PROVA NAKED

Ducati Monster S4RS Testastretta

L'ultima highlander
- A distanza di tredici anni esce una nuova (l'ennesima) versione della Ducati Monster. Corsaiola come non mai la S4R S Testastretta rappresenta il top della gamma Monster

Trucco estetico leggero per questa superbike nuda che se da una parte ha guadagnato in prestazioni e dotazione tecnica, dall'altra ha perso quella semplicità e pulizia delle linee tipiche delle versioni raffreddate ad aria. L'occhio dell'appassionato, naturalmente, sarà attirato più dalla componentistica pistaiola di questa nuova versione della Monster, che non da tutto il resto. Probabilmente qualche novità estetica dopo una così lunga e onorata carriera non sarebbe disdicevole.

Tra le new entry della dotazione di serie, vanno sicuramente citate le forcelle Ohlins con steli rovesciati da 43 mm di diametro e trattamento TiN degli steli e la sospensione posteriore con mono progressivo ultra regolabile (grazie al puntone registrabile si può anche variare l'altezza), delle vere chicche per specialisti.
Goduria per gli occhi, ma non solo per quelli, l'impianto frenante griffato Brembo promette (e mantiene...) grandi cose. I due padelloni anteriori da 320 mm con relative pinze radiali a 4 pistoncini e 4 pastiglie, ed il 45 giri posteriore da 245 mm stamperebbero il sorriso sul volto di qualsiasi motociclista.
Notevole la dotazione di carbonio, fiancatine, parafango e coprimotore sono fabbricati con il pregiato tessuto.
L'intramontabile telaio a traliccio in tubi d'acciao, coadiuvato nel "lavoro" da un forcellone monobraccio in alluminio, abbraccia il bicilindrico da 998 cc, vecchia conoscenza degli appassionati ducatisti.
130 cv (95 Kw) a 9.500 giri e 10,6 kgm di coppia erogati a 7.500 giri sono numeri che parlano da soli, soprattutto nel caso in cui siano messi a disposizione di una moto senza carene...
Vista la dotazione al top per quanto riguarda ciclistica e motore, mi sarei aspettato un cruscotto più "ricco".
Tachimetro e contagiri analogici, due piccoli display per orologio, termometro e contachilometri parziale-totale sono poca cosa per una top di gamma.
Anche gli specchi retrovisori, dal look tutt'altro che "fresco", si sposano poco ad un prezzo di acquisto di 14.500 €.
Decisamente esiguo, anzi del tutto inesistente il vano sottosella, che obbliga a tenersi il blocca disco in tasca.
La posizione di guida con gambe raccolte e busto parecchio caricato in avanti, se da una parte rappresenta un buon compromesso nella guida sportiva, dall'altra mette in evidenza un'impostazione ergonomica datata che, nell'utilizzo quotidiano, affatica il pilota.

Le prime ore di guida passate in città (purtroppo) mi danno una sensazione sgradevole. La frizione granitica, un motore che sotto i 3.000/3.500 giri strappa e il calore sprigionato dai due cilindri sfiancherebbero chiunque. Decisamente poco a suo agio nel traffico cittadino, anche a causa del limitato raggio di sterzo, la "Testastretta" sogna (e fa sognare ) spazi aperti e senza traffico.

130 cv (95 Kw) a 9.500 giri e 10,6 kgm di coppia erogati a 7.500 giri sono numeri che parlano da soli

Ma giudicare questa Ducati per come si comporta nell'utilizzo quotidiano è decisamente limitativo.
Una moto così fatta per gli appassionati della guida, per gli amanti delle pieghe e delle aperture di gas non si può giudicare nel tragitto casa-ufficio, dunque trasferiamoci ...sul passo del Maloja.
La lunga supestrada che porta da Milano fin su a Colico, non rappresenta il massimo per una naked senza carena, ma il piccolo cupolino della Monster si comporta in modo più che apprezzabile. Le vibrazioni del motore si avvertono, ma non disturbano più di tanto il pilota, mentre sono gli specchi retrovisori che ne risentono maggiormente.
Gli allunghi permessi dallo scarso traffico, fanno uscire la vera natura del "Testastretta" che pur essendo un bicilindrico ama girare alto...ma in alto davvero.

Inutile dire che la cavalleria e la coppia a disposizione sono difficilmente sfruttabili su strada aperta al traffico e che sono più adatte ad un utilizzo pistaiolo.
La ciclistica risponde bene, anche se sul veloce emerge una sgradevole sensazione di leggerezza dell'avantreno. Spostandoci sul misto medio veloce, il bicilindrico bolognese mostra di avere cavalli e coppia da vendere. Le uscite dalle curve sono delle vere e prorie fucilate, coadiuvate da un cambio rapido e preciso. A soffrire tanta cattiveria è sempre l'avantreno, che risponde alle aperture di gas con delle sbacchettate.

