GP di Francia

SBK 2020. Redding vince Gara2 a Magny Cours. Festa rimandata per Rea

- Redding rovina la festa a Rea vincendo Gara2 davanti a Baz e Davies. A Rea non basta il quarto posto per laurearsi campione. Sesto Rinaldi e undicesimo per Caricasulo
SBK 2020. Redding vince Gara2 a Magny Cours. Festa rimandata per Rea

Redding tira fuori gli artigli ed azzanna il Cannibale, rinviando all’ultimo appuntamento dell’Estoril i festeggiamenti per il sesto titolo mondiale. Rea era partito in testa come suo solito, con Lowes a coprirgli le spalle. Sembrava tutto incanalato verso l’ennesimo successo verde, ma già al secondo passaggio Redding superava Lowes e si gettava all’inseguimento di Johnny. In due giri l’inglese della Ducati superava il campione del mondo, dimostrando che oggi avrebbe vinto lui. Il suo ritmo non è mai calato, mentre quello di Rea non era quello mostrato nelle gare precedenti, tanto che a metà gara circa anche Baz lo superava e si portava al secondo posto.

Il francese è stato per molti giri il più veloce in pista, ma quando si è portato al secondo posto, Redding era ormai troppo lontano per pensare di vincere. In quel momento Rea era terzo ed ufficialmente campione del mondo. Non avrebbe vinto la gara, ma avrebbe portato a casa il titolo se un altro pilota Ducati, Chaz Davies, non fosse arrivato come un fulmine alle sue spalle superandolo nel corso del quattordicesimo giro e costringendo i meccanici di Rea a rimettere nelle scatole le magliette celebrative del sesto titolo mondiale del nordirlandese.

Redding conquistava così la sua quarta vittoria in Superbike, e saliva sul podio assieme al padrone di casa Loris Baz ed a Chaz Davies. Dietro a Rea si è piazzato al quinto posto Michael Van der Mark, che ha preceduto il nostro Michael Ruben Rinaldi. Lowes è sceso sino al settimo posto davanti alla rivelazione Garrett Gerloff, che in questa gara non si è però mai messo in luce. Peggio di lui ha fatto Razgatliuoglu, nono e notoriamente a disagio sulla pista bagnata. Gara anonima di Sykes che ha chiuso decimo, davanti a Caricasulo, Barrier ed Haslam. Choudono la zona punti un irriconoscibile Bautista ed il poleman Eugene Laverty. Sedicesimo Simone Cavalieri. Non hanno visto la bandiera a scacchi Fores e Mercado per una caduta e Pinsach per problemi tecnici.


Leggi la classifica

  • fabiobrutale-St3, Casalbuttano ed Uniti (CR)

    Fortu.G,con tutto il rispetto il braccino di Rea in gara 2 lo hai visto solo tu...a me è sembrato che ci abbia provato fino all'ultimo a prendere Davies nonostante i rischi di riaprire un mondiale già chiuso !!
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Come dico sempre, non solo per le gare SBK ma anche per quanto riguarda la Moto GP, un confronto fra i concorrenti si può fare solo se in quel momento stanno facendo lo "stesso mestiere"
    Ieri in pista c'era un pilota il cui mestiere è quello di vincere titoli mondiali e altri che stavano tentando di fare la "gara della vita", a parte Baz che su quel tipo di terreno si è sempre trovato a meraviglia e lo ha dimostrato ancora una volta, anche altri naturalmente per motivi diversi, quasi tutti finalizzati comunque a mantenere una sella per l'anno venturo.
    I piloti Ufficiali Ducati non sono estranei a questa legge, non so se per il 2021 hanno il posto blindato in squadra ma sembra si siano impegnati a dovere, poco da perdere e molto da guadagnare, gli è andata bene, il fatto è che i proclami di inizio stagione sono stati ancora una volta disattesi.
    Il campionato non è ancora matematicamente chiuso ma Rea con ancora 3 gare a disposizione 3 punti penso li possa fare, sempre ammesso che Redding faccia 3 vittorie naturalmente.
    Una situazione impensabile visto anche la testa che si ritrova Rea: ieri non era assolutamente a posto, non so il motivo ma si vedeva pure dal divano che non guidava come solito fare, ci ha provato ugualmente ma senza prendersi rischi troppo grossi.
    In parole povere per non vincere questo titolo a Rea gli dovrebbe succedere qualcosa di molto brutto prima della fine della prima gara del prossimo e ultimo Weekend.
    Una evenienza che nessuno si augura (spero) nemmeno il più incallito dei tifosi.

    Valentino Masini
Inserisci il tuo commento