special

Purpose Built Moto Honda CBX 1000. Cafè Racer a sei cilindri

- Un'icona come la Honda CBX sei cilindri della fine degli anni '70 rivoluzionata nella ciclistica e aggiornata nel motore, per creare una singolare café racer dal suono inimitabile: l'ha realizzata la factory australiana Purpose Built Moto
Purpose Built Moto Honda CBX 1000. Cafè Racer a sei cilindri

La Honda CBX 1000 sei cilindri è una moto che non soltanto è un'iconica pietra miliare della produzione degli anni '70 e '80 ma è pure una delle basi preferite dai customizer da cui partire per interpretare a modo proprio il personalissimo ringhio del motore da 1.074 cc.

Nel caso degli australiani di Purpose Build Moto l'occasione si è presentata grazie ad un loro cliente che chiedeva una rinfrescata alla sua sei cilindri per farne una café racer moderna e dinamica. La factory australiana si occupa di customizzare moto per i propri clienti ma commercializza anche parti speciali per rendere ogni moto "special" e la Honda CBX è stata largamente rivista sia nella ciclistica che nel motore.

Le modifiche più evidenti partono dalle sospensioni e dal desiderio di montare pneumatici dalle misure moderne. Via così il forcellone originale e la forcella di serie, sostituiti da un'avantreno preso da una Suzuki Hayabusa seconda serie e un forcellone di derivazione Aprilia RSV4 del 2010 guidato da un ammortizzatore Ohlins TTX: la CBX è una seconda serie, quella con il monoammortizzatore, tuttavia non deve essere stato semplicissimo agganciarlo al telaio originale e realizzare gli attacchi per il mono moderno, quindi onore al merito a Purpose Built Moto. Sono state rivoluzionate le sovrastrutture, abbandonando la carenatura, risagomando il serbatoio e costruendo un codino che integra minuscole luci di posizione e di arresto che fanno il paio con il gruppo ottico anteriore a LED. Bello il piccolo parafango con le staffe di supporto a sei punti di attacco, così come molto evocativi sono i sei scarichi - tre per lato - che danno al motore un sound inconfondibile - vedere il video per credere.

Il motore, oltre agli scarichi, ha ricevuto sei carburatori Kehin FCR con filtri aria singoli e adesso eroga 100 cavalli alla ruota che, uniti alla riduzione di peso di quasi 50 kg (si è passati da 277 a 228 kg!), dovrebbero rendere la guida della CBX piuttosto gratificante.

 

Fonte e foto: Purpose Built Moto

  • Pietro.Onesti, Milano (MI)

    questa moto di per se accettabile,é immensamente meno bella della cbx originale.Mi chiedo perchè voi di moto.it apprezzate questa robaccia,che fa proseliti e inquina la bellezza della storia delle moto.La CBX é stata un capolavoro assoluto,e distruggere degli esplari per farne dei brutti cloni,é imperdonabile.
Inserisci il tuo commento