Harley-Davidson vende di più negli USA e aumenta i ricavi

Harley-Davidson vende di più negli USA e aumenta i ricavi
Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
Nel terzo trimestre la Casa di Milwaukee ha venduto più moto in Nord America, ma meno nel resto del mondo. I primi nove mesi segnano un +9% sul 2020 a livello globale, ma solo grazie a USA e Canada. Sono in parte gli effetti della strategia Hardwire
  • di Maurizio Gissi
27 ottobre 2021

Harley-Davidson sta affrontando importanti cambiamenti nella sua strategia di sviluppo dei nuovi modelli e nelle scelte commerciali in giro per il mondo.

Il suo programma Hardwire di revisione dei modelli e delle politiche di vendita ha iniziato a portare i primi risultati positivi già alla fine dell'anno scorso (con l'allora Rewire) nonostante le difficoltà esterne aggiunte dalla pandemia che hanno condizionato, e in parte continuano a condizionare, l'economia mondiale.

La casa americana ha presentato oggi la terza trimestrale 2021 che ha visto un buon risultato in termini di ricavi; un risultato oscurato parzialmente dall'eccellente andamento dello stesso periodo di un anno fa, quando si erano registrati i migliori indicatori economici dal lontano 2015.

Concentrandoci sulla vendita delle moto, che rappresenta la voce maggiore nei ricavi con quasi l'80% di quelli complessivi (un'altra parte importante delle entrate arriva da ricambi e accessori), le vendite mondiali sono state di 50.800 unità, vale a dire il 6% in meno rispetto al terzo trimestre del 2020 e un -13% rispetto alle 58.500 vendite del 2019.

Tuttavia in Nord America c'è stato un piccolo incremento del 2% grazie a 33.900 moto vendute, che sono i due terzi di quelle mondiali.
L'area EMEA, seconda per importanza e che comprende l'Europa ha perso il 16% scendendo a 9.400 vendite.

Allargando l'orizzonte temporale al periodo gennaio-settembre, le vendite mondiali sono state 160.300: significa un aumento del 9% sul 2020.
Nel 2019 avevano invece totalizzato 179.050 unità, il calo 2021-2019 è quindi del 10,5%.

Il 9% di aumento rispetto al 2020 si deve unicamente all'incremento del mercato nordamericano (+25%) salito a 114.800 moto vendute: vale anche un mini incremento sul 2019, quando si vendettero 113.500 moto in USA e Canada.

Negli altri mercati i segni sono però negativi: -18% in EMEA (24.600 unità vendute in nove mesi), Asia e Pacifico (-10% e 18.300 moto) e America Latina (-45%). In pratica con quasi 115.000 moto vendute il mercato nordamericano ha pesato nel 2021 per il 72% del totale mondiale.

Questo ha a che fare con la scomparsa di alcuni modelli in Europa, in particolare le Sportster che avevano un risalto importante, ha a che fare con i dazi ancora esistenti e con la decisione di abbandonare alcuni paesi per concentrare l'attività nelle aree e nelle tipologie più profittevoli secondo appunto il nuovo piano strategico.

                               Terzo trimestre                         Primi nove mesi  
Mercati 2021 2020 Variazione 2021 2020 Variazione
Nord America 33.900 33.200 +2,% 114.800 92.000 +25%
EMEA 9.400 11.200 -16% 24.600 29.900 -18%
Asia Pacifico  6.500 7.600 -15,% 18.300 20.300 -10%
America Latina 1.000 1.800 -41% 2.600 4.800 -45%
Totale mondo 50.800 53..00 -6% 160.300 147.000 +9%

Una buona strategia

I ricavi complessivi di Harley-Davidson del terzo trimestre sono stati di 1,161 miliardi di dollari (+20%) e quelli dei primi nove mesi di 3,724 miliardi (+36%), sempre rispetto agli stessi periodi del 2020.

La vendite unicamente delle moto ha visto i ricavi salire a 886 milioni nel terzo trimestre (+29%) e a 2,932 miliardi nei primi nove mesi (+44%). Confrontando questi dati con quelli delle vendite si nota come sia aumentato il valore medio delle moto vendute.

Il margine lordo è sceso da 29,8% a 26,7% (ma salito di 4.4 punti percentuali nei primi nove mesi), mentre il reddito operativo è aumentato a 98 milioni di dollari (+109%): nei primi nove mesi è stato di 511 milioni rispetto ai soli 10 dello stesso periodo del 2020.

Ultime da News