Paul Jonass: stagione finita, ma ora tutti i piloti guardano al 2019

Paul Jonass: stagione finita, ma ora tutti i piloti guardano al 2019
  • di Alex Hodgkinson
Con la fine della stagione, i piloti e le Case stanno trovando gli ultimi accordi per il 2019
  • di Alex Hodgkinson
2 ottobre 2018

La moto di Pauls Jonass era a Imola, ma il pilota era assente. Al lèttone, che passerà a IceOne Husky in MXGP il prossimo anno, era stato consigliato di portare avanti l'operazione al ginocchio che si era infortunato in Turchia nella collisione con Jorge Prado, quindi giovedi scorso è andato sotto i ferri a Ortema, in Germania.
"Sfortunatamente, la mia stagione è finita prima del tempo: dopo l'incidente in Turchia il mio ginocchio era messo male, ma io e il mio team avevamo deciso di andare avanti e di non rinunciare al titolo, nonostante il dolore massacrante. Arrivando a ieri, quando mi sono sottoposto all'intervento chirurgico i medici sono stati bravissimi e hanno fatto un ottimo lavoro. Un grazie enorme va alle persone della struttura di Ortema."
Ovviamente, non correrò a Imola questo fine settimana: odio lasciare i miei fan, ma se mai dovessi tornare a fare ciò che amo di più, un paio di gambe in forma tornerebbero utili. Grazie a tutti per le belle parole, torneremo nel 2019."

Jorge Prado ha ricevuto la notizia giovedì mattina, quando il suo team manager Claudio De Carli lo ha chiamato per salutarlo: "Buongiorno, campione del mondo". La conferma finale del titolo è arrivata sabato mattina, quando Jonass non si è iscritto alla gara.

La stagione 2018 di Antonio Cairoli si è conclusa sottotono, con una caduta sull’asfalto nella zona a ridosso della struttura della pit lane, una nuova misura di sicurezza introdotta per impedire ai piloti di colpire la pit lane. “Sono davvero deluso di non aver potuto correre di fronte al mio pubblico, ma stamattina ero veramente dolorante. Ho provato a fare alcuni trattamenti che mi permettessero di guidare durante il warm up, ma pur essendo una persona con una soglia del dolore molto elevata, stavolta non ci sono riuscito. Inoltre non avrei avuto la possibilità di partire bene dall’ultimo cancello, quindi ho dovuto guardare al futuro e al Motocross delle Nazioni della prossima settimana: è una gara molto importante per me e per l’Italia, quindi insieme al team abbiamo deciso di non prendere rischi.”

Jeffrey Herlings non sarà sicuramente solo in KTM. Il team manager Dirk Gruebel: "Abbiamo due tabelle numero uno nel tendone questo fine settimana, ma ci vorrà ancora un po' di tempo prima che ciò si ripeta. Stiamo cercando un giovane pilota da portare avanti con una 250, ma non mi aspetto una conferma o una firma, ancora per diverse settimane."

Il ritorno di Brian Bogers dall'infortunio al piede dello scorso inverno non è durato a lungo: infatti si è infortunato il ginocchio sabato ad Imola.

Jordi Tixier è tornato sul palcoscenico del GP con i suoi sostenitori di VHR KTM, ed è apparso in forma sin dal primo giro.
Il campione del mondo MX2 2015 ha anche confermato che correrà un con una 450 nella classe Open per la Francia, questo fine settimana a Red Bud: "Ho guidato solo 450 tutto l'anno, e la moto è già ottima."
Le indiscrezioni di un passaggio alla classe MX2, con Dylan Ferrandis che passa a alla 450, sono state alimentate quando il pilota di Avignone, che ha sede negli Stati Uniti, è stato recentemente visto in California in sella a una 450: ma a quanto pare si trattava solo di un allenamento per Marsiglia (lo stesso giorno della Monster Cup a Las Vegas) e il Paris SX.

Tutti i piloti inglesi del GP sono stati confermati per il 2019. Max Anstie entrerà a far parte del team KTM di Belgian Standing Construct per completare la formazione con Glenn Coldenhoff e Ivo Monticelli. Anstie otterrà i motori factory da Mattighofen e le sospensioni WP factory, come parte dell'accordo.
Anche Shaun Simpson ha una squadra: "Non posso rivelare alcun dettaglio per ragioni contrattuali, ma correrò i GP e il Maxxis il prossimo anno. Non so ancora con quale moto correrò, poiché il team è in trattativa con diversi produttori per il 2019."
Tommy Searle ha già firmato con Bos Kawasaki, insieme a Evgeny Bobryshev, diverse settimane fa.
Ben Watson e Adam Sterry avevano contratti in corso con Kemea Yamaha e F&H Kawasaki per la MX2, e Conrad Mewse ha firmato un nuovo contratto biennale con Hitachi KTM, domenica mattina a Imola.

Brad Anderson ha mostrato un gran coraggio nel difendere il titolo EMX  300 a Imola: una settimana prima, infatti, il 37enne veterano inglese infatti, si era rotto il dito  normalmente utilizzato per la frizione!

Ultime da Motocross

Da Automoto.it

Caricamento commenti...