20 anni di sport

20 anni di sport: il 2005. Primo titolo Suzuki in SBK

- Prosegue la nostra serie celebrativa per i 20 anni di Moto.it. Corser regala il primo titolo Superbike alla Suzuki

Ed eccoci arrivati al 2005 nella nostra serie di retrospettive in cui ripercorriamo, anno dopo anno, gli eventi più significativi dello sport di questi ultimi quattro lustri per festeggiare i 20 anni di Moto.it. Siamo nel 2005, e Suzuki fa debuttare in Superbike la sua favolosa GSX-R1000K5, che già in versione di serie ha sbalordito tutti i fortunati che l'hanno provata nella presentazione stampa in Australia.

In Superbike la Casa di Hamamatsu si appoggia già da tempo al team Alstare-Corona di Francesco Batta, che per il 2005 fa il colpaccio e si mette in casa Troy Corser, già iridato in SBK nel 1996 con Ducati e reduce da due stagioni sfortunate con la Foggy-Petronas. Da tempo, la formazione di Batta è considerata una delle migliori nel paddock del Mondiale, grazie ad un motorista d'eccezione come Bruno Bailly e un'organizzazione estremamente metodica, che non lasciava niente al caso.

Moto e pilota ci hanno messo il resto: a forza di test invernali - il programma del team Alstare è impressionante - pilota e moto si presentano al via del Mondiale perfettamente pronti e carichi come molle. Risultato: sei manche vinte nelle prime quattro gare, poi due podi e altre due affermazioni di manche. E alla fine, il titolo iridato conquistato ad Imola, con un round d'anticipo, grazie all'annullamento della seconda manche a causa della pioggia torrenziale. Un successo costruito con una prima metà di stagione in cui Corser, la Suzuki e il suo team hanno lasciato tramortiti gli avversari, conquistando un vantaggio poi gestito con intelligenza ed esperienza.

Ad Hamamatsu hanno festeggiato quel titolo inseguito invano per tanti anni - ma Yamaha fece peggio - e Corser si è aggiudicato il secondo iride della sua carriera. Risultati che, per mille ragioni, nessuno dei due è più riuscito a ripetere rendendo forse ancora più unica quella stagione meravigliosa.

 

  • Samu#7, Foligno (PG)

    Ero alla curva Tosa quel giorno: Vermeulen straordinario in gara1 e diluvio allucinante nel giro di allineamento in gara2 che portò lo stesso Vermeulen a protestare sulla linea di partenza consegnando il Mondiale a Corser, ma pioveva veramente forte!Vittoria in supersport di Nannelli con una stupenda 749 color argento
  • ghero, bergamo (BG)

    dopo 2 anni du mondiale sbk praticamente monomarca ducati,per il 2005 venne modificato il regolamento per permettere anche ai 1000 giapponesi di partecipare,e da quell'anno,in ducati è quasi calato il buio totale con pochi sussulti e la dipaertita della squadra ufficiale nel 2011.corser non lo mai visto come un asso,e ricordo che vinse perchè la suzuky,forse perchè sapeva del regolamento,iniziò prima degli altri la pereparazione
Inserisci il tuo commento