Polaris resta stabile, ma le vendite Indian flettono

Polaris resta stabile, ma le vendite Indian flettono
Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
Il primo trimestre si è chiuso per Polaris Inc. con i ricavi sostanzialmente in pareggio. Pesano le difficoltà nella catena di approvvigionamento e a soffrirne nelle vendite è soprattutto Indian: -4%. Le previsioni sono però positive per l'intero anno
  • Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
28 aprile 2022

Così come Harley-Davidson, anche Polaris Inc. ha presentato agli azionisti i risultati finanziari del primo trimestre di quest'anno.

La società globale che possiede i marchi motociclistici Indian e Slingshot (la famiglia a tre ruote) ha annunciato nel trimestre ricavi complessivi di 1.957 milioni di dollari, sostanzialmente stabili rispetto a un anno fa quando furono di 1.951 milioni.

Le vendite sono state sensibilmente influenzate dai problemi riscontrati nella catena di approvvigionamento.
L'85% delle vendite sono state registrate in Nord America e già questo dato dà l'idea del posizionamento internazionale di Polaris che è molto specializzata nei mezzi da fuoristrada a quattro ruote (Ranger, RZR, General), motoslitte e fuoristrada militari, oltre che essere nota appunto per le moto Indian. I ricavi in Nord America sono stati di 1.667 milioni di dollari, quattro in più rispetto al primo trimestre del 2021.

Complessivamente i mezzi da fuoristrada (fatturato mondo di 1.308,7 milioni) sono cresciuti del 2%, mentre le moto stradali (in maggioranza per il marchio Indian) sono calate del 4% a 219,1 milioni. Per importanza c'è la divisione Marine con 211,5 milioni di ricavi e una crescita del 6%.

Le Indian hanno sofferto maggiormente problemi di fornitura della componentistica, le vendite in Nord America sono diminuite di ben il 30% a fronte di un 10% di calo del mercato nel suo complesso. Le esportazioni sono diminuite del 20%.

In aumento invece del 19% le vendite di ricambi e accessori.

L'utile lordo di Polaris Inc. è stato di 396,3 milioni di dollari (-17,5%), mentre l'utile netto è sceso da 134,1 a 69,9 milioni (-48%)

Nel periodo considerato Polaris ha riacquistato circa 1,5 milioni di azioni per circa (per 172 milioni).
L'utile per azione è stato di 1,14 dollari in calo del 46% rispetto allo scorso anno.

Le previsioni di Polaris per l'anno in corso danno ricavi compresi tra 9.215 e 9.455 milioni di dollari, in crescita dal 12% al 15% rispetto all'anno 2021. La società prevede che l'utile per azione rettificato sarà compreso tra 10,1 e 10,4 dollari, con un aumento previsto nell'11/14%.

“Stiamo effettuando investimenti strategici sia nell'innovazione e sia nell' operatività per sviluppare i nostri piani di crescita a lungo termine, per sostenere le esigenze di produzione e per rafforzare la nostra posizione di leader globale negli sport motoristici - ha commentato il CEO Polaris Mike Speetzen -. Restiamo focalizzati sulla soluzione dei problemi e sulle consegne ai nostri clienti e rivenditori”.

Argomenti

Da Automoto.it

Caricamento commenti...
Indian FTR 1200 S (2021 - 22)
Indian

Indian
Via Filippo da Desio, 49/51
20832 Desio (MI) - Italia
https://www.indianmotorcycle.com/en-us/

  • Prezzo 16.790 €
  • Cilindrata 1.203 cc
  • Potenza 120 cv
  • Peso 221 kg
  • Sella 805 mm
  • Serbatoio 13 lt
Indian

Indian
Via Filippo da Desio, 49/51
20832 Desio (MI) - Italia
https://www.indianmotorcycle.com/en-us/

Scheda tecnica Indian FTR 1200 S (2021 - 22)

Cilindrata
1.203 cc
Cilindri
2 a V
Categoria
Custom
Potenza
120 cv 90 kw 6.000 rpm
Peso
221 kg
Sella
805 mm
Pneumatico anteriore
120/70R19 60V
Pneumatico posteriore
150/80R18 70V
Inizio produzione
2020
tutti i dati

Maggiori info

Ultimi articoli su Indian FTR 1200 S (2021 - 22) e correlati