tutt'uno con una Yamaha che, forte di trazione e percorrenza, ha piegato per tre volte in pista un pacchetto Jonathan Rea/Kawasaki mai prima d'ora apparso così impotente. Ma anche colpi di scena, dicevamo, perché con un ricorso Rea ha scalzato il rivale dalla testa della classifica della Superpole Race, limitando i danni di un brutto weekend.

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Weekend brutto perché, nonostante la solita concretezza e lucidità con cui Jonathan ha affrontato le tre gare, ragionando in ottica campionato ed evitando errori, su una pista dove in passato tante volte ha fatto la differenza ha accusato tre sconfitte. Il Mondiale è più aperto che mai, perché Razgatlioglu è un avversario davvero temibile e molto concentrato: al momento, Rea e la sua Ninja non sembrano un pacchetto all'altezza dei rivali.

 

Al contrario, a Magny Cours abbiamo assistito a un altro weekend nero per Ducati, veloce a sprazzi e con piloti diversi, ancora una volta in crisi di grip come evidenziato dalla gara di un Redding che nei tre giorni del pacchetto ha offerto tre immagini diversissime: forte nelle FP3, imbarazzante nelle gare del sabato, ancora una volta concreto e veloce la domenica. Anche Rinaldi a corrente alternata, come a sottolineare una certa criticità della moto nel trovare l'assetto giusto per far rendere le gomme.

Per una volta vanno un po' meglio anche Honda e BMW, anche se pure stavolta l'impressione è che siano stati i piloti a metterci del loro su una pista particolarmente gradita. E invece noi festeggiamo un Locatelli che si conferma in crescita prepotente, sempre più padrone della sua Yamaha e sicuro di sé, capace di lottare con i migliori senza farsi intimidire. Al podio ormai si è abituato, ora può puntare ancora più su. Axel Bassani ha forse ancora un po’ di strada in più da fare ma rimane molto positivo nel suo percorso di crescita.

- In Supersport, Aegerter è sempre più leader: sessantadue i punti su Odendaal per un Mondiale che dopo l'incertezza iniziale sembra ormai a senso unico. Ma è davvero così? 

Tutto questo e molto altro in DopoGP Superbike, live oggi sul nostro canale Youtube a partire dalle 18:00!

 

DopoGP e gli altri: tutti i live di Moto.it sul Motomondiale
Caricamento commenti...

Hot now