Vendite in Europa

Mercato Europa 2014: vendite in ripresa, l'Italia prima nell'immatricolato

- Nel mercato dell'Europa a 28 Paesi, per la prima volta dal 2007 le vendite di moto e scooter sono aumentate. L'Italia conserva ancora il primo posto nelle immatricolazioni. La Francia è prima grazie ai ciclomotori. La BMW 1200 GS è la moto più venduta
Mercato Europa 2014: vendite in ripresa, l'Italia prima nell'immatricolato

La ACEM , associazione europea dei costruttori di due ruote a motore, ha diffuso oggi i dati di vendita di moto scooter e ciclomotori nei 28 Paesi dell'Unione Europea, più le nazioni che fanno parte della Efta, relativi all'anno 2014.

 

La buona notizia è che per la prima volta dal 2007 i dati complessivi delle vendite dei modelli “targati” moto e scooter, più le registrazioni dei ciclomotori, non sono calati attestandosi poco oltre 1,1 milioni di unità. Se poi si scorporano i ciclomotori si nota che le immatricolazioni di moto e scooter sono aumentate del 7,9% nell'ultimo anno, passando da 739.880 unità del 2013 alle 798.300 del 2014, con un andamento positivo in quasi tutti i mercati.

 

Le immatricolazioni di moto e scooter nei principali mercati europei dal 2001 al 2014
Le immatricolazioni di moto e scooter nei principali mercati europei dal 2001 al 2014

 

Certo, se risaliamo al 2007 - che è stato l'anno record per le immatricolazioni europee con il risultato di ben 1.524.602 moto e scooter oltre i 50 cc – il mercato si è più che dimezzato e di motivi per sorridere ce ne sarebbero pochi. Tuttavia la ripresa economica iniziata in alcuni Paesi dell'Unione ha cominciato a trainare anche le vendite delle due ruote e ad allontanare l'effetto negativo della grande crisi finanziaria arrivata in Europa nel 2008.

Com'è andata in Italia lo abbiamo scritto più volte ed è storia nota, qui ci basta ricordare che nel 2006 il mercato era quasi il triplo di quello attuale. Ad ogni modo, anche se con margine risicato, quello italiano resta il mercato principale di tutta Europa: nel 2014 le immatricolazioni sono state oltre 156mila contro le 153mila di Francia e le 141mila della Germania, i tradizionali mercati principali del nostro Continente assieme alla Gran Bretagna. L'Acem ha fornito anche i dati relativi ai Paesi Efta (Svizzera, Norvegia, Islanda e Liechtenstein) che nel 2014 hanno totalizzato 57.550 unità fra ciclomotori e motocicli.

 

Le immatricolazioni di moto e scooter del 2014 nei Paesi europei
Le immatricolazioni di moto e scooter del 2014 nei Paesi europei

 

Le immatricolazioni 2014 nei primi 20 mercati

Pos. Nazione Unità
1 IT 156.431
2 FR 153.324
3 DE 141.623
4 ES 111.460
5 UK 91.492
6 CH 39.847
7 EL 30.951
8 AU 25.155
9 BE 20.681
10 PT 15.335
11 CZ 12.441
12 NL 10.673
13 PL 9.848
14 SE 8.378
15 NO 4.128
16 FI 3.467
17 DK 1.936
18 LU 1.734
19 SI 1.707
20 LV 589

 

Il dato totale delle due ruote è penalizzato dall'andamento dei ciclomotori che continua ad essere negativo e in maniera più pesante. Anche per i cinquantini è stato il 2007 l'anno migliore: si vendettero 926mila ciclomotori in tutta Europa, quasi tre volte il volume attuale. Nel 2014 siamo infatti piombati a 340.468 unità, l'11% in meno rispetto al solo 2013.
Primo mercato per i ciclomotori è stato quello francese con 98.170 registrazioni, seguito da quelli olandese (62.940), polacco (40.700), tedesco (34.200) e italiano (28.300).

