gp della catalunya

Dopo le polemiche di Le Mans in Catalunya tutti si vogliono bene

- Le feroci polemiche di Le Mans hanno, se non altro, avuto il merito di far capire ai piloti che così non si poteva più andare avanti e a Barcellona c’è stata una prima inversione di tendenza | G. Zamagni, Montmelò
Dopo le polemiche di Le Mans in Catalunya tutti si vogliono bene


MONTMELO’ – Dal tutti contro tutti, dal far west motociclistico, al vogliamoci bene. Le feroci polemiche di Le Mans hanno, se non altro, avuto il merito di far capire ai piloti che così non si poteva più andare avanti e a Barcellona c’è stata una prima inversione di tendenza.
“Sicuramente non siamo amici – attacca Marco Simoncelli -, ma è giusto fare un passo indietro e dirsi meno cose uno contro l’altro. Mi ha fatto molto piacere quello che ha detto Lorenzo giovedì in conferenza stampa (aveva invitato i tifosi a non fischiare Simoncelli, nda): dobbiamo parlare meno e pensare di più a guidare”.

Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda anche Valentino Rossi.
“Anche noi piloti dobbiamo stare più tranquilli – sono le parole di Rossi -: tante polemiche fra di noi fa diventare la gente più aggressiva, un po’ come succede nel calcio. Anche noi, quindi, dobbiamo dare il buon esempio: l’hanno capito anche gli altri piloti. Se Simoncelli salirà sul podio, probabilmente lo fischieranno, ma niente di più”.

D’accordo anche Jorge Lorenzo, che oggi ha ribadito un concetto importante.
“Simoncelli non è un assassino, ha solo fatto un errore in pista. Ha capito e ha chiesto scusa, adesso non bisogna esagerare e se salirà sul podio invito tutti i tifosi ad applaudirlo”.

Quanto durerà questa tregua? Speriamo a lungo. E la voglia comune di non andare in Giappone per il GP in calendario il 2 ottobre potrebbe servire da collante: la Dorna dice che è tutto a posto, ma i piloti della MotoGP sono intenzionati a far valere le loro ragioni, che poi sono quelle di tutto il paddock. Non è da escludere che si arrivi a una presa di posizione comune.
 

  • Pacco1198, Genova (GE)

    La tregua durerà...

    Fino a quando Stoner non avrà concorrenza... a quel punto si ripartirà.
    Lorenzo è un grande pilota capace di affrontare i problemi un gradino alla volta; sbaglia molto quando vuole risolverli a tavolino e non in pista ma poi predica ad un modo e razzola ad un altro (vedi a Le Mans che ha contestato i sorpassi al limite e poi è stato il primo a farli) Stoner non è capace a migliorarsi passo dopo passo, vuole essere il primo per grazia (manico) o "moto" ricevuta e se qualcuno va a contrastarlo va in crisi e comincia con frasi false e pallose tipo "scorrettezza" "pericolo" ecc.
    Basterebbe un pò più di umiltà e rispetto verso gli altri piloti e lo sport in generale.
  • cami.tosetto, Cittadella (PD)

    speriamo

    che i tormentoni scatenati prendano una piega ragionevole come dicono.
    tutto questo fa solo bene allo sport che amiano di più,e che sinceramente mi sta un pò............ultimamente aspetto con più enfasi di vedere una gara di SBK che motogp
Inserisci il tuo commento