Beta RR 450 Dirt Racing Team

Moto.it: ufficiali per un giorno con Beta al Campionato Italiano Motorally

- Moto.it ha preso parte alla prima tappa del Campionato Italiano Motorally in sella alla Beta RR 450 del Dirt Racing team. Vi raccontiamo com'è andata
Moto.it: ufficiali per un giorno con Beta al Campionato Italiano Motorally


Tra passato e presente

Almeno una volta nella vostra esperienza da motociclisti vi sarete sicuramente chiesti come sarebbe vivere l’esperienza di partecipare ad una competizione, chi per orgoglio personale, chi per sfida contro l’amico sborone, chi per curiosità e chi ancora, per il semplice gusto di provare qualcosa di nuovo.
Nel mio piccolo, quando sono stato pilota di enduro, ho avuto la grande fortuna di viaggiare molto, visitare posti dove nessun viaggio organizzato mi avrebbe mai portato, solcare monti e strade dove pochi altri hanno avuto l’opportunità di passare e tutto questo durante diversi anni di gare, mi hanno lasciato un segno indelebile nel cuore. Oggi però, che la mia principale dislocazione risiede dietro ad un schermo del pc, ricordo con nostalgia e desiderio, le avventure dei posti scoperti e delle esperienze vissute.
Al contrario di come interpretavo le cose in passato però, dove ogni uscita in moto era in funzione di certi risultati ed obiettivi da raggiungere, ora ricerco, per quanto possibile, che ogni uscita mi porti a conoscere nuove interpretazioni  del mondo delle due ruote, non solo per gusto personale, ma in particolar modo per il sapore che ne deriva dal raccontarle e condividerle con chi gode della medesima passione.

Ciak si parte!

Ed eccomi qui a raccontarvi di questa ultima avventura, vissuta lo scorso weekend, nella quale grazie alla grande disponibilità di Beta Motor ed al Dirt Racing team, capitanato dal Sig. Machetti onnipresente sui campi gara del Campionato Italiano Motorally, ho potuto disporre di una nuova e fiammante Beta RR 450 2011, super kittata e pronta per la prima tappa del Campionato. Moto, assistenza, carte e logistica tutto già predisposto, unico impegno quello di ricordarmi l’abbigliamento tecnico necessario (fatto) e gli orari ai controlli orari, sono stati solo alcuni dei punti di forza che mi hanno catapultato in un’occasione che mai nella vita avrei potuto perdere!

Rito satanico

Da sempre scettico sulla “guida navigata” e sulla tribù dei roadbookiani, molto più incline alle classiche frecce dei circuiti dell’enduro, ho incontrato fin da subito un’ambiente totalmente diverso, dove in realtà la classifica di fine giornata appare quasi di contorno al puro divertimento, anziché al contrario come accade nelle altre specialità. L’assenza di prove speciali da visitare a piedi i giorni antecedenti la gara come quella della mancanza del parco chiuso, rendono il sabato decisamente più semplice da gestire, tanto che chi, come me ha impegni anche nel fine settimana piò tranquillamente permettersi di arrivare nel primo pomeriggio, senza perdersi nulla di importante. Resta dunque il tempo necessario per le operazioni preliminari, le verifiche tecniche e, per chi ha la fortuna di aver scelto una Beta, godersi sotto il tendone ufficiale in rinomato aperitivo toscano. Rito serale è certamente la consegna dei rotolini dannati, senza la quale pare non si riesca a fare nemmeno un chilometro…”vedremo disse il cieco, e non vide nulla” rimane il mio pensiero costante…Ma la consegna non è a sola cosa a destarmi preoccupazione, perché noto con stupore che tutti i vicini hanno già messo mano al proprio astuccio e con 3 – 4 colori sono, in men che non si dica, alla nota quaranta a sottolineare, curve, segnalazioni, pericoli e quant’altro. Io, alla nota 40 ci arrivo circa a mezzanotte dopodiché decido che correre “in bianco e nero” va bene lo stesso, visto e considerato che le note sono più di 450!

Mi serve il copilota

Partenza ore 9:50 e fin qui tutto ok. Navigazione idem, per i primi 5 km senza bivi. Affronto anche una piccola prova speciale fettucciata, un poco impacciato non essendo abituato a guidare con tutta la strumentazione a bordo. Appena entro nel sottobosco e guido “impegnato” però, tutti i nodi vengono al pettine. Guidare, cambiare, leggere, avanzare il roadbook, controllare il trip, correggere, cambiare nota, mi fanno in poco tempo andare in pallone completo. Iniziamo bene!..figuriamoci alla prima prova speciale!