 

Le registrazioni di ciclomotori in Europa nel 2014
Le registrazioni di ciclomotori in Europa nel 2014

 

Le registrazioni ciclomotori 2014 nei primi 20 mercati

Pos. Nazione Unità
1 FR 98.178
2 NL 62.947
3 PL 40.715
4 DE 34.203
5 IT 28.370
6 AU 15.192
7 ES 14.810
8 BE 10.936
9 UK 10.628
10 DK 7.609
11 NO 7.383
12 FI 7.238
13 CH 6.193
14 PT 2.317
15 SI 2.233
16 CZ 1.806
17 LV 1.212
18 LU 1.008
19 LT 925
20 IE 141

 

Nel 2004 in Italia i ciclomotori erano stati 132mila, ma se si arretra di qualche altro anno ancora si scopre che fra il 1995 e il 1999 da noi di ciclomotori – essenzialmente scooterini - se ne vendevano fra le 550 e le 600mila unità. Se si considera l'insieme delle vendite dei ciclomotori con le immatricolazioni dei motocicli - ovvero moto più scooter oltre 50 cc - al primo posto fra i mercati europei balza la Francia e l'Italia passa al secondo.

Totale vendita 2014, ciclomotori e motocicli, nei Paesi europei
Totale vendita 2014, ciclomotori e motocicli, nei Paesi europei

 

Vendite motocicli e ciclomotori nel 2014

Pos. Nazione  Unità
1 FR 251.502
2 IT 184.801
3 DE 175.826
4 ES 126.270
5 UK 102.120
6 NL 73.620
7 PL 50.563
8 AU 40.347
9 CH 39.847
10 BE 31.617
11 PT 17.652
12 CZ 14.247
13 FI 10.705
14 DK 9.545
15 NO 4.128
16 SI 3.940
17 LU 2.742
18 LV 1.801
19 LT 1.219
20 IE 501

 

I modelli più venduti in Europa

Per quanto riguarda i modelli più venduti a livello europeo, la classifica è guidata dalla BMW R 1200GS con 18.013 unità, modello che è stato al primo posto anche in Italia negli ultimi anni. Al secondo posto c'è invece la nuova Yamaha MT-07, poi lo scooter Peugeot Kisbee 50 (vendutissimo in Francia), l'SH 150 Honda (venduto quasi unicamente in Italia con la sua cilindrata atipica per l'Europa) e ancora due veicoli di Yamaha: il maxi scooter TMax e l'altra naked del nuovo corso, la MT-09. Le cinque moto presenti nella top ten sono di cilindrata medio-alta e alta, mentre fra gli scooter rappresentati compaiono due ciclomotori.

Pos. Marca Modello Unità
1 BMW R1200GS 18.013 
2 YAMAHA MT07 13.125
3 PEUGEOT KISBEE 50 12.561
4 HONDA SH150AD 8.754
5 YAMAHA XP500 TMAX (530cc)   7.846
6 YAMAHA MT09 7.562
7 PIAGGIO ZIP 50 2T (Cina) 7.161
8 BMW R1200RT 6.625
9 HONDA SH300 6.281
10 KAWASAKI    Z800 6.235


 

Francia 
Sono questi i primi dieci modelli venduti durante il 2014 in Frabncia, in quello che è il primo mercato europeo se si tiene conto anche delle registrazioni dei 50 cc. Tra i tanti scooterini si infilano la Yamaha MT-07 e la Kawasaki Z800, le sole moto presenti nella decina. Da notare il quarto posto assoluto del Piaggio MP3 500.

Pos. Marca Modello
1 PEUGEOT KISBEE 50
2 PIAGGIO ZIP 50 2T (Cina)
3 YAMAHA MT07
4 PIAGGIO MP3 500 LT MY14 ABS
5 YAMAHA XMAX 125
6 KYMCO AGILITY 50
7 KAWASAKI   Z800
8 YAMAHA XP500 TMAX (530cc)
9 MBK BOOSTER 50
10 SYM ORBIT 50

 

Italia
Nel nostro mercato, qui tutte le classifiche 2014, soltanto la BMW GS 1200 riesce a entrare nelle top ten in rappresentanza delle moto. Gli scooter a ruote alte sono notoriamente i veicoli più venduti da noi.

