Africa Eco Race D7. Botturi & Colpi di Scena [VIDEO e GALLERY]

Piero Batini
  • di Piero Batini
Problemi per tutti per uno straordinario equilibrio tattico che riscrive il Rally a Dakar. Botturi vince la Tappa, Cerutti mantiene un sottilissimo filo di vantaggio nella Generale, Tarres attardato. Tutti in piedi, siamo nel vivo della Mauritania!
  • Piero Batini
  • di Piero Batini
9 gennaio 2024

Chami, Mauritania, 9 Gennaio 2024. L’”anello” di Chami, 454 chilometri tutti tra dune, piste e sentieri sabbiosi. È un anello magico, che incastona il gioello del Rally in un contesto storico e ideale. La tappa è faticosa, ma è di quelle che rendono orgogliosi. Chi c’è già stato rievoca il Deserto nella sua natura più originale di scenario dei Rally-Raid, chi vi entra per la prima volta scopre un mondo, quella realtà che ha sempre sognato e che l’ha portato sin qui.

La tappa è ad un tempo divertente e complicata. Risulta avvincente per le dinamiche della corsa e per quel “sale” di piccoli colpi di scena che l’hanno insaporita e caratterizzata. Pol Tarres, Yamaha, Jacopo Cerutti, Aprilia, Alessandro Botturi, Yamaha. Questo era l’ordine di partenza sulla linea accanto al bivacco remoto, 10 chilometri dal villaggio di Chami. Avevamo ipotizzato che Cerutti andasse a prendere Tarres, ma anche che Botturi potesse fare il “colpaccio” riprendendo entrambi e passando a condurre il Rally. In un certo senso non siamo andati lontani, ma non avevamo incluso l’intervento dei colpi di scena.

Sette chilometri dentro, Cerutti cade. Cappotta e danneggia il radiatore. Per fortuna il danno è lieve e rimediabile, ma tra controlli e soluzioni i “nemici” (in realtà tutti amici) di Yamaha se ne vanno. Tutto da rifare. Da quel momento Cerutti fa la sua corsa, obiettivo non sbagliare più e sfruttare al massimo la guidabilità della Moto. Più avanti tocca a Tarres. Lo spagnolo cade e danneggia il silenziatore di scarico.

Si ferma e ripara ma retrocede nella “virtuale” e rimette in gioco la sua tappa rientrando nel regime di “solitudine” che gli imprevisti spesso impongono. Diventa la giornata di Botturi, che scappa via e spinge fino ad accumulare circa 4 minuti di vantaggio. In quel momento è in testa al Rally, ma non è finita. L’ultimo tratto di dune e fuoripista è complicato, e anche il Gigante di Lumezzane sbaglia.

Il finale rimette la situazione in un equilibrio eccezionalmente precario. Cerutti riaggancia Botturi, che vince la Speciale ma con un vantaggio di appena due minuti. Terzo è Francesco Montanari con la seconda Aprilia Touareg 660.

Tarres è quinto a 28 minuti, alle spalle anche di Marco Menichini, Team Solarys. Cerutti mantiene il comando delle operazioni, ma Botturi è secondo ad appena un minuto. Non dovrebbe essere la ottava tappa a dirimere la questione, ma è certo che ogni giorno che passa Africa Eco Race fa alzare in piedi sulle tribune virtuali degli appassionati. Non ci si aspettava una Sfida delle Bicilindriche così accesa!

Pierre-Louis Loubet vince la Tappa, Gautier Paulin mantiene la leadership della gara delle Auto. Prestazioni stratosferiche per i due Apache ibridi appena sbarcati in Africa, senza neanche un’ora di rodaggio!

Via da Chami, dopo un giorno di ozio per le Assistenze, e rotta verso Amodjar. Siamo vicini ad Atar, sulle piste mitiche di Chinguetti. Africa Eco Race è nella culla delle origini. Poco meno di 400 chilometri di prova speciale.

© Immagini Africa Eco Race, Alessio Corradini, Aprilia Racing, Yamaha Media, H-D, PB, Video Simone Armanni

Africa Eco Race 2024. Classifica Assoluta dopo la 7a Tappa

1. 111 - CERUTTI JACOPO (ITA). APRILIA RACING GCORSE | . 26h56m09s. +00:00:00

2. 103 - BOTTURI ALESSANDRO (ITA). YAMAHA TENERE WORLD RAID TEAM | . 26h57m09s. +00:01:00

3. 113 - TARRES POL (AND). YAMAHA TENERE WORLD RAID TEAM | . 27h09m09s. +00:13:00

4. 193 - GRITTI GIOVANNI (ITA). RSMOTO RACING TEAM HONDA OIL | . 29h51m23s. +02:55:14

5. 131 - VAUDAN ALEXANDRE (CHE). CASTEU TROPHY | . 30h34m14s. +03:38:05

6. 122 - MONTANARI FRANCESCO (ITA). APRILIA RACING GCORSE | . 30h57m40s. +04:01:31

7. 114 - RUOSO ALESSANDRO (ITA). TWINSBIKE RACING TEAM | . 31h13m40s. +04:17:31

8. 136 - FERT ATTILIO (FRA). FRANCE ROAD BOOK | . 31h17m46s. +04:21:37

9. 144 - FONTANA MARCO AURELIO (ITA). HONDA GENUINE OIL | . 31h35m24s. +04:39:15

10. 124 - CHARLIER NICOLAS (FRA). YAMAHA TENERE WORLD RAID TEAM | . 31h38m34s. +04:42:25

12. 181 - MENICHINI MARCO (ITA). SOLARYS RACING | . 32h01m25s. +05:05:16

13. 171 - GUERRINI MASSIMILIANO (ITA). SOLARYS RACING | . 32h22m53s. +05:26:44

14. 128 - QUINTO NICOLA (ITA). JACQUE DE MOLAY | . 32h50m31s. +05:54:22

15. 133 - GAVA ANDREA (ITA). NSM RACING TEAM | . 34h02m23s. +07:06:14