Test MotoGP

MotoGP, Sepang test. Il più veloce è Pol Espargaró. Lorenzo in pista

- Lorenzo debutta nel ruolo di collaudatore Yamaha: per lui 46 giri, il migliore in 2’00”478 a 1”062 dal miglior crono odierno (Pol Espargaró, 1’59”444). Per Jorge 46 giri e uno stato di forma già buono: la Casa giapponese inizia bene il 2020
MotoGP, Sepang test. Il più veloce è Pol Espargaró. Lorenzo in pista

Eccolo in pista, finalmente, Jorge Lorenzo con la Yamaha M1: 46 giri per lui, il migliore in 2’00”478, 1”062 più lento di Pol Espargaró (1’59”444), a meno di un decimo dal 2’00”478, che nell’ultimo GP della Malesia gli era valso il 18° tempo sulla griglia di partenza con la Honda RC213V. Un “esordio” da collaudatore sicuramente interessante: con questa moto, con il motore 4 in linea, Jorge si sente più a suo agio che con Honda e Ducati. Adesso Lorenzo si riposerà un paio di giorni e poi, probabilmente, lo rivedremo in pista assieme ai piloti ufficiali, ai sui ex (per il momento…) rivali. Per la Yamaha un ottimo inizio di 2020, e la conferma che si sta facendo tutto il possibile per tornare a essere grandi protagonisti.

BENE L’APRILIA

Al di là del miglior tempo della KTM con Pol Espargaró, scontato considerando i due giorni precedenti, la sorpresa positiva della giornata è l’1’59”622 di Aleix Espargaró, a soli 0”178 dal fratello. L’aspetto interessante è che Aleix ha ottenuto il crono con la nuova RS-GP, a conferma di una base molto valida. L’ingegner Romano Albesiano lo aveva detto nello speciale DopoGP girato a Noale: “il nuovo motore è già più competitivo del vecchio”. E i fatti sembrano dargli ragione: in attesa di sapere cosa accadrà ad Andrea Iannone (l’udienza per il doping è fissata alle ore 13), Aprilia può godersi questo debutto molto interessante. Sull’ipotetico podio, ecco un’altra KTM, quella di Miguel Oliveira, con un buon 1’59”748. Sotto i due minuti (1’59”922) anche Michele Pirro con la Ducati.

 

PEDROSA E ALEX MARQUEZ ASSENTI

Dopo due giorni molto intensi, non ha girato Dani Pedrosa, che ha evidentemente finito il suo lavoro, mentre Alex Márquez non era a Sepang ma in Indonesia, dove è stato presentato il team HRC (Marc Márquez: “L’obiettivo è sempre vincere”; Alex Márquez: “L’obiettivo è migliorarsi GP dopo GP”), mentre il collaudatore Stefan Bradl ha chiuso in 2’00”441. Ultimo girono di test per Lorenzo Savadori, che con l’Aprilia 2019 ha girato in 2’02”805.
Giovedì 6 febbraio, presentazione del team Suzuki, Yamaha ufficiale e Yamaha Petronas; venerdì 7 febbraio, dalle 10 alle 18 (dalle 3 alle 11 italiane) in pista tutti i piloti della MotoGP. Tutto in diretta, come sempre, su Moto.it.

  • Sberla1, Genova (GE)

    E Ducati come sta lavorando?!
    Qualche dichiarazione di Pirro sul nuovo materiale o stanno lavorando sulle vecchie soluzioni fatta salva l’aerodinamica?!
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Per la redazione.
    Curiosità: ma non si era detto che i test erano riservati a piloti debuttanti e collaudatori?
    I fratelli Espargaro per esempio, perché hanno potuto partecipare? Grazie.

    Valentino Masini
Inserisci il tuo commento