Sicurezza

Talk show Eicma 2016: la rivoluzione Airbag

- Sarà sempre di più l'aria a proteggere chi va in moto, dai piloti della MotoGP a chi viaggia tutti i giorni su strada. Della tecnologia Airbag, e degli sviluppi futuri, ne parliamo con gli esperti di Alpinestars, Dainese, In & Motion e Motoairbag. Modera Nico Cereghini

Sarà l’aria il futuro delle necessità di sicurezza dei motociclisti? Quali sono le attuali applicazioni e quali quelle future? Si possono ridurre i costi? Quali sono le soluzioni in cantiere? Questi i temi principali dell'interessante dibattito svoltosi allo stand di Moto.it durante Eicma e dedicato alla sicurezza di chi va in moto e in scooter, dalla pista alla strada.
I sistemi Airbag applicati all'abbigliamento dei motociclisti sono ormai una realtà e la tecnologia si sta peraltro sviluppando rapidamente. Acquisito l'uso delle protezioni, dal paraschiena in giù, un contributo ancora più importante viene dall'aria che, espandendosi istantaneamente in speciali sacche, innalza la capacità di contenere la forza degli impatti durante un incidente o una caduta.

Dal 2018 le tute dei piloti che correranno nel motomondiale dovranno obbligatoriamente essere equipaggiate di airbag e questo darà ulteriore promozione alla soluzione da alcuni anni già disponibile. Una tecnologia derivata in parte dal mondo dell'auto ma con specifiche peculiari, che nel tempo sarà sempre più alla portata di tutti e sarà in grado di innalzare il livello di protezione dagli impatti più pericolosi e invalidandi. Quelli che interessano la colonna vertebrale e il torace.

Sono fondamentalmente due i sistemi di attivazione degli attuali airbag: a comando elettronico o meccanico ed entrambi offrono sicuri vantaggi.
Con gli ospiti di questo incontro cerchiamo di saperne di più sul questo argomento. Si tratta di Gordon Casteller, media service di Alpinestars Tech-Air, Enrico Silani, direttore tecnico di Dainese D-Air, Remi Thomas, Ceo di In & Motion (società francese che propone sistemi airbag per diverse applicazioni e per diverse marche come ad esempio Ixon), e Fabio Colombo, project manager di D.P.I. Safety noto per il sistema Motoairbag. Conduce il dibattito Nico Cereghini.

 

 

  • urbantucan, Firenze (FI)

    In giugno ho girato i tre punti vendita principali della mia città (firenze) per una verifica sulle proposte air-bag, disposto anche a spendere in vista dell'estate. Risultato deprimente. Commessi impreparati, approssimativi e quasi disinteressati. Nessuno in grado ne di concretizzare una proposta ne di dare spiegazioni su differenze di tecnologie e/o manutenzione (ricariche). Riproverò a primavera, sperando che qualcuno faccia un corso di aggiornamento e sia pronto sopratutto per dare consigli articolati, comprensibili e convincenti. Aziende formate i rivenditori!!
  • robmau, Concorezzo (MB)

    Interessante.
    Sicuramente, almeno per quanto mi riguarda, il prezzo è attualmente un ostacolo, am anche l'affidabilità, ho letto di airbag moto che si attivano accidentalmente e quindi avrei chiesto come si comportano in questi casi i produttori. Altra informazione che mi sarebbe piaciuta avere era quello riguarda le richariche, è semplice effettuarle, quanto costano etc.
Inserisci il tuo commento