GP del Portogallo

MotoGP 2021: Spunti, considerazioni, domande dopo il GP del Portogallo

- Quali sono state le chiavi del GP? Perché Pol Espargaro si è ritirato al quarto giro? Come è andata l’Aprilia? Quali sono i 3 motivi per ricordare Portimao 2021?
MotoGP 2021: Spunti, considerazioni, domande dopo il GP del Portogallo

Spunti, domande e considerazioni dopo il GP del Portogallo 2021.

Quali sono state le chiavi del GP

  1. La superiorità di Quartararo. Pur non partendo bene dalla pole (sesto alla fine del primo giro), Fabio non ha perso tranquillità, conscio della sua superiorità;
  2. La caduta di Rins. Sembrava fortissimo, tanto da poter replicare immediatamente a ogni giro veloce realizzato da Quartararo. Ma la caduta al 19esimo giro ha cambiato la gara;
  3. La penalizzazione di Bagnaia. Come ha detto lui, forse non avrebbe vinto lo stesso, ma se fosse partito dalla pole, come meritava, la gara sarebbe stata probabilmente differente;
  4. Differenza velocità Ducati/Suzuki. Il rettilineo, ancora una volta, ha dato un bel vantaggio ai piloti Ducati rispetto a quelli Suzuki: Mir, in particolare, non aveva armi per attaccare Bagnaia;
  5. La qualifica di Binder. 15esimo sulla griglia di partenza, quinto al traguardo: anche Binder può recriminare su quanto fatto sabato.

Giri veloci in gara (tra parentesi il giro in cui è stato realizzato).

Rins 1’39”450 (18); Bagnaia 1’39”468 (18); Quartararo 1’39”472 (17); Zarco 1’39”700 16); Binder 1’39”850 (17); A.Espargaro 1’39”854 (20); Mir 1’39”855 (17); Morbidelli 1’39”939 (23); Marquez 1’40”001 (17); Vinales 1’40”006 (14).

Velocità massima (e media) in gara.

  1. Zarco 351,7 (349); Bagnaia 350,6 (349,2); Miller 349,5 (347); Bastianini 347,2 (344,1); A.Marquez 347,2 (342,3); Marini 345 (343,5); Binder 345 (343,3); A.Espargaro 345 (344,3). Quartararo ha la penultima velocità: 338,5 (336,4); Morbidelli 338,5 (335,6).

Perché Pol Espargaro si è ritirato al quarto giro?

Problema tecnico alla pinza freno posteriore.

Rossi, a fine gara, ha detto di essere parzialmente contento perché il suo ritmo non era così male. Ha ragione?

Il giro veloce di Rossi è stato l’11esimo in 1’40”365, il giro dopo che Rossi aveva fatto un mezzo dritto (1’42”430). Finché davanti hanno girato in 1’40. Poi, fino alla caduta del 15esimo giro ha effettivamente tenuto un passo discreto di 2-3 decimi più lento dei piloti dal terzo posto in giù. Un miglioramento c’è stato rispetto alle prove. Ma siamo ancora lontani.

Motori punzonati (tra parentesi quello utilizzato in gara). Ricordo che tutti hanno 7 motori per l’intera stagione, tranne l’Aprilia che ne ha 9.

Zarco: 3 (2); Petrucci: 2 (2); Vinales: 2 (1); Quartararo: 2 (1); Morbidelli: 3 (2); Mir: 3 (3); A.Espargaro 2 (1); Miller: 2 (1); P.Espargaro 2 (1); Rossi: 2 (2); Bagnaia 2 (2).

Come è andata l’Aprilia?

Molto bene. Lo certifica il confronto con la gara dell’anno scorso. 2020: A.Espargaro 8° in 42’04”197 a 16”034 dal primo; 2021: 6° in 41’55”297 a 8”885. Aleix ha quindi dimezzato il distacco dal primo, con un miglioramento totale sulla distanza di 8”900, mentre il tempo del vincitore del 2021 rispetto a quello del 2020 è stato 1”751 più rapido. I numeri confermano una grande crescita della RS-GP.

Tre motivi per ricordare il GP.

  1. Il ritorno di Marc Marquez;
  2. La vittoria di Pedro Acosta;
  3. Le discutibili decisioni delle qualifiche;

Tre frasi delle qualifiche

  1. Marquez: “Mi sono sentito ancora un pilota”
  2. Mir: “Fa parte della gara saper gestire quello che hai a disposizione”
  3. Rossi: “Molti non hanno capito il potenziale di Bagnaia, ma lui è uno fortissimo”.

Io l’avevo detto.

Tutto e il contrario di tutto detto su Marc Marquez in questi mesi: si può riempire un giornale intero.

- Fabio Quartararo: "Mentalmente mi sento molto più forte del 2020"

- Francesco Bagnaia: "Senza la penalizzazione me la sarei giocata"

- Franco Morbidelli: "Un raggio di sole"

- Valentino Rossi: "Caduta a parte, sono più fiducioso"

- Marc Marquez: "Un’esplosione di emozioni"

- Le dichiarazioni dei piloti dopo la gara

Segui il commento delle gare di Zam e Alex Gramigni IN DIRETTA OGGI ALLE 21

L'editoriale di Nico sul ritorno di Marc Marquez

  • Vanna, Calderara di Reno (BO)

    Oh basta con questa storia della penalizzazione a Bagnaia: se avesse visto la bandiera gialla avrebbe fatto quel tempo? No, perché avrebbe chiuso il gas, e quindi, di che penalizzazione stiamo parlando? Piuttosto riconosciamogli una grande sfiga, perché quella pole (che a mio modo di vedere non avrebbe comunque cambiato il risultato della gara) se la sarebbe proprio meritata.
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Come già anno scorso tanti piloti di alto livello ma nessuno veramente che si distacchi dal gruppo.
    Se dovessi fare dei nomi direi Mir e Morbidelli che fra l'altro al momento non dispongono di moto pari alle più competitive, Bagnaia sembra avere capito finalmente quale sia il proprio limite (alto) ma non sembra essere ancora in grado di tenere tutto sotto controllo, spero ci riesca in fretta e potrebbe darci grandi soddisfazioni.
    Quartararo ha fatto 2 gare da campione ma durante la stagione bisogna farne 20 se si vuole esserlo veramente, lui non ha una grande storia alle spalle per farci bene sperare.
    Marquez al suo ritorno dopo un intera stagione e un pò persa, c'è l'ha messa tutta ed in certi frangenti ha pure rischiato, nessuno durante le primissime battute gli ha fatto sconti e ad un certo punto si preso una pausa per poi stabilizzare la propria andatura su tempi molto simili a quelli davanti.
    Prima che lui si facesse male seriamente sarebbero stati gli altri a prendersi la pausa, per il momento la differenza fra prima e dopo è questa.
    Le prossime gare ci diranno se lui riuscirà a ritornare quello di prima, non ne serviranno tante, 4/5 al massimo sempre che il suo fisico sia tornato al 100%.

    Valentino Masini
Inserisci il tuo commento