MotoGP

test motogp

Test Jerez, il maltempo rovina la seconda giornata

Una giornata buttata, rovinata dalla pioggia e dal vento. Di fatto, la pista è rimasta umida per la maggior parte del tempo| G. Zamagni

17karelabraham sunny original

JEREZ – Una giornata buttata, rovinata dalla pioggia e dal vento. Di fatto, la pista è rimasta umida per la maggior parte del tempo – le condizioni peggiori, perché non puoi girare con le slick ed è inutile farlo con le rain – e soltanto per un’ora scarsa si è provato in condizioni simili a quelle dell’ultimo GP di Spagna, quindi con l’asfalto solo appena bagnato. Alla fine, davanti a tutti ha finito Nicky Hayden, uno dei piloti che ha sfruttato i minuti finali con asfalto quasi asciutto per fare il tempo, mentre con il bagnato, il più rapido è stato Dani Pedrosa in 1’49”822, 266 millesimi meglio di Jorge Lorenzo, 1”305 di Cal Crutchlow, 1”598 di Alvaro Bautista, 1”805 di Nicky Hayden, 1”880 di Andrea Dovizioso, 1”950 di Mattia Pasini 1”956 di Stefan Bradl, 2”021 di Ben Spies, 2”034 di Casey Stoner (che ha fatto solo 3 giri), 2”088 di Valentino Rossi.
Non potendo commentare i test, ecco una serie di considerazioni emerse dopo ore di noia mortale.


LIMITARE I TEST: CHE ASSURDITA’

Non è la prima volta che lo dico (e probabilmente non sarà l’ultima), ma limitare i test è veramente una scelta “tafazziana”: ci si bastona proprio lì con una mazza da baseball! D’accordo, bisogna contenere i costi, ma così facendo si impedisce alle Case di portare avanti lo sviluppo e ai piloti di allenarsi: un’anomalia solo del motociclismo e della F.1, della quale si copiano sempre le scelte negative e mai quelle vincenti. Dei nove giorni di test programmati per il 2012, già tre sono andati in fumo (per domani è previsto tempo discreto), ovvero il 35%: un’assurdità. Fino a qualche anno fa si provava troppo, adesso troppo poco: è così difficile trovare un po’ di equilibrio? Le MotoGP sono prototipi super sofisticati, hanno bisogno di tempo per essere sistemate e sviluppate, non si può fare tutto al risparmio: se non si hanno i soldi, non è obbligatorio fare le corse.


DUCATI: GIRA TUTTO MALE

46valentinorossi sunny original2
Valentino Rossi

Si dice che più uno è bravo e più viene aiutato dalla fortuna, mentre quando le cose ti vanno male, ti vanno male tutte. Valentino Rossi sembra essere la conferma di questo detto popolare. Ai tempi di Honda e Yamaha (ma anche della 125 e della 250), quando vinceva gare e mondiali a ripetizione, tutto sembrava girargli per il verso giusto, anche in momenti particolarmente ostici, mentre adesso che è in difficoltà tutto gli va storto. Lui e la Ducati avrebbero bisogno di girare all’infinito, invece, da quando è salito sulla Desmosedici, le giornate perse per pioggia o inconvenienti vari sono state tantissime, non solo quest’anno ma anche nel 2011. Non è una scusa, ma un dato di fatto. Sia ben chiaro, questo non significa che senza i giorni persi in questo periodo la Ducati sarebbe competitiva, ma si vuole soltanto evidenziare un aspetto certamente anomalo.


EZPELETA: SEMPRE SOTTOMESSO ALLE CASE

A Madonna di Campiglio, durante la presentazione Ducati, Carmelo Ezpeleta, numero uno della Dorna, aveva tuonato minaccioso: “Voglio un accordo regolamentare entro maggio”, ipotizzando una presa di posizione se le Case non avessero trovato un accordo. Ezpeleta, però, ha sbattuto la faccia contro la coalizione Honda-Ducati-Yamaha, per nulla disposti ad avvallare il progetto CRT. Nel 2013, quindi, si continuerà molto probabilmente con questo regolamento, con qualche lieve variazione e soltanto dal 2014 ci potrebbe essere qualcosa di più radicale. Del resto era inevitabile: dopo aver concesso tutto e di più ai costruttori, non puoi pensare di levargli il potere in pochi mesi. Peraltro, dalle Case arrivano proposte che fanno accapponare la pelle – abolizione della seconda moto, limitazione delle moto ufficiali per ogni casa e altre amenità del genere – e che non sembrano portare benefici a un campionato in evidente difficoltà. Specie se, come sembra, Rossi la Ducati continueranno a essere in difficoltà.


