moto e hi-tech

Il nuovo passo avanti di Harley-Davidson sui controlli elettronici per la sicurezza

- Si chiama Reflex Defensive Rider Systems e offre un avanzato pacchetto di funzionalità di gestione hi-tech del mezzo. Arriverà già sui modelli 2020
Il nuovo passo avanti di Harley-Davidson sui controlli elettronici per la sicurezza

Avevamo già indicato la Casa di Milwakee come uno dei produttori più attenti all'innovazione e al futuro della mobilità; grazie al suo progetto di creare una nuova generazione di motociclisti More roads to Harley-Davidson attraverso iniziative commerciali, la progettazione di modelli fuori dagli usuali contesti a stelle e strisce, e anche l'evoluzione instancabile delle sue bicilindriche: si inserisce in questo ambito l'introduzione di quella rivoluzione fatta di controlli elettronici sulla dinamica della motocicletta, indispensabile per restare in vetta al gradimento e attrarre nuovi motociclisti.

Harley-Davidson ha così annunciato la disponibilità per quasi tutti i suoi modelli 2020 del pacchetto Reflex Defensive Rider Systems (RDRS) che aumenta la sicurezza e la stabilità della moto durante le fasi di accelerazione, frenata e percorrenza di una curva.

Vediamo insieme da cosa è composto ricordando che, a parte alcune eccezioni, il RDRS sarà di serie sui modelli CVO 2020, sui Trike (in versione specifica) e sulla LiveWire, ma optional su tutti gli altri. Non sarà disponibile, invece, per i modelli Electra Glide Standard.

Vai al listino Harley-Davidson e alle offerte sul nuovo

Vai alle offerte dell'usato dei modelli Harley-Davidson

i nuovi modelli Touring 2020 che beneficieranno del RDRS
i nuovi modelli Touring 2020 che beneficieranno del RDRS

C-ELB & C-ABS

Il Cornering Enhanced Electronic Linked Braking (C-ELB) unisce la frenata combinata Electronically Linked Braking (ELB) con il rilevamento dell'angolo di piega o, nel caso di un trike, dell'accelerazione laterale:in frenata, se inclinazione e bilanciamento della frenata sono incompatibili per la stabiltà della motocicletta interviene dinamicamente per garantire la perfetta tenuta di strada.

Da notare che già il solo ELB (di serie su tutti i modelli 2020) combina la frenata sui due assi, ma solo superate le bassissime velocità, azionando anche la pinza anteriore sinistra se si chiama in causa il freno posteriore, o anche la pinza posteriore se si aziona la leva al manubrio.

Il C-ELB interviene in frenata in modo dinamico cambiando di continuo la pressione sui due assi a seconda della velocità e dell'angolo di piega, per tenere la moto nella traiettoria tracciata da pilota.

Il Cornering Enhanced Antilock Braking System (C-ABS) è, appunto, il cornering ABS di casa Harley-Davidson: modula l'azione dei freni, su entrambi gli assi e anche in curva per garantire i minori spazi di arresto possibili quando l'angolo di piega (o nel caso di un trike, l'accelerazione laterale) riduce la quantità di grip disponibile.

C-TCS; DSCS; C-DSCS

Il Cornering Enhanced Traction Control System (C-TCS) è il traction control dinamico, parametrato anche sull'angolo di inclinazione della moto: interviene quando registra una perdita di aderenza e taglia la potenza fino al ripristino dell'aderenza ottimale.

Due i livelli disponibili, Standard e Rain; può anche essere escluso (immaginiamo già il sospiro di sollievo di quella parte di clientela più... coreografica e amante dei burn-out) e tiene conto dell'angolo di piega della motocicletta per garantire una trazione ottimale anche in curva.

Quando si verifica un'eccessiva perdita di aderenza della ruota posteriore in decelerazione, tipicamente per un veloce passaggio tra un rapporto e quello inferiore o una decelerazione su una superficie a scarsa aderenza, il DSCS (Drag-Torque Slip Control System) e il C-DSCS (Cornering Enhanced Drag-Torque Slip Control System) intervengono sulla coppia motrice, aumentandola fino al ripristino dell'aderenza ottimale; nel caso del C-DSCS, anche tenendo conto dell'inclinazione del veicolo in curva.

VHC & TPMS

Vehicle Hold Control (VHC) non è un freno di parcheggio o di sosta, Harley-Davidson lo sottolinea, ma un sistema che aiuta il pilota in tutte quelle situazioni nelle quali è comodo avere la moto ferma anche senza azionare i freni. Partenze in salita, nel traffico stop-and-go o, per esempio, nelle forti pendenze in uscita da un parcheggio sotterraneo dove un incrociatore da 400 chili deve magari essere tenuto in bilico tra la strada e la rampa in attessa di potersi immettere nel traffico.

Funziona attraverso un'ulteriore pressione sui comandi dei freni dopo essersi arrestati e si disinnesta automaticamente azionando l'acceleratore, la frizione o azionando e rilasciando i freni.

In ogni caso, dopo cinque minuti di attivazione, il VHC si disinserisce automaticamente. Anche mettere il cambio in folle, spegnere il motore o estendere la stampella laterale disattivano il VHC, proprio perché il sistema non è concepito come freno di stazionamento.

Il Tire Pressure Monitoring System (TPMS) è il sensore della pressione pneumatici che in caso di valori sotto il livello di sicurezza, avverte con una spia sulla strumentazione o con un'icona sul dashboard TFT presente su determinati modelli.

Il Reflex Defensive Rider Systems appare concepito non come uno step elettronico per massimizzare le performance ma come un sistema rivolto a rendere più comoda e sicura la guida di tutti i modelli Touring.

Siamo sicuri che anche la clientela Harley-Davidson più radicata non potrà che apprezzare queste innovazioni che certamente troveremo anche nei modelli ancora in cantiere e decisamente meno ortodossi con la filosofia tradizionale di Milwakee.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento