GP di Valencia

Moto3 e Moto2. Vittorie di Garcia e Binder, paura per Foggia

- Incidenti, moto che fumano e bruciano, bandiera rossa e vittoria al fotofinish: in Moto3 succede di tutto, alla fine vince lo spagnolo Garcia. A 5 millesimi Migno. Terzo il debuttante Artigas
Moto3 e Moto2. Vittorie di Garcia e Binder, paura per Foggia

Gara incredibile in Moto3. A Valencia succede di tutto, già dal giro di allineamento: Ayumu Sasaki e Aron Canet finiscono a terra. La moto di Canet ha un problema tecnico e perde olio.

La pista, già non in condizioni ottimali a causa del freddo e del vento, è sporca. La gara viene posticipata per permettere ai marshall di pulirla.

Al via scatta bene Jaume Masia, ma al secondo giro lo spagnolo scivola alla curva 4, mentre era secondo alle spalle di Marcos Ramirez.

Intanto in fondo al gruppo la moto di Canet continua a fumare. La gara prosegue, ma la sensazione che la pista sia di nuovo sporca d'olio c'è.

Alla curva 11 se ne ha, forse, la conferma. Succede il disastro. Le telecamere TV inquadrano inizialmente una serie di piloti a terra senza dare la ripresa 'larga' per capire cosa sia successo. L'incidente è multiplo: Niccolò Antonelli, Jeremy Alcoba, Carlos Tatay, Makar Yurchenko e Dennis Foggia sono i piloti coinvolti. Quest'ultimo è volato sulla moto di Tatay tornata da sola in traiettoria. La moto di Foggia ha un principio di incendio. La carambola si è innescata dopo un anomalo highside di Tatay.

Intanto Foggia resta a terra per parecchi minuti e viene portato via in ambulanza. Gli altri coinvolti sono coscienti. In particolare se l'è vista brutta Tatay investito da Antonelli. Foggia ha perso conoscenza, non ricorda, ma dalle ultime notizie sta recuperando.

La gara riprende in forma ridotta: 15 giri. Lorenzo Dalla Porta e Tony Arbolino sono in lotta alle spalle del gruppetto di testa. Il campione del mondo è davanti, ma all'uscita della curva 4 perde il controllo della moto e dopo un highside cade sull'asfalto. Arbolino, Alonso Lopez e John McPhee vengono così coinvolti in una seconda carambola.

La gara prosegue, decimata. Xavier Artigas, al debutto nel Motomondiale 2019 proprio qui a Valencia, si ritrova in lotta per la vittoria. Il 16enne guida il gruppo in sella alla Leopard Impala Junior, una moto del CEV.

Al penultimo giro sbaglia però la prima staccata e viene risucchiato dal gruppo dei piloti che si giocano la vittoria: Andrea Migno, Sergio Garcia, Tatsuki Suzuki e Filip Salac.

All'ultima curva si decide il GP: Migno non chiude la traiettoria e Garcia lo infila. In scia l'italiano prova a risuperare l'avversario ma per 5 millesimi il contrattacco non riesce.

Moto3 - Il fotogramma dell'arrivo in volata
Moto3 - Il fotogramma dell'arrivo in volata

 

"Al ranch, tutte le volte, l’ultima curva la faccio larga e Valentino (Rossi n.d.r.) mi dice che devo stare più stretto. Invece non sono stato stretto, e mi ha fregato", si rammarica Migno a fine gara. Al terzo posto chiude un euforico Artigas, che si difende dagli attacchi finali di Suzuki, 4°, e Salac, 5°.

Moto3 - I piloti a punti

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 11 Sergio GARCIA SPA Estrella Galicia 0,0 Honda 142.4 25'17.918
2 20 16 Andrea MIGNO ITA Mugen Race KTM 142.4 +0.005
3 16 4 Xavier ARTIGAS SPA Leopard Impala Junior Team Honda 142.4 +0.180
4 13 24 Tatsuki SUZUKI JPN SIC58 Squadra Corse Honda 142.4 +0.246
5 11 12 Filip SALAC CZE Redox PruestelGP KTM 142.4 +0.328
6 10 44 Aron CANET SPA Sterilgarda Max Racing Team KTM 142.1 +3.016
7 9 42 Marcos RAMIREZ SPA Leopard Racing Honda 142.1 +3.032
8 8 13 Celestino VIETTI ITA SKY Racing Team VR46 KTM 141.5 +9.666
9 7 76 Makar YURCHENKO KAZ BOE Skull Rider Mugen Race KTM 141.5 +9.747
10 6 79 Ai OGURA JPN Honda Team Asia Honda 141.5 +9.859
11 5 82 Stefano NEPA ITA Reale Avintia Arizona 77 KTM 141.5 +9.975
12 4 61 Can ONCU TUR Red Bull KTM Ajo KTM 141.5 +10.223
13 3 27 Kaito TOBA JPN Honda Team Asia Honda 141.4 +10.537
14 2 54 Riccardo ROSSI ITA Kömmerling Gresini Moto3 Honda 141.4 +10.712
15 1 84 Jakub KORNFEIL CZE Redox PruestelGP KTM 141.2 +12.661