Classifica


1 Nicky HAYDEN Ducati Team 1:40.755 - - 40
2 Karel ABRAHAM Cardion AB Motoracing 1:41.661 +0.906 +0.906 39
3 Ben SPIES Yamaha Factory Racing 1:41.726 +0.065 +0.971 26
4 Alvaro BAUTISTA San Carlo Honda Gresini 1:42.711 +0.985 +1.956 27
5 Hector BARBERA Pramac Racing Team 1:43.288 +0.577 +2.533 35
6 Ivan SILVA Avintia Racing MotoGP 1:43.613 +0.325 +2.858 37
7 Franco BATTAINI Ducati Team 1:44.264 +0.651 +3.509 48
8 Michele PIRRO San Carlo Honda Gresini 1:44.761 +0.497 +4.006 9
9 James ELLISON Paul Bird Motorsport 1:44.969 +0.208 +4.214 30
10 Danilo PETRUCCI Came Iodaracing Project 1:45.336 +0.367 +4.581 24
11 Colin EDWARDS NGM Mobile Forward Racing 1:47.968 +2.632 +7.213 26
12 Dani PEDROSA Repsol Honda Team 1:49.822 +1.854 +9.067 25
13 Jorge LORENZO Yamaha Factory Racing 1:50.088 +0.266 +9.333 28
14 Cal CRUTCHLOW Monster Yamaha Tech 3 1:51.127 +1.039 +10.372 15
15 Andrea DOVIZIOSO Monster Yamaha Tech 3 1:51.702 +0.575 +10.947 16
16 Mattia PASINI Speed Master 1:51.772 +0.070 +11.017 12
17 Stefan BRADL LCR Honda 1:51.778 +0.006 +11.023 23
18 Casey STONER Repsol Honda Team 1:51.856 +0.078 +11.101 3
19 Valentino ROSSI Ducati Team 1:51.910 +0.054 +11.155 18
20 Randy DE PUNIET Power Electronics Aspar 1:52.397 +0.487 +11.642 8
21 Aleix ESPARGARO Power Electronics Aspar 1:57.718 +5.321 +16.963 8
22 Yonny HERNANDEZ Avintia Racing MotoGP -.--- - - 0

Sono stati inseriti 6

Commenti

. Commenta
  • 1. Rossi ritirati adesso.

    Penso che ormai è un problema di mente. La ducati può migliorare ma non con rossi che ha paura di prendere rischi. Manda avanti gli altri.
    uapos -
  • 2. Forza Ducati

    Grande hayden!!! Quest'anno vincerai tu! (scherzo..)
    gespa -
  • 3. limitare i test ecc...

    Perdonami Zamagni i regolamenti non vanno modificati perchè Rossi e la Ducati sono in difficoltà, mi sembra un discorso un pò fazioso anche perchè gli altri vanno avanti compreso Hayden mentre Vale resta sempre indietro, questo è un problema suo non legato ai regolamenti ( sicuramente migliorabili )
    pata04 -
  • 4. Una considerazione in merito alla competitività de

    Leggo spesso critiche all'operato di Rossi, Burgess, Preziosi e il resto del team Ducati, soprattutto confrontando i risultati che questa nuova "gestione" sta faticando a tirar fuori.

