MotoGP 2022. Le pagelle della Malesia. Sul podio, tre grandi campioni

MotoGP 2022. Le pagelle della Malesia. Sul podio, tre grandi campioni
Giovanni Zamagni
Con la vittoria di Sepang Bagnaia è a un passo dal mondiale ma che Bastianini, e che Quartararo!
24 ottobre 2022

Francesco Bagnaia voto 9

Ha rischiato tanto, troppo in prova: due cadute che potevano costargli care. Ma per tutto il resto è stato perfetto, campione nel gestire: la pressione; l’obbligo di vincere a tutti i costi; gli attacchi di Bastianini; le polemiche sul gioco di squadra; il dopo gara.

Dispiace che un pilota così venga messo in qualche modo in discussione: per me è fenomenale in pista e fuori, la sua onestà è meravigliosa. Un degno campione del mondo. Tutti in piedi ad applaudire.

Enea Bastianini 7,5

Voto difficilissimo: poteva vincere? Ha esagerato mettendo troppa, forse inutile pressione a Bagnaia? Quanto è stato destabilizzato da quel cartello “Bagnaia”, chiara indicazione a far passare il futuro compagno di squadra?

Quanta tensione, quanta pressione ha dovuto gestire questo ragazzo, la cui unica, vera colpa è di essere super competitivo? Per lui una gara difficilissima, tante le decisioni da prendere mentre vai a 300 km/h e dovresti teoricamente pensare solamente a vincere, ma sei talmente condizionato che non puoi esprimerti come vorresti. Velocità esagerata.

Bagnaia e Quartararo
Bagnaia e Quartararo

Fabio Quartararo 9

Anche lui, come Bagnaia, è stato in difficoltà in prova, ma in gara è stato strepitoso, fin dalla partenza, nonostante una micro frattura al dito medio della mano sinistra. La Yamaha qui era decisamente più competitiva rispetto ad altre piste, ma lui ha fatto un’altra volta una grandissima differenza, mostrando di avere una velocità superiore. Perderà il titolo, ma si conferma di un altro livello. Come si dice in francese? Chapeau!

Marco Bezzecchi 8

Peccato per la partenza, unica nota negativa di un altro fine settimana straordinario: questo è uno di quelli buoni, da tenere in grande considerazione per il futuro. A un certo punto, sembrava potesse mangiarsi anche Quartararo, invece la rimonta l’ha costretto a un extra consumo della gomma e quindi ha dovuto “accontentarsi” del quarto posto.

Da vedere sulla moto, è bellissimo, uno di quelli che trasmette adrenalina. Altro che debuttante.

Bezzecchi
Bezzecchi

Alex Rins 6

Partendo dalla quinta posizione, ero convinto che potesse fare molto di più. Invece non è mai stato veramente incisivo: le mie aspettative erano più alte. Ecco perché non va oltre la sufficienza. Può fare di più.

Jack Miller 5

Mai veramente veloce né in prova né in gara, a conferma che gli alti e bassi fanno ancora parte del suo DNA. D’accordo, in questa stagione gli alti sono stati molto più dei bassi, ma deve fare un altro passo in avanti per stare costantemente dove potrebbe stare. In ombra.

Marc Marquez 6

Considerando quello che fanno gli altri piloti Honda, meriterebbe almeno un voto in più. Ma lo sfruttamento delle scie altrui in prova sta diventando un comportamento stucchevole: per carità, nessuna irregolarità, ma non è certo bello da vedere. Anche perché stiamo parlando di uno dei più forti piloti della storia del motociclismo, non di un pivellino alle prime esperienze: queste manovre fanno male soprattutto alla sua immagine.

Sembra impossibile che nessuno glielo spieghi. Il fine giustifica i mezzi?

Brad Binder 6

Dopo i primi giri ero convinto che sarebbe entrato comodamente nei dieci, invece, a sorpresa, nella seconda parte della gara è calato invece di crescere come al solito. Un po’ spuntato.

Johann Zarco 5

È completamente sparito in questo GP. Gara da dimenticare.

Aleix e Martin
Aleix e Martin

Aleix Espargaro 4

Con le sue dichiarazioni ha contribuito a creare un po’ di tensione dentro al box, finendo forse con l’esserne anche condizionato: al di là dei problemi - reali - è sembrato crederci meno che in altre occasioni. Sogno svanito.

Franco Morbidelli 6

Meriterebbe molto di più, ma sia in prova sia in gara è stato protagonista di manovre quanto meno discutibili, passando per il “cattivo” del GP. Ovviamente non è così, ma quanto successo pesa sul giudizio complessivo.

Al di là di questo, è stato nettamente il suo miglior fine settimana: una crescita importante, una velocità costante da venerdì a domenica. Dai Franco, dai dai.

Franco Morbidelli
Franco Morbidelli

Maverick Vinales 4

Non è riuscito a trovare velocità e costanza. Ma questa volta ha più di una giustificazione.

Jorge Martin 4

Nel giro secco fa cose spaventose, ti chiedi come faccia a farle. Allo stesso modo, però, ti chiedi come non riesca a concretizzare in gara questa sua velocità. Va rivisto qualcosa.

Jorge Martin
Jorge Martin

Ducati DesmosediciGP voto 9,5

Si potrà discutere sulla gestione dei piloti, ma tecnicamente sono un passo avanti a tutti gli altri. Che moto!

Yamaha M1 voto 8

Decisamente competitiva su questo tracciato e questa volta non solo grazie al fenomeno Quartararo.

Suzuki GSX-RR voto 8

Come al solito, ha mostrato una buona competitività generale.

Honda RC213V voto 6

È tornata a essere in grande difficoltà: Marquez in qualche modo ci mette una pezza, ma le prestazioni non sono all’altezza del marchio.

KTM RC16 voto 6

Un passo indietro: come è successo altre volte durante la stagione, manca costanza, le buone prestazioni si alternano alle difficoltà.

Aprilia RS-GP voto 4

Nel momento cruciale, è mancato qualcosa. Nei test invernali qui era stata molto efficace, le aspettative erano alte, invece sono emersi limiti inaspettati.

KTM RC16 voto 6

Un passo indietro rispetto alle ultime gare.

Ultime da MotoGP

Caricamento commenti...