Pos. Marca Modello
1 HONDA SH150AD
2 HONDA SH300
3 HONDA SH125AD
4 PIAGGIO BEVERLY NEW 300 i.e.
5 KYMCO AGILITY 125
6 YAMAHA   XP500 TMAX (530cc)
7 BMW R1200GS
8 PIAGGIO LIBERTY 125 3V
9 YAMAHA XMAX 400
10 YAMAHA XMAX 250

 

Germania
Il mercato tedesco è tradizionalmente motociclistico: soltanto uno scooter entra nella decina delle due ruote più vendute e, guarda caso, si tratta di un modello "classico" qual è la Vespa. Altra caratteristica è la buona presenza di modelli da 125 cc che aiuta nel ricambio generazionale dei motociclisti.

Pos. Marca Modello
1 BMW R1200GS
2 VESPA GTS 300 SUPER
3 KTM 125 DUKE
4 YAMAHA MT07
5 YAMAHA MT09
6 YAMAHA YZF-R125
7 KAWASAKI  ER-6n
8 KAWASAKI Z800
9 BMW S 1000 R
10 YAMAHA WR125

 

Spagna
La Spagna vede fra i modelli più venduti quelli di cilindrata inferiore e scooter. Si tratta infatti di modelli 125 cc, a parte il basico Honda 110 all'ottava posizione, che soddisfano le esigenze di mobilità a costo contenuto.

Pos. Marca Modello
1 KYMCO AGILITY CITY 125
2 KYMCO SUPER DINK 125
3 HONDA WW125EX2
4 YAMAHA   XMAX 125
5 SUZUKI BURGMAN 125
6 HONDA SH125AD
7 PIAGGIO LIBERTY 125 3V
8 HONDA NSC110MPD
9 SYM SYMPHONY 125 SR
10 HONDA SH125D

 

Gran Bretagna
Il Regno Unito è più simile ai mercati tedesco e del nord europa: si vendono prevalentemente le moto anche se fra le top ten ci sono diverse ottavo di litro. GS 1200, Adventure e Tiger 1200 Triumph sono le le sole moto presenti e tutte della medesima categoria: maxi enduro stradale.

Pos. Marca Modello
1 HONDA CBF125M
2 YAMAHA YZF-R125
3 BMW R1200GS
4 HONDA NSC110
5 YAMAHA YBR125
6 HONDA WW125EX2
7 BMW R1200GSA
8 HONDA CBR125R
9 TRIUMPH   TIGER 1200 EXPLORER
10 HONDA SH125i

 

  • Rockweiller, Pavia (PV)

    ...o forse solo passione!

    Guardando i risultati dal 2006 ad oggi, non credo che sia solo la crisi economica a giustificare una riduzione così drastica delle vendite. Penso che la passione "vera" sia rimasta, che chi ha "la moto dentro" continui a fare sacrifici e a comprare, in relazione alle proprie possibilità, la moto nuova.
    Chi manca all'appello sono forse tutti quei motociclisti che hanno scelto la moto solo per comodità o per curiosità o anche per moda (e non vuole essere assolutamente una critica a nessuno, anzi...).
    In tempi di "difficili", o almeno di preoccupazione, anche chi può, o potrebbe, da la priorità alle proprie passioni, rinunciando a quello che magari è solo uno sfizio e non una passione vera e propria.
  • Alex12, Fano (PU)

    Miseria e Nobiltà

    Del secondo grafico mi colpisce in particolare questo dato : 450mila pezzi venduti nel 2006 contro i 150mila di oggi.Praticamente allineati ai francesi, quando compravamo il triplo di loro.Di quanto siamo più poveri ?
Inserisci il tuo commento