Termino la giornata in sesta posizione della 450 4T, decisamente soddisfatto della prestazione ottenuta, ma molto di più, grazie a Beta, per aver provato e scoperto un mondo a me fino ad oggi ignoto, degno della giusta attenzione e che assolutamente consiglio di provare a tutti coloro che hanno una fuoristrada posteggiata in garage

Da come ricordavo la RR testata lo scorso anno, il giro mi conferma i suoi punti di forza, ovvero l’erogazione oltremodo elastica che riesce ad essere performante sia ai bassi regimi, utili a sfruttare la miglior trazione possibile nei tratti impegnativi, che agli alti, dove la capacità di andare oltre le righe permette, in diversi casi, di poter insistere sulla stessa marcia senza perdere tempo nella cambiata.. Ne deriva una facilità d’uso che permette di poterne trarre un grande vantaggio, sia dal punto di vista della maneggevolezza che prestazionale. La RR450 è e si conferma dunque performante sotto ogni punto di vista, potente e scattante in ogni situazione, ma altrettanto impegnativa da gestire quando la si vuole portare al limite. Nota di considerazione per il reparto sospensioni, secondo me eccessivamente morbido all’anteriore cosa che in alcuni casi ha messo in crisi l’assetto generale.
Uno dei pochi vantaggi  di partire nelle retrovie in una giornata di pioggia e fango, quello di ricercare, in alcune occasioni, conferma nelle tracce, tanto da fare quasi invidia ad un bracco tedesco alla ricerca del fagiano abbattuto. Dopo aver imprecato qualche volta ed odiato profondamente il tracciatore, scopro magicamente che non è stato lui ad aver sbagliato le note, come inizialmente credevo con convinzione, bensì io la strada. Resettato, avvolto e rimesso in carreggiata, giungo già stremato alla prima prova speciale che recita: 12 km di note per un totale di oltre 40 minuti di test cronometrato..robe dell’altro mondo! In realtà non riscontro grossi ostacoli o problematiche tecniche a livello di guida, il grado di difficoltà infatti è adatto alla maggior parte dei motociclisti, anche ai meno esperti, ciò che fa la differenza diventa sostanzialmente la capacità di interpretare con velocità e precisione le note, e guidare con ritmo e costanza per tutta la durata del crono. L’impegno diventa quindi duplice perché non solo è fondamentale guidare con attenzione ed in attacco, ma è altrettanto necessario mantenere la dovuta tranquillità e lucidità per analizzare costantemente i bivi, le note, le tracce ed il trip. Alla fine della PS giungo particolarmente stremato, molto più di testa che di gambe. Da li un bel trasferimento fino ad arrivare all’assistenza, dove non solo si fa benzina a pilota e moto, ma è necessario cambiare il roadbook per la seconda parte del giro.

La fortuna del principiante

Capito il meccanismo, mi sento pronto al riscatto e navigo con una certa tranquillità, prima fino al fettucciato (lo stesso del primo giro) e poi per oltre 70 km fino ad arrivare alla successiva e conclusiva speciale in linea. Scopro in questo tratto la vera forza di questa specialità: sebbene le condizioni meteo fossero davvero impedienti, poter visitare e solcare le strade che ho percorso durante la gara, sono sensazioni difficili da descrivere. I classici stradoni di ghiaia bianca, affiancati in maniera regolare da filari di cipressi pronti al risveglio primaverile, che uniscono un nucleo di cascine storiche all’altro, ognuno più incantevole del precedente, esaltano ancora di più il piacere di stare in sella.

Moto.it ha preso parte alla prima tappa del Campionato Italiano Motorally in sella alla Beta RR 450 del Dirt Racing team
Moto.it ha preso parte alla prima tappa del Campionato Italiano Motorally in sella alla Beta RR 450 del Dirt Racing team


Arrivo dunque alla prova finale, di poco più corta della precedente, ma alquanto più impegnativa in quanto sviluppata sulle medesime strade della prima, cosa che, tanto per semplificare, aiutava a confondere ancora di più le idee. Abbastanza provato dalla prima, mi lancio con determinazione anche in questa e solo grazie a qualche santo protettore, ne esco indenne: incroci multipli, strade infangate già percorse nel giro mattutino, concorrenti fermi in prova e controlli timbri nascosti, per qualche motivo a me non ancora noto, non ostacolano la mia corsa all’arrivo che giunge abbastanza indolore. Scopro poi che il grande colpo di fortuna nel centrare l’ultimo controllo timbro, mi porta ad essere uno dei pochi partecipanti a non prendere la penalità di un’ora prevista da regolamento.

