WINTER TEST

MotoGP 2020: prima giornata di test a Sepang

- Si inizia con lo “shakedown” dei collaudatori e dei debuttanti in MotoGP, ma Jorge Lorenzo non ha girato: salirà sulla Yamaha M1 domani. Il più veloce è stato Dani Pedrosa con la KTM, al debutto la innovativa Aprilia RS-GP 2020
MotoGP 2020: prima giornata di test a Sepang

Il 2020 è ufficialmente iniziato con la prima giornata (di tre) di shakedown riservata ai collaudatori e ai debuttanti in MotoGP. Non è però sceso in pista l’attesissimo neo collaudatore Yamaha, Jorge Lorenzo, arrivato in Malesia solo in mattinata: dovrebbe salire sulla M1 domani.

La novità più interessante è stato il debutto dell’Aprilia RS-GP 2020 (nel nostro DopoGP speciale realizzato a Noale potete trovare tutte le spiegazioni tecniche dell’ingegnere Romano Albesiano, direttore tecnico di Aprilia Racing), affascinante nell’aerodinamica e con il motore a V di 90°.

Il collaudatore Bradley Smith ha iniziato con la moto 2019 per finirei con il nuovo prototipo. Al momento i tempi non sono significativi (2’02”760 il suo crono migliore), ma era importantissimo muovere i primi passi.

Con lui a Sepang anche Lorenzo Savadori (2’05”421 per lui) che, come ha spiegato bene a DopoGP l’amministratore delegato di Aprilia Racing, Massimo Rivola, deve prendere confidenza con la MotoGP.

Il più veloce della giornata è stato Dani Pedrosa con la KTM (2’00”625) che ha continuato il lavoro sul prototipo visto a Valencia e a Jerez a fine 2019, quindi con il telaio sempre in tubi d’acciaio, ma dalla forma simile a uno scatolato in alluminio. Il debuttante Brad Binder ha chiuso con il tempo di 2’01”616.

Ducati GP20

In pista, naturalmente, anche Michele Pirro con la Ducati Desmosedici GP20: il suo miglior crono è stato di 2’00”909, con Michele che si è alternato alla guida di due prototipi. Non c’erano altre Ducati in pista.

Honda: Alex Marquez così così...

Tanti giri anche per Alex Marquez (poco meno di 50), con tempi non così entusiasmanti: ha chiuso la giornata dietro al collaudatore Suzuki Sylavain Guintoli (2’01”220 per il francese) con un 2’01”317, tre decimi più veloce del collaudatore HRC Stefan Bradl (2’01”637).

Domani secondo giorno di test dalle 10 alle 18 locali (dalle 3 alle 11 italiane).

  • Nietzsche, Omegna (VB)

    Ma Yamaha? Hanno solo Lorenzo che, ci può anche stare per carità, arriverà tardi?
  • DrManetta, Cecina (LI)

    Alex Marquez non mi è mai sembrato un pilota velocissimo, però picchia e mena, insisti di qui, insisti di la, spingilo giù, spingilo su, due mondiali li ha messi in saccoccia. Aspetto di vederlo all'opera durante il campionato prima di dare un giudizio definitivo. Potrebbe crescere di gara in gara come ha fatto nelle altre categorie.
Inserisci il tuo commento