Tornano gli incentivi moto: non riguardano le endotermiche, ma solo le elettriche. Oggi il click-day

Tornano gli incentivi moto: non riguardano le endotermiche, ma solo le elettriche. Oggi il click-day
Nicola Andreetto
ANCMA precisa che per il 2024 il sostegno all’acquisto riguarda solo ciclomotori, scooter, moto e quadricicli elettrici. Il 3 giugno alle ore 10.00 riapre la piattaforma ministeriale
28 maggio 2024

Il 25 maggio il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri pubblicato in Gazzetta Ufficiale sblocca gli attesi incentivi che, però, riguardano soltanto ciclomotori, scooter, quadricicli e moto a propulsione elettrica. I fondi destinati alle due ruote endotermiche sono andati esauriti e non vengono rinnovati. Lo precisa anche Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) che in una nota "ribadisce che i fondi dedicati alle moto con motore endotermico menzionati nel decreto del presidente del Consiglio dei ministri, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 25 maggio scorso, sono quelli già messi a disposizione del mercato all'inizio del 2024 e consumati nel giro di poche ore lo scorso gennaio. Rimane invece confermata la disponibilità degli stanziamenti per sostenere gli incentivi all’acquisto di ciclomotori, scooter, moto e quadricicli elettrici”.

Il click-day è il 3 giugno

Gli incentivi o Ecobonus 2024 per i veicoli a zero emissioni scatterranno il 3 giugno alle ore 10 quando la nuova piattaforma del Ministero delle Imprese e Made In Italy sarà molto probabilmente assalita da chi è da tempo in attesa di poter proprio accedere a questi incentivi. Vengono rimessi a disposizione circa 37 milioni di euro per l’acquisto di veicoli di categoria L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e e L7e nuovi di fabbrica. Quindi si tratta di motocicli, ciclomotori, scooter e quadricicli con potenza non superiore a 15 kW e, ribadiamo, con motorizzazione elettrica.

Naviga su Moto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Non cambiano le regole

Come è stato finora, il contributo che si può ottenere dipende dal prezzo d’acquisto e dall’eventuale rottamazione di un veicolo inquinante. Senza quest'ultima il contributo è pari al 30% sul prezzo di vendita fino ad un massimo di 3.000 euro. Con la rottamazione di un veicolo da Euro 0 ad Euro 3, invece, il contributo che si può ottenere per l'acquisto di moto, scooter, tricicli e quadricicli elettrici sale al 40% del prezzo di listino con un limite massimo di 4.000 euro.

Caricamento commenti...