Gare stradali

GP di Macao, Poker per Stuart Easton

- Dominio assoluto del poleman nella quarantottesima edizione del Gran Premio di Macau. Secondo Rutter, staccato di oltre 14 secondi

Ha preso il via con la prima sessione di libere riservate alle moto (la gara motociclistica è considerata quasi un contorno rispetto alle massime categorie auto) la sessantunesima edizione del GP di Macao, con l’otto volte vincitore Michael Rutter subito in testa nonostante  il passaggio da Honda a Yamaha – lo specialista del Guia è infatti salito sulla YZF-R1 con cui l’anno scorso Ian Hutchinson aveva interrotto la sua seconda striscia vincente.

 

Rutter ha conquistato la vetta della classifica già verso metà sessione, non abbandonando mai il comando e ritoccando anzi il suo personale un paio di volte. Dietro di lui Stuart Easton, anch’egli tre volte trionfatore nell’ex protettorato portoghese e neocompagno di squadra di Hutchy in sella alle Kawasaki del team Paul Bird, fresco di abbandono del Mondiale dopo qualche stagione incolore fra CRT ed Open. Terzo l’inossidabile John McGuiness su Honda, che precede Saiger ancora su Kawasaki.  Solo sesto, dietro a Hutchinson, Jessopp su BMW S1000RR.

Da notare come il gruppo si possa considerare relativamente compatto con l’eccezione del primo: Michael Rutter ha rifilato due secondi e passa al primo degli inseguitori, lasciando intuire tutte le intenzioni di aggiungere una nona vittoria al suo palmarés che, vale la pena di ricordarlo, vanta anche tredici trionfi alla North West . La gara prederà il via sabato mattina alle 8:30 ora italiana, sarà trasmessa da Eurosport.

 

Così nella prima sessione di Prove Libere:

1- Michael Rutter – Yamaha YZF R1 – 2’28”708

2- Stuart Easton – Kawasaki ZX-10R – 2”156

3- John McGuinness – Honda CBR 1000RR – 2”347

4- Horst Saiger – Kawasaki ZX-10R – 3”483

5- Ian Hutchinson – Kawasaki ZX-10R – 3”602

6- Martin Jessopp – BMW S1000RR – 3”630

7- Gary Johnson – Honda CBR 1000RR – 3”810

8- Jamie Hamilton – Honda CBR 1000RR – 4”181

9- Peter Hickman – BMW S1000RR – 4”975

10- James Storrar – BMW S1000RR – 4”977

11- Stephen Thompson – BMW S1000RR – 5”441

12- Lee Johnston – Honda CBR 1000RR – 5”671

13- Steve Mercer – BMW S1000RR – 6”181

14- Didier Grams – BMW S1000RR – 6”313

15- James McBride – Yamaha YZF R1 – 6”569

16- Roman Stamm - Kawasaki ZX-10R – 6”828

17- Allann-Jon Venter - Yamaha YZF R1 – 7”994

18- Graham English – BMW S1000RR – 8”364

19- Dan Cooper – BMW S1000RR – 8”389

20- Brian McCormack – Suzuki GSX-R 1000 – 8”616

21- Steve Heneghan – Kawasaki ZX-10R – 8”781

22- Marc Fissette – Suzuki GSX-R 1000 – 8”970

23- Nuno Caetano – Kawasaki ZX-10R – 10”780

24- Paul Shoesmith – BMW S1000RR – 11”183

25- Davy Morgan – Honda CBR 1000RR – 11”243

26- Mark Miller – EBR 1190RS – 11”267

27- Sandor Bitter – Honda CBR 1000RR – 11”741

28- Michael Sweeney – Kawasaki ZX-10R – 12”854

29- Andre Pires – Yamaha YZF R1 – 13”834

30- Brandon Cretu – EBR 1190RS – 14”520

31- Dan Kruger – Kawasaki ZX-10R – 16”732

 

Prove ufficiali, primo turno

Nel primo turno di prove ufficiali di venerdì, Michael Rutter (Yamaha R1) ha spiccato il miglior tempo limando il suo crono di 1" e 2 decimi. Stuart Easton (Kawasaki ZX-10R) si è confermato al secondo posto e Martin Jessopp ha portato la BMW S 1000RR al terzo. Quarta posizione provvisora Ian Hutchinson, sempre su Kawasaki ZX-10R, mentre il super specialista del TT John McGuinness ha portato la prima Honda Fireblade al quinto posto. Appuntamento al secondo turno di qualifica per stabile la griglia di partenza del GP.

 

1. Michael Rutter, UK (Yam YZF-R1), 2:27.699

2. Stuart Easton, UK (Kaw ZX-10R), 2:28.000

3. Martin Jessopp, UK (BMW S1000RR), 2:30.247

4. Ian Hutchinson, UK (Kaw ZX-10R), 2:30.728

5. John McGuinness, UK (Hon CBR1000RR), 2:30.798

6. Horst Saiger, Austria (Kaw ZX-10R), 2:30.863

7. Gary Johnson, UK (Hon CBR1000RR), 2:31.156

8. James Storrar, UK (BMW S1000RR), 2:31.164

9. Lee Johnston, UK (Hon CBR1000RR), 2:31.239

10. Jamie Hamilton, UK (Hon CBR1000RR), 2:31.494

11. Peter Hickman, UK (BMW S1000RR), 2:31.952

12. Didier Grams, Germany (BMW S1000RR), 2:32.043

13. Stephen Thompson, UK (BMW S1000RR), 2:32.644

14. Steve Mercer, UK (BMW S1000RR), 2:32.645

15. Daniel Cooper, UK (BMW S1000RR), 2:33.005

16. Roman Stamm, Switzerland (Kaw ZX-10R), 2:33.168

17. James McBride, UK (Yam YZF-R1), 2:34.600

18. Allan-Jon Venter, South Africa (Yam YZF-R1), 2:35.043

19. Mark Miller, USA (EBR 1190RS), 2:35.248

20. Marc Fissette, Belgium (Suz GSX-R1000), 2:35.501

21. Davy Morgan, UK (Hon CBR1000RR), 2:35.764

22. Steve Heneghan, Ireland (Kaw ZX-10R), 2:36.130

23. Brian McCormack, Ireland (Suz GSX-R1000), 2:36.570

24. Paul Shoesmith, UK (BMW S1000RR), 2:36.911

25. Graham English, UK (BMW S1000RR), 2:37.322

26. Sandor Bitter, Hungary (Hon CBR1000RR), 2:38.036

27. Brandon Cretu, USA (EBR 1190RS), 2:38.281

28. Andre Pires, Portugal (Yam YZF-R1), 2:38.300

29. Michael Sweeney, Ireland (Kaw ZX-10R), 2:38.375

30. Nuno Caetano, Portugal (Kaw ZX-10R), 2:38.510

31. Dan Kruger, Canada (Kaw ZX-10R), 2:38.865

 

Prove ufficiali, secondo turno e pole position

C’è voluto un confronto lungo 45 minuti per definire la griglia del Gran Premio di Macao 2014; dopo una sessione di prove travagliata, caratterizzata anche da una bandiera rossa per la caduta (fortunatamente senza conseguenze) di Michael Sweeney, in cima alla tabella dei tempi hanno svettato il rientrante Stuart Easton e la sua Kawasaki, con poco più di mezzo secondo di vantaggio su Michael Rutter.

Il Campione in carica punta quindi dritto alla quarta vittoria in carriera sul tremendo Circuito da Guia, dopo la striscia vincente messa a segno nel triennio 2008-2010, anche se è lecito prevedere resistenza da parte di Rutter - alla caccia della nona affermazione - nella gara che prenderà il via domattina alle 15.30 (8.30 ora italiana).

Distacco oltre il secondo per il terzo classificato, Lee Johnston davanti al vincitore 2013 Ian Hutchy Hutchinson, quarto con la seconda ZX-10R del team Paul Bird. Buono il quinto posto di Storrar su BMW davanti a Sanger. Solo decimo John McGuinness, ad oltre quattro secondi dalla vetta.

Così in griglia:

1- Stuart Easton – Kawasaki ZX-10R – 2’25”975
2- Michael Rutter – Yamaha YZF R1 – 0”503
3- Lee Johnston – Honda CBR 1000RR – 1”121
4- Ian Hutchinson – Kawasaki ZX-10R – 2”310
5- James Storrar – BMW S1000RR – 2”531
6- Horst Saiger – Kawasaki ZX-10R – 2”945
7- Gary Johnson – Honda CBR 1000RR – 2”977
8- Martin Jessopp – BMW S1000RR – 3”433
9- Steve Mercer – BMW S1000RR – 4”003
10- John McGuinness – Honda CBR 1000RR – 4”011
11- Didier Grams – BMW S1000RR – 4”161
12- Dan Cooper – BMW S1000RR – 4”766
13- Stephen Thompson – BMW S1000RR – 5”040
14- Roman Stamm – Kawasaki ZX-10R – 5”214
15- Marc Fissette – Suzuki GSX-R 1000 – 6”455
16- Brian McCormack – Suzuki GSX-R 1000 – 6”534
17- Allann-Jon Venter – Yamaha YZF R1 – 6”541
18- James McBride – Yamaha YZF R1 – 6”897
19- Paul Shoesmith – BMW S1000RR – 7”084
20- Steve Heneghan – Kawasaki ZX-10R – 8”090
21- Mark Miller – EBR 1190RS – 8”163
22- Davy Morgan – Honda CBR 1000RR – 9”226
23- Brandon Cretu – EBR 1190RS – 9”432
24- Sandor Bitter – Honda CBR 1000RR – 10”202
25- Graham English – BMW S1000RR – 10”287
26- Nuno Caetano – Kawasaki ZX-10R – 11”588
27- Michael Sweeney – Kawasaki ZX-10R – 12”400
28- Dan Kruger – Kawasaki ZX-10R – 12”890