Moto3 - La 'top ten' finale del Mondiale

Pos. Pilota Moto Nazione Punti
1 Lorenzo DALLA PORTA Honda ITA 279
2 Aron CANET KTM SPA 200
3 Marcos RAMIREZ Honda SPA 183
4 Tony ARBOLINO Honda ITA 175
5 John MCPHEE Honda GBR 156
6 Celestino VIETTI KTM ITA 135
7 Niccolò ANTONELLI Honda ITA 128
8 Tatsuki SUZUKI Honda JPN 124
9 Jaume MASIA KTM SPA 121
10 Ai OGURA Honda JPN 109

 

Moto2

Moto2 - I piloti a punti

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 41 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Ajo KTM 150.7 25'30.766
2 20 12 Thomas LUTHI SWI Dynavolt Intact GP Kalex 150.6 +0.735
3 16 9 Jorge NAVARRO SPA MB Conveyors Speed Up Speed Up 150.5 +1.045
4 13 62 Stefano MANZI ITA MV Agusta Temporary Forward MV Agusta 150.5 +1.185
5 11 88 Jorge MARTIN SPA Red Bull KTM Ajo KTM 149.9 +8.066
6 10 40 Augusto FERNANDEZ SPA FLEXBOX HP 40 Kalex 149.8 +8.311
7 9 97 Xavi VIERGE SPA EG 0,0 Marc VDS Kalex 149.7 +9.922
8 8 10 Luca MARINI ITA SKY Racing Team VR46 Kalex 149.6 +11.085
9 7 21 Fabio DI GIANNANTONIO ITA MB Conveyors Speed Up Speed Up 149.5 +11.739
10 6 22 Sam LOWES GBR Federal Oil Gresini Moto2 Kalex 149.4 +12.362
11 5 54 Mattia PASINI ITA Tasca Racing Scuderia Moto2 Kalex 149.0 +16.620
12 4 77 Dominique AEGERTER SWI MV Agusta Temporary Forward MV Agusta 149.0 +17.160
13 3 96 Jake DIXON GBR Inde Angel Nieto Team KTM 148.9 +17.595
14 2 33 Enea BASTIANINI ITA Italtrans Racing Team Kalex 148.9 +17.624
15 1 87 Remy GARDNER AUS ONEXOX TKKR SAG Team Kalex 148.9 +17.835

Moto2 - La 'top ten' finale del Mondiale

Pos. Pilota Moto Nazione Punti
1 Alex MARQUEZ Kalex SPA 262
2 Brad BINDER KTM RSA 259
3 Thomas LUTHI Kalex SWI 250
4 Jorge NAVARRO Speed Up SPA 226
5 Augusto FERNANDEZ Kalex SPA 207
6 Luca MARINI Kalex ITA 190
7 Lorenzo BALDASSARRI Kalex ITA 171
8 Marcel SCHROTTER Kalex GER 137
9 Fabio DI GIANNANTONIO Speed Up ITA 108
10 Enea BASTIANINI Kalex ITA 97
  • Ettore.Ceresa, Montanaro (TO)

    Non è difficile capire perché Manzi ha avuto bisogno di una stagione per arrivare dove merita. MV è entrata in Moto2 solo quest’anno, sviluppare telaio e aerodinamica, trovando anche in setting di base da cui partire ad ogni gara non è affatto semplice, diventa così evidente perché Suter sia avvantaggiata, ha un numero elevato di moto e di feed back uniti a una marea di dati su cui lavorare. Stessa cosa vale per il team, il primo anno serve per fare esperienza. Direi che il fatto che siano cresciuti durante la stagione non fa che rendere merito a squadra e pilota.
  • filippo.friedman, Lignana (VC)

    che piacere vedere binder, se continua cosi sara il suo anno il prossimo.
    manzi non l ho capito, ha 5 punti in più di pasini in classifica (intorno alla trentina)...possibile che per 15 gare era cosi un cancello?
Inserisci il tuo commento