rally

Cerutti dominatore del Motorally a Scarlino. Il nostro Aimone protagonista nel Challenge Ténéré 700

- La seconda giornata del campionato motorally ha laureato campione ancora una volta Jacopo Cerutti. Ottimo esordio per il nostro Aimone al Challenge Ténéré 700
Cerutti dominatore del Motorally a Scarlino. Il nostro Aimone protagonista nel Challenge Ténéré 700

Dalle 8.00 in punto di domenica 25 aprile i piloti dell’Italiano Motorally hanno cominciato a sfilare sulla pedana dello start per il via della seconda giornata di campionato a Marina di Scarlino (GR). 
Jacopo Cerutti, mattatore del day 1, ha aperto le danze staccando subito un ottimo tempo: 27’05.53, cronometro battuto solo dal portacolori Africa Dream Racing, Leonardo Tonelli. Terzo Tommaso Montanari, una new entry per il campionato motorally, già campione italiano classe 125 enduro ed ora tra i piloti maggiormente sotto i riflettori nel paddock. La top ten si completava con Maurizio Gerini, Andrea Mancini, Emilio Procaccini, Luigi Martelozzo, Filippo Tullio, Andrea Rocchi e Matteo Bresolin.

Il secondo settore selettivo di 26 chilometri (2 chilometri più lungo della prima prova in linea) ha dato ragione a Jacopo Cerutti che si è imposto su Leonardo Tonelli mentre la 3^ posizione è andata a Paolo Lucci.
La seconda giornata del campionato motorally ha visto imporsi ancora una volta Jacopo Cerutti; il podio della classe Assoluta si completava con 2 piloti portacolori Africa Dream Racing: Leonardo Tonelli e Maurizio Gerini, tra i migliori italiani alla Dakar negli ultimi 3 anni. In rosa ha dominato su tutte le ragazze presenti Serena Ghione, onore e meriti anche alla svizzera Jasmin Riccius e Raffaella Cabini.
Nella classe dedicata alle ottavo di litro si è imposto Andrea Sassoli, mentre nella 250 Vanni Cominotto ha ripetuto il successo del giorno precedente; la classe 300 è stata di proprietà di Filippo Tullio.

La classe regina, ovvero la D-450 ha premiato Jacopo Cerutti mentre salendo di cilindrata la 600 è andata a Tommaso Montanari; la categoria G-1000 è stato affare di Marco Job in sella a KTM mentre la Marathon ha visto Giovanni Gritti come miglior interprete.
Le classi Veteran e Ultraveteran hanno consegnato l’oro rispettivamente a Enzo Mattiauda e Mauro Uslenghi; il trofeo Under 23 è andato a Carlo Cabini.
ll Challenge Yamaha Ténére 700 PRO ha laureato vincitore di giornata Niccolò Pietribiasi, seguito da Michele Pradelli e Fabio Mauri mentre il Challenge Yamaha 700 GPX ha dato onore e meriti a Davide Righi, Rodolfo Russo e Carmelo Palmer.

Ha partecipato al Challenge Yamaha Ténére anche il nostro tester storico del fuoristrada, Aimone Dal Pozzo, che ha chiuso al primo posto nella speciale classifica Press dedicata alla stampa.
Soprattutto Aimone, che era al debutto in un rally, si è divertito parecchio tra guida e navigazione e punta già alle prossime tappe. A breve su Moto.it il suo resoconto della gara di Scarlino. Bravo Aimone: se continui così, ti mandiamo alla Dakar.
 

  • giandr, padova (PD)

    Con tutto il rispetto per Aimone, che abbia dato 15 minuti a Pietribiasi proprio non ci sta, evidentemente c'erano dei percorsi diversi...
    http://enduro.ficr.it/enduroplus/indexweb.asp?g=1057&d=1&a=2021&ce=96&m=4
Inserisci il tuo commento