Triumph Bonneville Speedmaster 2018

Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
La famiglia delle Bonnie si completa con la più americana delle proposte. Arriverà nel 2018
  • Edoardo Licciardello
  • di Edoardo Licciardello
3 ottobre 2017

Mancava solo lei all’appello. Da quando Triumph, a fine 2015, ha lanciato la nuova gamma Bonneville, l’unico modello non ancora traghettato alla nuova piattaforma era proprio la Speedmaster. Con l’arrivo della nuova Triumph Bonneville Speedmaster la famiglia si completa con un tassello importante, che piacerà sia a chi cerca una moto dallo stile classico, sia a chi invece è rimasto affascinato dalla Bobber, ma la trova un po’ troppo limitativa – buona parte della base tecnica infatti è quella della Bobber, con gli aggiornamenti tecnici e stilistici della nuova Black. La Speedmaster arriverà nelle colorazioni Jet Black, Cranberry Red, Fusion White/Phantom Black con doppia finitura dipinta a mano

La base motoristica è la stessa: il bicilindrico da 1200 cc High Torque con fasatura a 270° in configurazione Bobber, capace quindi di 106 Nm a 4.000 giri e 77 cv a 6.100 giri (un guadagno di circa il 10% rispetto alla T120 standard), con doppio airbox e nuovo scarico in acciaio inox cromato e con catalizzatore a doppia camera nascosto fra i collettori, capace di conferire alla Speedmaster una voce piacevolmente profonda e vigorosa. Le prestazioni sono ovviamente molto superiori rispetto al modello 2015, con una coppia che cresce del 42% e una potenza superiore del 25%.

Invariata anche la gestione elettronica, con alimentazione ride-by-wire a due mappature (Road e Rain), controllo di trazione disinseribile e anche in questo caso il Cruise control che, supponiamo, arriverà come dotazione standard su tutti i modelli 2018.
Bello il quadro monostrumento realizzato specificamente per questo modello, non reclinabile come sulla Bobber Black. Altro punto che accomuna Speedmaster alle altre 1200 della famiglia è l’intervallo di manutenzione, fissato in 16.000 km.

La ciclistica ricalca in gran parte quella della Bobber standard, con cerchi da 16”, dotata però del nuovo impianto frenante Brembo con doppio disco anteriore da 310 mm e pinze flottanti Brembo a due pistoncini. La forcella è la KYB a cartuccia con steli da 41 mm ed escursione di 90 mm, mentre al posteriore troviamo la soluzione monoammortizzatore con forcellone a gabbia oscillante che simula una configurazione hardtail.

La posizione di guida è determinata da pedane avanzate e manubrio arretrato “beach bar”, ma la soluzione probabilmente più attraente (che la avvicina filosoficamente alla Bobber secondo il concetto citato all’inizio) è la possibilità di rimuovere facilmente la sella del passeggero e relativi maniglioni ottenendo così una configurazione monoposto – anticipiamo la vostra domanda, no, non è possibile eliminare anche il parafango posteriore…

Anche sulla Speedmaster troviamo il faro anteriore full-LED da 5” con DRL, completato dal faro posteriore nella stessa tecnologia. Il serbatoio è da 12 litri.

Il numero di accessori dedicati è naturalmente molto elevato – più di 130, tutti disponibili sul configuratore online – per permettere di caratterizzare la propria Speedmaster come meglio la si desidera. La lista comprende scarichi Vance & Hines, borse laterali, pedane Highway, paramotore e parabrezza Touring regolabile, oltre al kit per operare la rimozione della sella passeggero con finitura dedicata per il parafango.

La versione standard affiancata da Maverick e Touring
La versione standard affiancata da Maverick e Touring

E’ anche possibile acquistare gli accessori in due kit pensati per raggrupparli ad hoc secondo le (prevedibili) ispirazioni dei clienti.

Chi volesse valorizzare le doti turistiche della nuova Triumph, troverà probabilmente interessante il kit Highway con borse laterali in vera pelle e cotone cerato, parabrezza Touring regolabile, sella comfort per il pilota, sella per il passeggero più larga in coordinato e una serie di elementi cromati, tra i quali paramotore, supporto per lo schienalino del passeggero, portabagagli e tappo dell’olio lucido.

Il kit Maverick invece avvicina la Speedmaster alla Bobber, conferendole un look più minimalista e aggressivo con sella singola marrone trapuntata, manubrio piatto e più inclinato, scarichi Vance & Hines neri e altri componenti rifiniti pure in nero: collettori di scarico, tappo dell’olio e un kit per la rimozione del maniglione e della finitura del parafango posteriore, per una linea ancora più aggressiva e sfuggente.

Naturalmente presente anche una collezione di capi di abbigliamento, con la linea Bonneville Speedmaster che sarà disponibile contemporaneamente al lancio della moto. Questa gamma di abbigliamento comprende quattro moderne t-shirt, una giacca casual trapuntata, una camicia a quadri e una felpa con cappuccio.

Ultime da Fiere e saloni

Caricamento commenti...
Triumph Bonneville Speedmaster 1200 (2018 - 20)
Triumph

Triumph
Via R. Morandi, 27/B
20090 Segrate (MI) - Italia
02 84130994
stefano.nizzola@triumph.co.uk
https://www.triumphmotorcycles.it

  • Prezzo 14.500 €
  • Cilindrata 1.200 cc
  • Potenza 77 cv
  • Peso 246 kg
  • Sella 705 mm
  • Serbatoio 12 lt
Triumph

Triumph
Via R. Morandi, 27/B
20090 Segrate (MI) - Italia
02 84130994
stefano.nizzola@triumph.co.uk
https://www.triumphmotorcycles.it

Scheda tecnica Triumph Bonneville Speedmaster 1200 (2018 - 20)

Cilindrata
1.200 cc
Cilindri
2 in linea
Categoria
Naked
Potenza
77 cv 57 kw 6.100 rpm
Peso
246 kg
Sella
705 mm
Pneumatico anteriore
130/90/16"
Pneumatico posteriore
150/80/16"
Inizio Fine produzione
2018 2020
tutti i dati

Maggiori info

Ultimi articoli su Triumph Bonneville Speedmaster 1200 (2018 - 20) e correlati