rally

L'Africa Eco Race ha raggiunto Dakar

- Si è conclusa l'Africa Eco Race, la gara ideata da Hubert Auriol sul percorso della classica Dakar africana. Tra le (poche) moto, si è imposta la KTM di Willy Jobard
L'Africa Eco Race ha raggiunto Dakar

Mentre in Sudamerica si sta disputando la Dakar 2011, organizzata dai francesi di ASO e con in gara i più forti rallisti di fama internazionale (sia tra le moto che tra le auto), in Africa è andata in scena l'Africa Eco Race. Si tratta della gara ideata dal dakariano Hubert Auriol per riportare il rally nel Continente Nero, sino alle sponde del Lago Rosa, da sempre meta agognata di chi ha corso la Dakar "africana".

Il responso da parte dei piloti è stato scarso, basti pensare che solo 4 motociclisti hanno preso parte al rally. Tra loro nessun italiano. 20 le auto in gara e 4 i camion.
Però ci piace raccontarvi l'esito di questa competizione. Una sorta di revival romantico che ripercorre il percorso di una gara entrata nella storia. E nei cuori di tanti di noi.


Il risultato finale


Una tappa finale di 203,40 km all’insegna della sabbia. L’ultima dura sfida dell’Eco Africa Race che domenica ha stabilito la classifica finale dell’edizione 2011 della gara africana.
Willy Jobard ha vinto sulla sua KTM 525 Hybrid, ha vinto nella categoria moto raccogliendo così il suo primo oro in un importante rally africano. Secondo all’arrivo di Dakar è stato Norbert Dubois (KTM 690), che pur vincendo l’ultima tappa non ha raggiunto il connazionale. Terzo sul podio è Bruno N'Diaye.

Oggi tutte le squadre sono al Lac Rose, sulla spiaggia, per l'ultima tappa, ma questa fase non sarà presa in considerazione ai fini della classifica generale. Un palcoscenico finale per mostrare questa Africa Race edizione 2011 partita il 29 dicembre scorso da Nador, nel nord del Marocco.


Willy Jobard (FRA / KTM 525 Hybride): «Che bel rally! Non dimenticherò mai questa esperienza. E' stato incredibile, con un sacco di navigazione. Sono così felice e orgoglioso di vincere perché, anche se non c’eranon molte moto, è stato un’enorme lotta contro gli altri... e me stesso. Io consiglio a tutti i piloti che vogliono divertirsi di venire qui».

Norbert Dubois (FRA / KTM 690): «Ho avuto alcuni problemi con la navigazione a causa del mio GPS, che non ha funzionato oggi... Ho dovuto interrompere per dieci minuti per risolvere il problema. Poi, tutto andava bene e ho spalancato il gas. Ora ho capito l’importanza della navigazione. Si tratta di una necessità nell’Eco Africa Race, non è come in alcune altre gare, dove devi solo seguire le linee...».
 

Classifica generale moto

Pos N° Pilote Marque Grp/Pos Cl/Pos Scratch Diff Péna
1 127 JOBARD Willy (F) KTM SP / 1 +450 / 1 52h25'58 00h30'00
2 161 DUBOIS Norbert (F) KTM SP / 2 +450 / 2 57h39'32 05h13'34
3 107 N'DIAYE Bruno (F) BMW SP / 3 450 / 1 60h21'07 07h55'09 00h57'00
4 105 BOURGIN Thomas (F) KTM SP / 4 450 / 2 60h36'51 08h10'53 00h09'00
 

  • Gian6601, Torino (TO)

    Cavolo !!!!.......

    Se mi iscrivevo arrivavo quinto....!!!!!
    Sai che figurone a raccontare di aver fatto una gara nel deserto sulle orme della vera Dakar ed essere arrivato nei primi cinque ?!!!!!
    L' ho sempre detto che mi iscrivo sempre alle gare sbagliate !!!
  • kevin#34, Roma (RM)

    la VERA Dakar rimane questa....

    certo, con solo 4 piloti nulla a che vedere con la Dakar di una volta.... non che il Cile non abbia i suoi bei percorsi, ma ostinarsi a chiamarla Dakar quando si svolge in un'altro continente, proprio non ha senso... auguro buona firtuna ad Auriol, che sappia come far ritornare questa gara ai fasti di una volta...
Inserisci il tuo commento