Reality è meglio che HD

Termino la giornata in sesta posizione della 450 4T, decisamente soddisfatto della prestazione ottenuta, ma molto di più, grazie a Beta, per aver provato e scoperto un mondo a me fino ad oggi ignoto, degno della giusta attenzione e che assolutamente consiglio di provare a tutti coloro che hanno una fuoristrada posteggiata in garage. Non ci sono infatti scuse che tengano, qualsiasi moto essa sia, perché è documentato che possono correre e vincere, dai cinquantini alle Africa Twin.

Non vi resta che dar dentro il vostro televisore LCD in cambio di quello da montare al manubrio, perché, questo ve lo posso garantire, potrete vivere delle emozioni talmente belle ed intense che nessun HD potrà mai avvicinarsi per definizione.

 

Sono stati utilizzati

Casco Premier
Occhiali Pro Grip
Maglia Pivesso
Pantaloni Pivesso
Guanti Progrip
Stivali Alpinestars Tech 10

  • matcas01, FOLLONICA (GR)

    Grande.. ...io c'ero!

    Mitico... ...io c'ero! Partito nelle retrovie nella categoria sport a dire il vero, ma in quell'ora sotto il viadotto, prima della Ps4 forse ci siamo anche incrociati...
    Condivido a pieno quello che dici, e mi ritrovo anche sull'analisi dei tempi passati, io come te, ma non per la moto, bensì per il surf, ho trovato l'occasione di viaggiare intorno al mondo per praticare e competere in questo sport.. ..poi come dici tu, si diventa grandi, e a meno che uno non giochi in serie Z a calcio, che cmq ti permette di viverci, se fai un altro sport ad un certo punto, ti "devi arrendere" all'evidenza, che tocca lavorà! Così anche io oggi siedo dietro un pc 10h al giorno..
    La moto l'ho scoperta tardi, a 26 anni, oggi ne ho 32, e mi cimento sia con l'enduro sia con qualche pistata tra amici.. ...le competizioni, per l'enduro mi hanno sempre attirato poco, devo dire, anche perchè andare a prendere 15/20 secondi in un fettucciato da un 20enne che si allena 3 volte a settimana mentre divento cieco con excell, è poco gratificante.. ..d'altronde la competizione trova il suo quid in un misurarsi, se no l'enduro uno lo fa tra amici nel week end, ed è bellissimo e appagante lo stesso...
    Tutto questo fino all'anno scorso quando ho deciso di scrivermi all'Italiano motorally, mosso dalla convinzione che dopo aver navigato tanto per mare senza riferimenti, unire questa capacità a quella di andare in moto, avrebbe potuto darmi qualche soddisfazione.. ...e così è stato!
    Come dici il campo di gara è veramente rilassato, l'ambiente ottimo, le gare stupende (se ti è piaicuta Rapolano, l'anno scorso a Gioia dei Marsi saresti impazzito...) e poi c'è questo spirito avventuriero che come dici ben si sintetizza nel giusto equilibrio gas/mente, tecnica/intelligenza, velocità/precisione...
    Inoltre ho scoperto, e quest'anno mi sono lanciato, che con questo sport si possono fare esperienze come riuscivo a farne col surf, cioè viaggiare alla ricerca dello spot perfetto allora, adesso viaggiare visitando e correndo in moto: mi sono infatti iscritto al Rally d'Albania (giugno), e parteciperò anche al Merzouga in Marocco a novembre... ...anzi lancio un sasso: se moto.it volesse un "inviato", mi candido a pieno titolo, qualora il posto non sia già occupato, ovvio!

    Un saluto
    Ma77eogas n° 735
  • XR1975, Milano (MI)

    :))))

    non c'è che dire sono gran belle soddisfazioni...complimenti!
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Betamotor RR Enduro 450 4T (2011)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Betamotor
  • Modello RR 450
  • Allestimento RR Enduro 450 4T (2011)
  • Categoria Enduro
  • Inizio produzione 2010
  • Fine produzione 2011
  • Prezzo da 8.450 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza n.d.
  • Larghezza n.d.
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN n.d.
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco n.d.
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata n.d.
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri n.d.
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento n.d.
  • Avviamento n.d.
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza n.d.
  • Coppia n.d.
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio n.d.
  • Numero marce n.d.
  • Presenza retromarcia n.d.
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante n.d.
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore n.d.
  • Misura freno anteriore n.d.
  • Tipo freno posteriore n.d.
  • Misura freno posteriore n.d.
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore n.d.
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore n.d.
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Betamotor

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta