eicma 2014

Guidi (Ministro Sviluppo): "L'Italia è ancora competitiva e simbolo di eccellenza"

- I ministri Guidi e Lupi aprono l'EICMA 2014 garantendo l'impegno del Governo a rilanciare le due ruote. Presenti anche Cairoli, Marquez, Fontanesi e Agostini
Guidi (Ministro Sviluppo): L'Italia è ancora competitiva e simbolo di eccellenza

I ministri Federica Guidi (ministro dello Sviluppo Economico) e Maurizio Lupi (ministro per le Infrastrutture e i Trasporti) aprono l'edizione del centenario di EICMA 2014 davanti ai rappresentanti delle principali Case costruttrici italiane e estere e di ANCMA. Riportiamo i passaggi principali dei lori interventi, raccolti oggi nella Fiera di Rho-Pero. Nel corso della manttinata hano garantito l'impegno del Governo a rilanciare le due ruote. Alla presentazione hanno partecipato anche i campioni del mondo del 2014 Antonio Cairoli, Marc Marquez e Chiara Fontanesi, e il mito del passato Giacomo Agostini.

Federica Guidi (ministro dello Sviluppo Economico) 

"Il settore delle due ruote è uno dei più importanti e rappresentativi, perché interpreta il saper fare del nostro paese. Nonostante le difficoltà degli ultimi anni l'Italia rimane uno dei principali paesi produttori ed esportatori, veniamo solo dopo la Cina è il Giappone. 
Siamo ancora competitivi e simbolo di eccellenza tecnologica e sportiva. Bici e moto hanno rivoluzionato il concetto di mobilità in Italia nel nostro passato, ma possono essere ancora oggi un motore dell'economia nazionale. Il governo metterà in campo tutte le azioni che mancano per consentire alle aziende italiane, ma anche a quelle estere di tornare a investire qui. La legge Sabatini va in questa direzione, come pure il credito di imposta del 15% sui beni strumentali. La legge di stabilità fissa poi il credito di imposta fino al 50% per chi fa ricerca e sviluppo.
Abbiamo introdotto agevolazioni fiscali anche in materia di sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale per tutelare maggiormente chi esercita questa professione nel nostro Paese. 
Stiamo inoltre dialogando con le compagnie assicurative per abbattere i costi delle polizze in tempi molto rapidi. In particolare i costi vanno abbattuti per le moto, che sono le più colpite e rappresentano un settore vitale dell'economia italiana". 

Maurizio Lupi (ministro per le Infrastrutture e i Trasporti) 

"Le due ruote rappresentano sfida per la nostra industria nel mondo, ma anche e soprattutto per la mobilità urbana. Le imprese italiane non chiedono sussidi, ma la possibilità di esprimere tutto il loro potenziale: il governo lo sa e per questo vuole snellire la burocrazia e rendere più semplice fare impresa. Per combattere l'evasione assicurativa, che ha raggiunto livelli preoccupanti, introdurremo presto una norma che consente l'uso delle telecamere per verificare e sanzionare l'assenza della copertura RC.
Aggiungo anche che la pacchia per chi circola in Italia con auto con targa estera finirà presto e le multe arriveranno anche a loro.In Europa infatti le sanzioni prese con targhe straniere verranno regolarmente rese esecutive in tutti i paesi UE".

 

 

Antonello Montante, Presidente di EICMA

“È un privilegio e un’emozione per me inaugurare questa nuova edizione dell’Esposizione Mondiale del che quest’anno compie 100 anni. Il settore costituisce una parte importante del patrimonio italiano. Questa nostra lunga storia, che ha permesso all’Italia di muoversi, di sollevarsi nei momenti più bui, di mettere in pratica il proprio genio, di raccogliere i successi sportivi, di essere all’avanguardia nello sviluppo tecnologico, oggi è il testimone che va consegnato alle nuove generazioni in questa staffetta verso il futuro. Solo la capacità di riconoscere e valorizzare chi siamo stati e chi siamo può essere la chiave che ci apre la porta per un nuovo percorso. Un percorso che non può essere trascurato da chi governa questo Paese. A partire dalle istituzioni locali, perché le due ruote devono essere l’interlocutore privilegiato per facilitare il movimento dei cittadini e rendere più sane le nostre città.”

 

  • yoshi65, Fiorenzuola d'Arda (PC)

    promesse ed ancora promesse

    L'archivio digitale europeo doveva entrare in funzione l'anno scorso.
    Così le targhe venivano rilevate e le giuste multe arrivavano anche ai confini della galassia.
    Invece no,in Italia si puo fare tutto : guidare senza assicurazione,senza casco, senza patente,senza bollo....
    Tanto, i cretini pagano per equilibrare i bilanci delle assicurazioni e dei comuni.
    Vorrei dire ai Ministri in carica che bisogna farsi rispettare in Europa e avere una linea piu dura in casa per quanto riguarda la legalità.
    Solo così,a mio modesto parere,si potrà avere delle polizze giuste e una maggiore sicurezza x i 2 ruote.
  • arziom, Portogruaro (VE)

    domanda...

    ma questi ministri... lo sanno che una moto ha due ruote? io sinceramente dubito! e di certo non hanno la minima idea dei numeri drammatici di moto immatricolate in italia negli ultimi anni!!! se ne fossero minimamente a conoscenza parlerebbero ben diversamente!!
    Senza parlare di "targhe estere" (cosa c'entra con il settore moto.. lo sa solo il ministro..) Personalmente.. pago una follia di bollo!!!! e credo che chi circola con targa estera faccia solo bene!! Non è una questione di correttezza!!! è una gara a chi è più farabutto!! e per ora sta vincendo il governo alla grande!!
Inserisci il tuo commento