Ricorrenze

Ducati 916: 25 anni e sembra ieri

- La leggendaria sportiva bolognese, capolavoro dell'indimenticato Massimo Tamburini, compie un quarto di secolo
Ducati 916: 25 anni e sembra ieri

Si dice che tutti ricordiamo bene dove eravamo e cosa stavamo facendo nei grandi momenti storici che abbiamo vissuto nel corso della nostra esistenza. Se allora è vero, come purtroppo è vero, che l’età media dei motociclisti si sta alzando, allora quasi tutti i nostri lettori ricorderanno il momento in cui hanno visto per la prima volta la Ducati 916.

Svelata al Salone di Milano del 1993, la 916 lasciò tutti senza fiato. Un po’ perché allora non c’erano anticipazioni e foto rubate a rovinare il gusto del disvelo, un po’ perché la supersportiva della maturità Ducati di gestione Castiglioni era oggettivamente stupenda. Talmente bella da resistere praticamente immutata nell’estetica per otto anni.

Pensate che – ironia della sorte – avrebbe potuto essere molto diversa. Massimo Tamburini stava lavorando all’erede della 851 quando Honda presentò al Salone di Tokyo la sua NR750. Il designer romagnolo ne restò estremamente colpito, tanto da stracciare quanto fatto fino ad allora e ripartire da zero. E disegnare una linea, ma anche stilemi come i sottilissimi fari affiancati o gli scarichi sotto il codone, che hanno definito tutta una generazione di supersportive. E hanno fatto invecchiare di colpo tutta la concorrenza, perché non c’è stata rivale, almeno fino all’arrivo della Yamaha R1, che al suo cospetto non sembrasse grossa ed impacciata.

La Ducati 916 SP

Sotto la carenatura pulsava un bicilindrico Desmoquattro evoluto rispetto alla precedente unità della 888 – bisognerà aspettare la 996R del 2001 per festeggiare l’arrivo del Testastretta, primo cambio generazionale motoristico nella storia delle Superbike Ducati – ma soprattutto una ciclistica che costituiva un salto quantico rispetto alla concorrenza, casalinga e straniera.

Forcellone monobraccio infulcrato nel telaio (con abbandono del precedente schema pivotless) dotato di reggisella alleggerito e scomponibile, sospensione posteriore con regolazione dell’altezza indipendente dall’interasse ammortizzatore, tre brevetti come il cannotto di sterzo regolabile tramite eccentrici, l’ammortizzatore di sterzo trasversale e il dado della ruota posteriore con fermaglio in acciaio.

Sportivamente parlando, la 916 è stata un mostro. Sei titoli in otto anni nelle sue varie versioni, ad opera di piloti come Fogarty, Corser e Bayliss, e tantissime vittorie di manche con loro e tanti altri, a partire da quel Pierfrancesco Chili che se ne innamorò a tal punto da non volerla abbandonare quando arrivò la 999, scatenando le ire della Casa madre. E senza contare, con un po’ di rimpianto, tutto quello che avrebbe potuto farci Giancarlo Falappa, che la 916 l’aveva praticamente tenuta a battesimo prima di quel malaugurato incidente ad Albacete che gli ha stroncato la carriera.

Carl Fogarty a Laguna Seca nel 1998

La 916 divenne poi 996 e 998, evoluta nel propulsore e con qualche sapiente ritocco nella ciclistica, ma restò sostanzialmente immutata. E uno dei segni della grandezza del design di Massimo Tamburini è – come abbiamo già detto in apertura – il mantenimento dell’estetica, a parte la chiusura delle prese d’aria della carenatura (996R, 2001).

Con la 916 è nata un’icona che ha influenzato tutta la produzione Ducati successiva, perché a parte quella 999 che non seppe mai conquistare davvero il cuore dei ducatisti, le famiglie Superbike successive le devono molto. Le due opere di Gianandrea Fabbro, la 1098 e la 1099 Panigale – e quindi, ovviamente, la Panigale V4 – recuperano dichiaratamente tantissimo in termini di estetica dalla 916, creando quell’”effetto 911” tanto ricercato quanto elusivo per Case e designer di tutto il mondo.

Fa davvero impressione pensare che sono passati 25 anni da quando abbiamo visto la 916 per la prima volta. Da allora il mondo del motociclismo è cambiato molto profondamente nella sostanza, nell’estetica, nelle abitudini e nei gusti di noi motociclisti. Quella che non è cambiata è la bellezza della 916. Che – oggi come allora – evoca come nessun’altra moto il concetto di perfezione.

  • lucavespa65, Gualtieri (RE)

    Ducati 916

    Non capisco dove stiano trascendendo queste conversazioni. La discussione verteva sulla genialità del povero Tamburini, genio indiscusso, e si sta scivolando su problematiche di amor patrio condite da marmitte e frizioni rumorose. Ma vi leggete quando scrivete queste amenità? Che senso ha tutto ciò? Ogni cosa, ogni conversazione si tramuta sempre inevitabilmente in strombazzate senza alcun significato. Ammirate quel capolavoro che risponde al nome di Ducati 916
  • THEKINGOF THEKING, Bibbiena (AR)

    Noi italiani ci definiamo un popolo di partigiani/patrioti, ma dove?
    Quando andavo in giro con la mia 916 sps disco frizione aperto e termignoni aperti che mi sentivano a 20 km di distanza, quando mi fermavo al bar sentivo i commenti dei jappisti: "senti quella rossa che rumore di ferraglia, quel cancello non lo voglio neanche se me lo regalano".
    E fidatevi che ne ho sentiti parecchi oltre alla solita presa in giro "ducati-soldi buttati".
    Peccato che moltissimo stranieri considerano alcune ducati delle divinità.
    Sono molto perplesso!
    Buona frizione aperta a tutti!!
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Ducati 916 SP Monoposto (1994 - 96)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Ducati
  • Modello 916
  • Allestimento 916 SP Monoposto (1994 - 96)
  • Categoria Super Sportive
  • Inizio produzione 1994
  • Fine produzione 1996
  • Prezzo da 12.200
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.030 mm
  • Larghezza 780 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 790 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 195 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 916 cc
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri 2
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento n.d.
  • Avviamento n.d.
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 131 cv - 96 kw - 10.500 rpm
  • Coppia n.d.
  • Emissioni Euro 0
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 17 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore n.d.
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore n.d.
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 17 pollici
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Ducati
  • Motor Holding S.P.A. Via C. Ducati, 3
    40132 Bologna (BO) - Italia
    051 6413111   www.ducati.com/it/

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta