mostra aiuto
Accedi o registrati
Salone di Milano

EICMA 2017. Royal Enfield Interceptor INT 650 - Continental GT 650

- Esordio ad Eicma per due nuovi modelli Royal Enfield dotati di un inedito propulsore 650 bicilindrico

Nuovo motore e nuovi modelli per Royal Enfield al Salone di Milano: Interceptor INT 650 e Continental GT 650, queste le due novità, equipaggiate con un propulsore inedito: un bicilindrico ad aria da 650 cc. Ma in realtà, si tratta di un "ritorno" delle Interceptor, che nelle versioni da  600, 692 e 736 cc venivano prodotte tra gli anni 60 e 70. Lo sviluppo del nuovo motore bicilindrico 650 è strettamente legato al concetto di sviluppare una piattaforma che, senza snaturare la tradizione e il carattere di Royal Enfield, la potesse trasportare in un contesto moderno. Il motore è un bicilindrico parallelo a tempi da 648 cc, con singolo albero a camme in testa e raffreddamento ad aria, sviluppato dai team di Royal Enfield nel centro tecnologico del Regno Unito e di Chennai (in India), che eroga 47 bhp a 7.100 giri con 52 Nm di coppia a 4.000 giri.
 

  1 di 5  


Questo propulsore equipaggia una delle due novità, la Interceptor INT 650, che riprende la tradizione della moto che negli anni Sessanta popolava le coste della California: una moto comoda e versatile da guidare in città come fuori. La Continental GT 650, la seconda novità presentata ad Eicma 2017, condivide motore e telaio della Interceptor, ma offre - a detta del costruttore - uno stile di guida e feeling in sella completamente differenti. Entrambe le moto saranno disponibili in differenti colorazioni e con due stili diversi, denominati Standard e Retro Custom, con undici combinazioni differenti per accontentare clienti dalle esigenze diverse.
 

  1 di 14  

 

  • DoktorCash, Roma (RM)

    Nel mio primo commento ero stato diplomatico, forse è meglio andarci giù pesante con la Durlindana: un conto è comprare qualcosa di economico ma con un suo fascino che arriva da decenni e decenni addietro, e con una (relativa) affidabilità, anche questa proveniente da oltre mezzo secolo di uso; un'altra e ben differente cosa è comprare una finta anticaglia di costruzione attuale ma non moderna, bensì già obsoleta alla nascita.
    Capisco ed apprezzo chi restaura una moto d'epoca; condivido la passione per le "Classic" o "Heritage" con look antico ma soluzioni moderne.
    Ma comprare una schifezza nata oggi già vecchia, e che hanno rifiutato pure gli Indiani...è come uscire con la Lollobrigida pensando che 60 anni fa era una strafiga!
  • babau551

    Avevo già notato l'Himalayan, l'avevo subito trovata simpatica se offerta al giusto prezzo.
    Ora apprendo che costerà 4590€. Mi è parso un prezzo onesto per un 400cc nuovo. Ulteriormente incuriosito sono andato a leggere qua e là....ed è stato uno shock!
    Ho appreso che c'è stata addirittura una class-action per le numerosissime problematiche riscontrate dagli utenti indiani! L'Himalayan non ha superato nemmeno i controlli di qualità sul prodotto condotti dal governo indiano ed infine, se non ho capito male, è stata ritirata dal mercato interno!!! Royal Enfield ha dichiarato che si prenderà tempo per sistemare i 40 difetti di fabbricazione riscontrati!La cosa è finita pure al telegiornale delle tv indiane.
    E ORA LA PORTANO QUI!!!?????!?!?!?!?!? Vorrei una spiegazione in merito a questo. Non l'hanno portata l'anno scorso...ha avuto tanti di quei problemi da ritirarla dal mercato interno in attesa di una nuova versione rivista e ora qui è ordinabile? Ho i miei forti dubbi che sia la versione aggiornata.
    Cercate su youtube con Himalayan victim, Himalayan discontinued, Himalayan true story...c'è da farsi venire i brividi!
Inserisci il tuo commento