SBK 2021. GP di Francia: Toprak Razgatlioglu vince anche Gara2

SBK 2021. GP di Francia: Toprak Razgatlioglu vince anche Gara2
Carlo Baldi
Il pilota turco piega ancora una volta la strenua resistenza di Rea e conquista una fantastica tripletta. Terzo Redding davanti a Locatelli. Rinaldi è settimo e Bassani undicesimo
5 settembre 2021

MAGNY COURS - Jonathan Rea ci ha provato in tutti i modi, spremendo al massimo la sua Ninja e le sue Pirelli, ma non è bastato per stare davanti a Toprak Razgatlioglu.

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese

La lotta tra i due è stata senza esclusione di colpi, e spesso le moto se non addirittura le tute dei due sfidanti si sono sfiorate, ma sempre nella massima correttezza.

Nei punti dove la Kawasaki era più veloce della Yamaha, Jonny forzava il sorpasso e lo stesso faceva il turco nei settori a lui favorevoli. A sette giri circa dalla fine però, mentre Razgatlioglu continuava a martellare sul passo del 1’37, Rea iniziava a dover fare i conti con l’usura delle gomme, che rendeva ancora più precaria la stabilità della sua Ninja e a malincuore diminuiva l’andatura, dando di fatto via libera al turco che poteva vincere non più in stoppie come ieri ma in impennata.

E’ stata una bellissima gara che ha concluso un weekend estremamente favorevole a Toprak, che ora ha 13 punti di vantaggio su Rea.

Dopo aver affermato ieri che su questa pista lui e la Ducati non potevano essere competitivi, Scott Redding porta a casa un terzo posto in solitaria. Per quasi dieci giri l’inglese ha tenuto il passo dei primi due, per poi limitarsi a gestire una posizione che gli ha consentito di salire sul podio, salvando un weekend sino ad allora non certo positivo. Una soddisfazione per lui e la sua squadra, ma la classifica dice che ora sono 75 i punti che lo separano dalla vetta.

Magny Cours. Scott Redding (Ducati)
Magny Cours. Scott Redding (Ducati)

 

Andrea Locatelli sembra ormai abbonato alla quarta posizione e questa ottenuta oggi è l’ottava. L’italiano della Yamaha è ormai stabilmente nelle posizioni alte della classifica e vince spesso la battaglia per la leadership nel gruppone degli inseguitori. Con il risultato odierno il bergamasco scavalca Alex Lowes, caduto nel corso del secondo giro quando era nel gruppo di testa, nella classifica del campionato e si porta al quarto posto.

In questa gara si è rivisto un buon Chaz Davies, che ha chiuso al quinto posto, davanti ad Alvaro Bautista e a Michel Ruben Rinaldi. Ancora una prestazione convincente per lo spagnolo della Honda, mentre il settimo posto non soddisfa più di tanto l’italiano della Ducati e soprattutto il suo team.

Gara positiva quella di Michael Van der Mark che ha rischiato grosso a metà gara quando in un contatto in pieno rettilineo dei box Locatelli ha urtato la manopola del freno davanti della sua BMW. L’olandese è rimasto miracolosamente in piedi, ma forse anche per lo spavento non ha saputo ripetere il quinto posto di ieri, risultando comunque ance oggi il primo dei piloti BMW, in quanto Tom Sykes ha concluso decimo, preceduto anche da un Garrett Gerloff ancora lontano dai risultati che otteneva ad inizio stagione.

Su questa pista Axel Basani non si è espresso al massimo, anche se il suo undicesimo posto non è da buttare per il rookie del Team Motocorsa che si è messo alle spalle Ponsson, Mahias, Nozane e Rabat, che hanno concluso in zona punti.

Non ne hanno ottenuti FolgerMercado e Cresson che hanno chiuso nell’ordine. Oltre a Lowes, nei primi giri è caduto anche Haslam, per fortuna senza conseguenze fisiche.

Caricamento commenti...

Hot now