Un mese con Yamaha Tracer7 GT. In definitiva: che moto è?

Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
La nostra prova di durata con la crossover media Yamaha volge al termine: è il momento delle conclusioni
  • Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
28 giugno 2022

Chiudiamo il nostro long test con la crossover Yamaha Tracer7 GT, allestimento top di gamma della Tracer7 aggiornata nel 2021. Nella versione GT, la media di Iwata acquisisce doti da vera tourer raffinata, versatile e funzionale grazie a sella comfort, parabrezza maggiorato e regolabile nonché valige laterali rigide integrate.

...e quindi?

In generale, la Tracer7 GT va davvero molto, molto bene. Gran parte di questa valutazione nasce dalla notevole leggerezza - con i suoi 210 kg in ordine di marcia è il riferimento della categoria - che semplifica il lavoro di tutte le componenti del pacchetto, conferendole una dinamica superlativa. Partendo dall'ambito cittadino, a beneficiarne è principalmente il propulsore, quel bellissimo bicilindrico CP2, caratterizzato da un'erogazione sempre sostenuta e regolare che consente di schizzare fra un'auto e l'altra.

La sella bassa offre un bell'appoggio a terra con i piedi e la posizione di guida garantisce un buon controllo e una visibilità eccellente sul traffico. Da segnare alla voce "meno" ci sono solo un plexiglass che si muove molto sul pavé e valige laterali che non riescono a ospitare un casco integrale, che però contengono la silhouette frontale e consentono di filtrare senza problemi nel traffico.

Ma trattandosi di una "GT", la Tracer7 se la cava bene anche sui lunghi trasferimenti veloci, con una sella comfort che fa la differenza. Il pannello LCD è sempre ben leggibile, e la protettività del parabrezza è notevole, con una regolazione facile e rapida sull'altezza desiderata anche in movimento. Il motore CP2 gira bene e non vibra, e le sospensioni con la taratura standard sono perfette per un pilota attorno ai 75 kg nell'uso autostradale.

Ma è il misto lo scenario in cui l'acquirente tipo della Tracer7 vuole godersela, e qui - anticipiamo - vale la pena di irrigidire un po' la taratura delle sospensioni. Ma la leggerezza della Yamaha la rende divertentissima e sicura anche qui, anche perché il suo bicilindrico è divertentissimo: allegro, grintoso ma regolare e progressivo, aiuta i neofiti e fa ridere nel casco anche i più esperti.

La guida è caratterizzata dalla posizione/distribuzione dei pesi rialzata, ma anche dalla leggerezza (a costo di sembrare monotoni) e dalla dimensione dei cerchi da 17" che rendono la Tracer7 agile e peperina - si paga qualcosa in termini di stabilità sui fondi più accidentati, ma niente di che.

Da Automoto.it

Caricamento commenti...
Yamaha Tracer 7 GT (2022)
Yamaha

Yamaha
Via Tinelli 67/69
20050 Gerno di Lesmo (MI) - Italia
848 580 569
https://www.yamaha-motor.eu/it/it/

  • Prezzo 9.699 €
  • Cilindrata 689 cc
  • Potenza 73 cv
  • Peso 210 kg
  • Sella 835 mm
  • Serbatoio 17 lt
Yamaha

Yamaha
Via Tinelli 67/69
20050 Gerno di Lesmo (MI) - Italia
848 580 569
https://www.yamaha-motor.eu/it/it/

Scheda tecnica Yamaha Tracer 7 GT (2022)

Cilindrata
689 cc
Cilindri
2 in linea
Categoria
Naked
Potenza
73 cv 54 kw 8.750 rpm
Peso
210 kg
Sella
835 mm
Pneumatico anteriore
120/70 ZR 17M/C(58W)
Pneumatico posteriore
180/55 ZR 17M/C(73W)
Inizio produzione
2021
tutti i dati

Maggiori info