L'Editoriale di Nico

Nico Cereghini: "Ancora sui vecchietti al volante"

- Torno sull'argomento, stimolato da un bella corrispondenza dal Giappone. Da loro gli anziani rappresentano un vero incubo perché provocano molti incidenti fatali, e si studiano varie soluzioni. Da noi?
Nico Cereghini: Ancora sui vecchietti al volante

Ciao a tutti! In un bell'articolo da Tokyo, il corrispondente di Repubblica Cristian Martini Grimaldi ha raccontato il nuovo incubo del Sol Levante: il numero eccessivo degli anziani al volante e i loro eccessi. Due sono i dati più allarmanti. Il primo dice che aumenta il numero di incidenti mortali causati dagli over 75, in controtendenza rispetto alle statistiche nazionali che registrano da anni un calo generale delle vittime. Il secondo precisa che gli over 65 provocano da soli il 13,5 per cento dei morti sulla strada. Potrebbe riguardarci poco, questo triste discorso, se non fosse che il Giappone è l'unico Paese al mondo che ci supera per la longevità della popolazione, e che quello che succede laggiù anticipa di qualche anno ciò che avverrà presto qui da noi.
 

I lettori più attenti sanno che su questo fenomeno accendo spesso il mio faro. Parlo da anzianotto, e dunque questa non può essere letta come una polemica generazionale: se ci sta a cuore la nostra sicurezza, non possiamo ignorare che insieme alle buche e ai digitatori compulsivi dello smartphone anche gli anziani al volante sono un problema che deve indurci a vigilare sempre di più. Naturalmente bisogna premettere che anche i giovani fanno disastri, e pure che molti motociclisti sono pericolosi indipendentemente dall'età, però restiamo sul tema: le cronache italiane parlano sempre più spesso di incidenti provocati da automobilisti molto anziani, e la superficialità con cui da noi si rinnovano le patenti desta un certo allarme. Ebbene, in Giappone gli studi sulle cause degli incidenti dicono che ai primi posti c'è lo scambio tra l'acceleratore e il freno, e la confusione tra destra e sinistra. Parlo sempre dei vecchietti.
E la cosa più interessante è che provano a studiare le soluzioni per incentivare i più anziani a rinunciare alla patente. Nel 2050 un terzo dei giapponesi avrà più di 65 anni.


Da dieci anni, per esempio, le banche offrono una percentuale di interessi un po' più alta a chi consegna la patente di guida, da cinque anni i taxi praticano sconti particolari agli anziani senza patente, da poco (toccando ferro) le pompe funebri hanno tariffe speciali per loro e la polizia regala i buoni per il ramen, che è la popolare zuppa di tagliatelle giapponese. E qualche risultato c'è. Dobbiamo pensare che la cultura nipponica è particolare e che l'isolamento sociale è vissuto con molta vergogna. Martini Grimaldi racconta che ci sono vecchietti che pur di non restare soli compiono piccoli furti con il preciso scopo di finire in carcere, e quindi trovare qualcuno con cui fare una partitella a baba-nuki, gioco popolare come la nostra briscola. Tanto che il tasso di criminalità degli over 65 è quadruplicato in vent'anni.


Lo si capisce bene, per i giapponesi come per gli italiani la patente è spesso un simbolo di efficienza e di autonomia degli spostamenti; e sotto questo punto di vista qui siamo fritti, da loro i trasporti pubblici funzionano ancora in modo abbastanza capillare ma non si può dire la tessa cosa per la disastrata Italia. Rinunciare alla macchina o alla moto può essere impossibile. Ed è qui che vorrei coinvolgere i lettori: oltre a raddoppiare la prudenza, intendo, possiamo fare qualcosa anche noi? Avete delle proposte da fare?

Anziani al volante
  • giovanni.arnò, Monza (MB)

    Rispondo all'amico Lemme (sic!), per ringraziarlo dei consigli, ma di essere più cauto, quando non si conoscono i soggetti. Se passo dalla GoldWing alla MT-07, lo faccio proprio perché è più leggera e quindi più manovrabile, almeno da ferma. Sono modesto e non voglio fare lo spaccone, ma senza elencarle, perché non le ricorderei tutte, ho avuto almeno circa 50 auto e una quindicina di moto, quindi so come comportarmi e proprio per l'età ho smesso da oltre dieci anni di frequentare l'autodromo.
    Per quanto riguarda il consiglio di cosa fare di alternativo per vivere bene la mia senilità, ebbene anche qui i consigli sono inutili. Sono stato seduto dietro una scrivania a leggere libri e non solo, per 45 anni, di professione di avvocato presso il Foro di Monza. Ho un bel pianoforte a coda Kawai che suono benino, stando a quello che dicono i miei amici e ho studiato anche il sax. Quanto al buon libro da leggere, da quando sono andato in pensione ne ho scritti quattro e i proventi delle vendite li devolvo tutti alla Associazione Maria Letizia Verga, che è alla avanguardia in Europa e in altre parti del mondo per la cura della leucemia dei bambini. Te la senti di comprane uno per beneficienza? L'offerta è libera, vanno bene anche 20 euro.
    Un consiglio concreto te lo do adesso io, se mi permetti. Alla nostra età non bisogna mettersi in pantofole e aspettare la signora in nero, come tu la chiami. La cosa più importante è quella di frequentare e non perdere i contatti con gli amici, la cui lista si assottiglia sempre più.
    Ti chiedo scusa, ma sentivo di dover scrivere quanto sopra.
    Un salutone cordiale
    Giovanni
  • giovanni.arnò, Monza (MB)

    Buonasera a tutti. Se si vuole chiacchierare per passare il tempo è una cosa. Se si vuole fare una analisi seria è un'altra. L'età anagrafica non può condizionare il modo di vivere di una persona.Questo è un assioma da cui discendono tutti i nostri ragionamenti deduttivi, ma dal quale non si può prescindere.
    Bisogna analizzare il comportamento dell'anziano ancora attivo, sportivo, che la mattina fa i suoi esercizi di ginnastica e lo sfortunato che è costretto a stare dieci ore al giorno seduto su una poltrona. Mi da fastidio parlare di me, ma,viste le circostanze, devo raccontarvi che ho festeggiato i miei ottant'anni. Ho sempre avuto auto sportive come Alfa Romeo Giulia SS, Giulia GTA, Maserati e la più grossa di cilindrata una Porsche 928 S. Ora, da persona responsabile ho ridimensionato le mie ambizioni e posseggo una Yamaha MT-07 che ho comprato perché più leggera della SuzuKi GSX R e della Honda GoldWing. Di auto oltre a una 500 del 1971 (comprata quando è nata mia figlia) posseggo una SLK 2300 Kompressor e quest'anno mi sono tolto lo sfizio di una Peugeot 208 GTI.
    Vi prego di non considerarmi uno "spaccone" che vuole raccontare agli altri queste cose per vanto, ma le dico, per ricordare anche a me stesso, per primo, di non avere mai fatto un incidente per colpa mia e di non avere mai avuto sottratto un solo punto della patente, nemmeno per superamento dei limiti di velocità. Concludo: Non si può fare un discorso di età anagrafica; i vecchietti, così come i giovani devono superare gli esami di rinnovo della patente in modo serio e responsabile, questo si, ma non emarginiamoli, per carità, facendoli soffrire di una ingiusta privazione di libertà e di "modus vivendi". Perciò suggerisco anche al caro Nico che seguo da anni (da quando ha cominciato la sua attività giornalistica) e che saluto caramente, andiamoci cauti con analisi e sentenze affrettate.Non credo che nessuno voglia buttar giù i nonni dalla "Rupe". Un saluto a tutti!
Inserisci il tuo commento