La gara

Le sue intenzioni di puntare alla vittoria erano emerse chiaramente dalla determinazione messa in mostra durante le prove, ma immaginarsi che Stuart Easton e la sua Kawasaki ZX-10R riuscissero ad imporre il proprio ritmo con tanta autorevolezza, macinando il resto degli avversari come niente, era molto meno scontato. E invece Easton è scattato più veloce di tutti al via, ha girato a poco meno di un secondo dal tempo valsogli la pole e gli avversari li ha rivisti al traguardo, dove ha conquistato la sua quarta vittoria sul Circuito do Guia dopo la micidiale tripletta 2008-2009-2010, portando alla vittoria i nuovi pneumatici Metzeler Racetec Slick.

Se non si parlasse della piazza d’onore verrebbe da dire “solo” secondo Michael Rutter, che per tutta la gara si è dovuto difendere dagli assalti di Lee Johnston, Martin Jessopp e Gary Johnson, che hanno vivacizzato la lotta per il podio. Alla fine, già detto di Rutter, sul terzo gradino è salito Jessopp con la BMW, con Johnson quarto, Johnston quinto, sesto Sanger e solo settimo McGuinness. A terra, dopo essere stato protagonista di un “lungo” al primo giro e di un successivo recupero, il vincitore dell’edizione 2013 Ian Hutchinson,

Così al traguardo
1- Stuart Easton – Kawasaki ZX-10R – 29’45”143
2- Michael Rutter – Yamaha YZF R1 – 14.050
3- Martin Jessopp – BMW S1000RR – 14.505
4- Gary Johnson – Honda CBR 1000RR – 15.717
5- Lee Johnston – Honda CBR 1000RR – 24.163
6- Horst Saiger – Kawasaki ZX-10R – 26.330
7- John McGuinness – Honda CBR 1000RR – 30.479
8- Dan Cooper – BMW S1000RR – 49.091
9- Roman Stamm – Kawasaki ZX-10R – 49.449
10- Stephen Thompson – BMW S1000RR – 53.760
11- Didier Grams – BMW S1000RR – 56.711
12- Mark Miller – EBR 1190RS – 1’04.891
13- James McBride – Yamaha YZF R1 – 1’06.128
14- Davy Morgan – Honda CBR 1000RR – 1’07.989
15- Allan-Jon Venter – Yamaha YZF R1 – 1’13.608
16- Steve Heneghan – Kawasaki ZX-10R – 1’47.336
17- Graham English – BMW S1000RR – 2’00.669
18- Sandor Bitter – Honda CBR 1000RR – 2’03.377
19- Nuno Caetano – Kawasaki ZX-10R – 2’13.469
20- Dan Kruger – Kawasaki ZX-10R – 2’16.151
21- Michael Sweeney – Kawasaki ZX-10R – 2’22.178
22- Brian McCormack – Suzuki GSX-R 1000 – 1 lap 
23- Steve Mercer – BMW S1000RR – 1 lap 

  • Fabio.HD, Belluno (BL)

    @David100

    Perche' le moto italiane non sono abbastanza affidabili ne abbastanza economiche, senza contare la maggiore difficolta' all'estero nel reperire i ricambi. Nelle road races si sono viste le rsv4, cosi' come le Ducati... ma con risultati molto scarsi (fatta eccezione per Rutter e pochi altri). La 1098r e' stata l'ultima delle Ducati utilizzata... la Panigale si e' rivelata un disastro (hanno tentato anche un TT). Usano motori 4L perche' sono duraturi,vanno fortissimo, consumano meno, facile manutenzione e nel complesso meno costosi.
  • Alessandro200958, Mogliano Veneto (TV)

    David100

    Perchè sono moto costosissime se le si vuole far andar forte davvero, difficili da mettere a punto sopratutto in un campionato che corre spesso per strada. Non è un caso che nei campionati minori, snche su pista, ce ne siano pochissime. Ma puoi vedere anche in SBK... Le due ufficiali volano le altre insomma...
Inserisci il tuo commento