curiosità

Le parole più cercate su Google nel 2019: "moto", la grande assente

- Rispetto al 2018, Google Trends segnala la perdita di EICMA nella sezione dei biglietti più cercati
Le parole più cercate su Google nel 2019: moto, la grande assente

Con il Natale 2019 alle porte e l’imminente fine dell’anno, è tempo di tirare le somme dell’anno quasi passato: e per capire da cosa gli italiani sono stati interessati negli scorsi mesi, una fonte utile è Google Trends, che ci svela le parole più cercate del 2019.

Vi starete chiedendo che correlazione ci possa essere con le nostre moto, e infatti per il 2019, per la prima volta negli ultimi cinque anni, parrebbe non esserci la parola "moto" nella Top 10 di Google Trends, che comprende diverse categorie tra le quali “Parole”, “Personaggi”, “Biglietti” e “Come fare a…”, dove evidentemente non rientra un argomento correlato alle moto.

La parola più cercata di questo 2019 è stata “Nadia Toffa”, la conduttrice televisiva e storico volto del programma delle Iene, scomparsa lo scorso 13 agosto dopo una lunga battaglia con una malattia incurabile; mentre, a seguire, il secondo avvenimento più ricercato è stato il drammatico incendio della cattedrale parigina di Notre Dame.

Tra i personaggi più cercati, invece, troviamo, oltre a Nadia Toffa, anche sportivi come Mauro Icardi, cercato probabilmente per la crisi con l’Inter, ma anche il difensore della Juventus, l’olandese Matthijs De Ligt e vari cantanti e attori.

Come dicevamo, grandi assenti nelle classifiche sono la moto e le ricerche ad essa associate. L’anno scorso, ad esempio, in decima posizione, rientrava EICMA nella categoria “biglietti”, nonostante quest’anno il numero di ingressi abbia fatto registrare un aumento rispetto allo scorso anno.

L’anno precedente, nel 2017, invece, il terzo personaggio più ricercato è stato Nicky Hayden, morto il 22 maggio in seguito ad un incidente stradale che lo aveva coinvolto pochi giorni prima mentre era in sella alla sua bicicletta.

Nel 2016, invece, Google ha registrato nella sesta posizione della categoria “Come fare…”  il trapasso moto, argomento che abbiamo trattato anche noi più volte, insieme ad altri argomenti concernenti il mercato delle moto e ad altri più tecnici come l’iscrizione delle moto nel registro storico per le moto d'epoca e d’interesse collezionistico.

Ormai cinque anni fa, invece, a rappresentare il mondo delle "due ruote" ci pensava il beniamino di tanti appassionati della MotoGP, ovvero Valentino Rossi, che si era accaparrato il secondo gradino più alto del podio all’interno delle ricerche dei personaggi più cercati su Google e, destino beffardo, anche il secondo gradino più alto del podio all’interno del Motomondiale, arrivando alle spalle dell’altro pilota Yamaha, Jorge Lorenzo, che aveva chiuso la stagione 2015 della MotoGP in prima posizione, con uno scarto di soli cinque punti.

Facendo una ricerca più approfondita all’interno di Google Trends, si nota che l’andamento del termine “moto” e degli argomenti correlati è stato abbastanza stabile negli ultimi cinque anni, con una leggera flessione al ribasso in quest’ultimo anno. Una curiosità, invece, è vedere come il grafico sia altalenante, seguendo le stagioni, con picchi di ricerca in primavera estate e un andamento sottotono nei mesi più rigidi con un ciclico calo delle ricerche verso la fine di settembre e una crescita graduale a patire alla metà di marzo, raggiungendo il picco verso la metà di aprile e poi per EICMA. In quest’ultimo caso, quest’anno è stata l’eccezione alla regola, con un andamento decrescente quasi continuo a partire dalla fine della bella stagione.

Sono solo numeri ma forse all’interno delle statistiche si può vedere una panoramica più ampia che, talvolta, potrebbe rispecchiare l’andamento del mercato ma anche della società e dei gusti del popolo di Internet.

  • Edo7496, Jesi (AN)

    Sarà perché ormai tutti hanno Moto.it come homepage e non c'è più bisogno scriverelo nella search box di Google!
  • OsteoRider, Ferrara (FE)

    Apprezzo sempre i vostri articoli sulle vendite e l'andamento del mercato ma...
    Direi che presentare come un problema l'assenza della parola moto in google sia un pelo forzato. Non stiamo mica parlando di analisi di Cdambridge Analytica, soprattutto in un'indagine che mischia le moto a Nadia Toffa. Direi piuttosto di guardare come sempre i dati sulle vendite e la partecipazione ad eicma 2019 che mi pare sia stata soddisfacente. A cercare dati negativi io sottolineerei il divario che persiste tra l'ossessione dei media per le moto elettriche e la totale mancanza di interesse per questi mezzi da parte del pubblico. In questi tempi gretini come questi son dati che fan riflettere.
Inserisci il tuo commento