AH A MAY, ecco la Yamaha MT-07 Root

AH A MAY, ecco la Yamaha MT-07 Root
Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
Il nome di questo interessante progetto ne anticipa il principio: scambiare i ruoli in Yamaha fra chi disegna moto e chi strumenti musicali per trovare nuove interpretazioni. Ecco la Root e altre idee
  • Maurizio Gissi
  • di Maurizio Gissi
27 febbraio 2015

Le provocazioni creative servono a mettere alla prova chi le concepisce e chi si trova a osservarle. Un progetto di commistione estremamente curioso in campo moto, e interessante, è quello architettato da Yamaha: coinvolgere chi si occupa di disegnare moto e strumenti musicali e provare ad invertire i ruoli. Si tratta di provocare attraverso esercizi di stile, ma dalle provocazioni possono nascere spunti innovativi. Strumenti musicali e moto sono le divisioni cardine di Yamaha, che è nata nel 1887 costruendo strumenti musicali. Attività che non ha smesso di sviluppare, e implementare con l'avvento dell'elettronica, le tastiere, gli amplificatori eccetera, anche dopo essersi occupata di motori. Che si tratti di moto, jetsky, ATV e altro ancora, tutti hanno il logo dei tre diapason in bella evidenza a ricordare l'origine musicale di Yamaha.

 

Root
Root

Il nome del progetto AH A MAY altro non è che il ribaltamento del marchio originario ne e racchiude l'idea. I designer delle divisioni moto e musica si sono scambiati i compiti, senza vincoli produttivi e commerciali, seguendo i principi di stile della propria divisione ma con l'idea di conservare una specularità, una condivisione di forme dei prodotti Yamaha.

Alla nona edizione della Biennale Internationale Design di Saint-Etienne, Francia, aperta dal 12 marzo al 12 aprile, saranno esposti i lavori che in parte vi anticipiamo nelle foto della gallery.

La concept bike Root, traduzione del simbolo grafico della radice di elevazione a potenza, è una bobber minimalista costruita sulla base della MT-07, con telaio ridotto all'osso, ruote lenticolari e una sottile sella rivestita in cuoio che diventa seduta e unico elemento puramente estetico e sovrastrutturale.
 

Fujin
Fujin

La bici a pedalata assistita si chiama 0±0, la batteria si può caricare a casa pedalando sull'apposito sostegno e facendo esercizio quando non si esce di casa.

Chi disegna moto non è stato da meno in quando a fantasia. Il Fujin, che significa dio del vento, è un marimba di forma circolare (come una ruota) e con una sella da moto al centro per far accomodare chi la suona.

Infine il Raijin, ovvero il dio del tuono. In questo caso è una batteria, anche se il termine è riduttivo, con molti pezzi in più disposti su una struttura tubolare sferica: vorrebbe offrire al batterista nuove possibilità espressive.

Chissà se dopo questo esperimento, in Yamaha avranno valutato la possibilità di scambiare di sede qualche designer delle due divisioni... 

Ultime da News

Da Automoto.it

Hot now

Caricamento commenti...