    Ovvio che criticare è molto facile osservando le cose da fuori. Va però ricordato che gli splendidi risultati ottenuti in passato da Ducati sono stati concentrati in buona parte nelle sola stagioni del 2007-2008 e in misura minore nella precedente stagione del 2006 (rovinata dall'infortunio di Capirossi) e 2009. Già nel 2010 quel gran manico di Stoner era spesso in difficoltà, in particolar modo se in confronto alle stagioni precedenti.
    Quindi si potrebbe dire che buona parte dei successi Ducati sono derivati da Stoner e un altro pochette da Capirossi.
    Ma un team non è fatto da solo un pilota. Ogni altro pilota abbia messo il proprio sedere sopra la rossa è sprofondato indietro nello schieramento, si trattasse del team ufficiale o quelli privati. Era ovvio che quindi qualcosa non girasse nel verso giusto. Una casa ha bisogno di mostrare che la propria moto e le proprie tecnologie sono vincenti, non che vince grazie ad un pilota. Purtroppo anche il super titolato Rossi sta faticando enormemente nel venirne a capo e come lui, tutti gli altri piloti della Ducati sono in alto mare, navigando ad almeno un secondo di distacco dai primi.
    Quindi se fossimo noi a tenere le redini del team cosa faremmo? Cercheremmo di migliorare la moto, perché è ovvio che da anni qualcosa non gira nel verso giusto, in proporzione la moto era più efficace nel 2003 al suo debutto quando entrambi i piloti erano in lizza per buone posizioni in griglia e al traguardo. Questo lungo lavoro di innalzamento di competitività della moto esula dalle tifoserie e la fretta è nemica dello sviluppo (vedi Ferrari nella sua attuale rivoluzione...dalla F150 alla F2012...). Forse Alonso è diventato improvvisamente un brocco? Forse Rossi è diventato improvvisamente un brocco e con lui Hayden, Barberà, Melandri in passato, etc...? Direi proprio di no, probabilmente la squadra negli ultimi anni ha dato per scontato che stava operando nel verso giusto perché Stoner riusciva a portare risultati notevoli e c'è stato un peccare di presunzione nel credere che i problemi erano dovuti ai piloti e non alla moto.
    Finalmente invece Ducati si è resa conto che la moto aveva ed ha notevoli problemi e stanno cercando di ripartire da capo. Era ed è l'unica soluzione possibile per costruire un futuro migliore.
    Da questo cosa si evince? Che ci vorrà tempo, che Stoner era più capace di quanti in molti credevano e che Rossi pur avendo vinto tantissimo non ha la bacchetta magica e che anche lui ha lati deboli e momenti negativi. Trovo che il tutto sia molto normale. Che poi negli anni siano arrivati piloti ancora più forti penso rientri nel normale corso delle cose. Ma non dimentichiamoci che Rossi è passato da Honda a Yamaha e questo ha permesso a Ducati di entrare in possesso di molte informazioni che altrimenti non avrebbe mai avuto...sta ai suoi ingegneri trasformare in prestazione il tutto e sta ai piloti dare il contributo finale, ma se tutte le Ducati arrivano esime, la colpa non è di Rossi o di Hayden, così come prima non era di Melandri o altri...

    Scusate la lunghezza
    peimontiafoco -
  • 5.

    Bene, la scusa per il 2012 sarà le condizioni meteo allora.....
    lorenz753344 -
  • 6. Test liberi ???

    Scusa Zamagni, ma da quest anno i test privati non dovevano essere liberi con un numero max di pneumatici a disposizione?
    Se sono liberi , perché Valentino non prova di più prima del Qatar?
    Qualcuno ipotizza che dalla terza gara arriverá il nuovo motore, quello fin ora utilizzato ha la stessa geometria a 90 dell era 800. Un motore ad angolo più stretto, questo o un altro grosso cambio nella moto potrebbe essere l unica ragione logica per non provare di più.
    Tu ne sai qualche cosa?
    Speriamo che quest anno Vale possa provocare una bell ulcera perforante agli acidi pantofolai invidiosi che infestano questo ed altri siti di moto. In Spagna, che ha gran quantitá di piloti fortissimi, la gente è molto più educata e rispettosa di questi gran manici che sono tutti i piloti di moto gp. Ma si sa che l italiano ha la bocca larga e il culo pesante.

    McGordo -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti