Piloti

MX. Jorge Prado, femore fratturato in allenamento

- Il pilota KTM si è infortunato mentre si allenava insieme a Tony Cairoli
MX. Jorge Prado, femore fratturato in allenamento

Una caduta in allenamento nel circuito di Malagrotta. Per Jorge Prado quello che sembrava un banale incidente come se ne vedono tanti nel motocross, si è rivelato un serio infortunio: frattura del femore sinistro. Il due volte campione del mondo si stava allenando con Tony Cairoli quando è caduto.

Dopo l'incidente è stato immediatamente portato European Hospital di Roma dove è stato subito operato. Ancora non c'è nessuna previsione sui tempi di recupero. Il pilota spagnolo è atteso al debutto in MXGP il 1° marzo oltre Manica.

Abbiamo parlato con Davide De Carli che segue direttamente i piloti e ci ha spiegato meglio come è avvenuto l’incidente.

Davide come è successo?
«Jorge stava allenandosi come di consueto a Malagrotta assieme a Tony Cairoli, entrambe avevano già effettuato una prima manche ma purtroppo a due giri dalla fine della seconda in un salto Prado ha perso il controllo della moto e nell’atterraggio è caduto sulla gamba sinistra. Fortunatamente il ginocchio ha tenuto, ma non il femore che si è rotto in maniera scomposta anche se non esposta, che ha limitato quindi i danni anche se il dolore che ha patito è stato parecchio».

È stato necessario quindi un intervento chirurgico.
«Sono stati fatti controlli in tutto il corpo in quanto l’impatto è stato piuttosto pesante, dopodiché gli è stato inserito un chiodo di titanio che ha stabilizzato l’osso e che può lasciare o togliere in base a quello che deciderà in futuro. I tempi di recupero però sono ancora incerti, potrebbero bastare due mesi o esserne necessari anche quattro».

Un vero peccato perché girava voce che stava prendendo velocemente la mano al passo del 450.
«È vero, aveva fatto sino a due settimane fa un allenamento in palestra specifico per la nuova cilindrata e i tempi sul giro erano buoni, girava assieme a Tony ed era in costante crescita, giorno dopo giorno andava sempre meglio. Purtroppo il passaggio dalla 250 è sempre delicato, una volta lo scarto di potenza era più limitato e si assorbiva meglio, mentre ora tanti cavalli in più da tenere a terra fanno sentire il loro peso. Stavolta ci si è messo di mezzo anche il destino, visto che anche due anni fa Jorge si era infortunato al gomito proprio poco prima di Natale….».

  • TheBerronespolo, Rosignano Monferrato (AL)

    Noooooooooooooo...che peccato. Mi dispiace, grande talento, torna presto campione.
  • walter.sciutto, Nizza Monferrato (AT)

    Un vero peccato, spero solo sia veloce il recupero, vista anche la giovane età. Dopo Tony Cairoli è il mio pilota preferito sia come guida che come personaggio. Forza Jorge !
Inserisci il tuo commento