Ducati Monster S4RS Testastretta
Ducati Monster S4RS Testastretta


La possibilità di regolazione delle sospensioni può ovviare in parte al problema, ma un ammortizzatore di sterzo lo vedrei bene.
La sospensione posteriore da parte sua, si comporta bene finchè l'asfalto è in buone condizioni, meno bene quando si incontra qualche buca (purtroppo frequenti sulle nostre strade), situazione in cui il pneumatico tende a scartare troppo bruscamente.
Lo scarico alto ha permesso da tempo di ovviare al problema della scarsa luce a terra delle vecchie Monster, qui si può piegare a piacere senza che nessuna parte della moto sfreghi contro l'asfalto.
Terrificante la potenza dell'impianto frenante. Anche nelle staccate più "tirate" è sufficiente usare un solo dito per rallentare oppure arrestare la "Testastretta".
Per tirare due somme, questa Monster è sì una naked, ma solo all'apparenza, l'anima è da vera superbike, con tutti i pregi e i difetti annessi. Un cavallo di razza che ha bisogno per correre al meglio, di un pilota con gli attributi e magari di un nastro d'asfalto con i cordoli, piuttosto che con i guardrail.
 

Pregi


Dotazione - Prestazioni


Difetti


Erogazione ai bassi - Frizione pesante - Avantreno poco preciso

Al semaforo


Questa è una di quelle situazioni dove potete riconoscere l'intenditore dall'occhio "tecnico"... che vi riempirà il casco di domande...ma dopo tanti anni e tante Monster vendute...è facile che "i comuni mortali" vi confondano nella massa

  • Davide.Gambi, Cervia (RA)

    La moto per definizione

    E' la seconda ducati che ho, la prima era una S2R 1000 con la quale ho percorso poco più di 25000 Km, gran moto ma, nulla se paragonata alla S4Rs.
    Della prima posso dire che mi sono divertito tantissimo e che non mi ha mai dato nessun problema di affidabilità.
    Della seconda, beh che dire, è un sogno che si è avverato!
    E' appagante ogni volta che la guardo, componentistica, finiture una goduria la Monster tra le Monster, ed il bello è lasciarla così come esce da mamma DUCATI.
    A prestazioni direi che per l'uso stradale è eccessiva gran tiro da basso e una fucilata in alto, probabilmate in collina era più sfuttabile la S2R 1000 ma, vuoi mettere.....
    Ripeto la Monster tra le Monster snche perchè le nuove versioni (1100; 1100S, 1100 Evo) sono si belle ma, con il progetto Monster di partenza. Non per fare polemiche ma, la nuova Monster è una bella moto ma nulla di più; la S4Rs trasuda di tradizione e successi e sicuramente nel tempo si rivaluterà è diventerà una prestigiosa moto da collazione.
    Saluti Davide
  • username__235777, lecco (LC)

    mia esperienza

    comprata nel 2007

    ad oggi fatti 10.000 km davvero pochi in 3 anni... comunque sono super soddisfatto con kit Ecu5 e impianto completo di scarico la moto cambia totalmente e diventa estremamente brusca e cattiva, ma il bello sta proprio nel domarla e servirsi di quella iniezione di coppia e cavalli in più che l'impianto termignoni tira fuori dal testastretta, finalmente libero da vincoli di omologazione che ne soffocavano l'anima.

    maneggevolissima e molto molto performante, che dire... il top della fine serie MONSTER.... si perchè gli ultimi monster non hanno molto a che fare con la vera storia del telaio tubolare più famoso del marchio bolognese..
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Ducati Monster S4Rs Testastretta
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Ducati
  • Modello Monster S4Rs Testastretta
  • Allestimento Monster S4Rs Testastretta
  • Categoria Naked
  • Inizio produzione 2006
  • Fine produzione 2008
  • Prezzo da 14.500 - franco concessionario
  • Garanzia 2 anni, chilometraggio illimitato
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.121 mm
  • Larghezza n.d.
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 800 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 177 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 998 cc
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri a V
  • Disposizione cilindri longitudinale
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V 90
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 130 cv - 95 kw - 9.500 rpm
  • Coppia 11 kgm - 104 nm - 7.500 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 13 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 320 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 245 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 17 pollici
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Ducati

Usato: Ducati Monster S4Rs Testastretta

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta